Crea sito

Tricholoma saponaceum

 ESCAPE='HTML'

TRICHOLOMA SAPONACEUM

CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE
CAPPELLO: 5-14 cm, convesso e spesso ampiamente umbonato, con margine sottile, lobato ed irregolare, involuto e comunque rivolto verso il basso. Colore sfumato grigio verdastro ma anche brunastro. Cuticola liscia e setosa abbastanza asciutta anche a tempo umido.
LAMELLE: marginate, biancastre quasi verdastre, sporche, non fitte, spesso alte ed intervallate da lamellule.
GAMBO: 5-7 x 1,5 cm di colore variabile da biancastro a grigiastro dai medesimi toni del cappello ma più pallidi, al piede rosato (ben visibile al taglio).
CARNE: odore: caratteristico come di sapone di Marsiglia, nauseante. Sapore: amaro, anche se incostante. A volte amarognolo o dolciastro, non sgradevole.
SPORE: ellissoidali o subglobose, 6-7 x 3,5-4,5 µm, trasparenti (ialine).

HABITAT: la specie cresce numerosa sotto latifoglie ed aghifoglie, in estate-autunno.
COMMESTIBILITA': il fungo non è da considerarsi commestibile ed è da rifiutare per il cattivo odore di sapone che emana dalla sua carne e per via del suo sapore amarognolo. In codesta sede vogliamo classificarlo come “non commestibile” nel senso di considerarlo “da non consumare”. Ma da un punto di vista scientifico - oltre che umano - sarebbe sbagliato e pericoloso dire che non si possa parlare di una sua tossicità – e non elencarlo tra le specie tossiche e quindi pericolose – fino a quando, da questo punto di vista, non si accerti una posizione univoca e definitiva.
Specie simili:
L'odore, che in particolari condizioni climatiche potrebbe non essere marcato, lo rende facilmente distinguibile da altre specie [sarebbe qui tecnicamente impossibile elencare tutte le varietà che sono state create per questo fungo, definito come "il trasformista" a causa della sua spiccata variabilità (“one of the chameleons of the mushroom world”)].