Crea sito

Sternocleidomastoideo - muscolo

MUSCOLO STERNOCLEIDOMASTOIDEO

Etimologia : da sterno / dal greco στέρνον , stèrnon  “petto” / + cleido / κλείς  (- κλειδός) , kleis (- kleidos) “chiave, clavicola” / + mastoideo / da mastoide / der. dal greco  μαστός , mastos  “seno, mammella” suffissato in  -οειδής , -oeides  / da εἶδος , eidos “immagine, somiglianza, forma” / da cui μαστοειδής  , mastoeides  “simile a mammella” /.
Muscolo della regione laterale del collo, ove s’inserisce diagonalmente e superiormente attaccandosi al processo mastoideo, nella parte inferiore dell’osso temporale, e pervenendo, inferiormente, alla parte antero-superiore del torace, sullo sterno e sulla porzione della clavicola ad esso più vicina.
E’ uno dei più grandi e il più superficiale dei muscoli cervicali ed i suoi fasci hanno l’aspetto di cordoni, caratterizzando il muscolo e dandogli l’aspetto di un nastro teso che va a ricoprire i fasci vascolonervosi del collo di destra e sinistra (ciascuno formato da carotide comune, vena giugulare interna e nervo vago).
Le sue funzioni sono quelle di flettere, far ruotare e piegare lateralmente il capo. Se, rispetto a sterno e clavicola, il punto fisso risiede alla testa, determina sollevamento della gabbia toracica contribuendo così alla respirazione. Può agire anche come muscolo accessorio di inspirazione, insieme al muscolo scaleno del collo.

 ESCAPE='HTML'