Crea sito

SENOCRATE di Afrodisia (I sec. d.C.)

 ESCAPE='HTML'

SENOCRATE DI AFRODISIA

Senocrate di Afrodisia ( in greco ξενοκράτης ) (medico greco, metà del I sec. d.C.).
Vissuto a Roma ai tempi di Augusto e Tiberio, fu probabilmente contemporaneo di Andromaco (due generazioni prima di Galeno, come afferma anche quest’ultimo).
Oribasio ne conservò un breve compendio sulle creature marine (intitolato in greco  “Περὶ τῆς ἀπὸ τῶν Ἐνύδρων Τροφῆς “).
Altri frammenti ci sono pervenuti, relativi ad alcune opere farmaceutiche, ad un libro sui nomi delle piante e ad un altro suo scritto (in greco “Περὶ τῆς ἀπὸ τῶν Ζώων Ὠφελείας “) che trattava delle cose utili degli esseri viventi.
Galeno lo accusò di fare uso di "rimedi" disgustosi, come per esempio cervelli umani, carne, fegato, urine, escrementi, ecc..

 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'

E’ detto anche Senocrate “Afrodisiense” e viene citato dall’Ab. Fortunato Federici nel suo volume “degli scrittori greci...” (in Padova, 1828, p. 233) come autore di un libro dal titolo “De alimento ex aquatilibus” (come su ricordato, conservatoci da Oribasio).

 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'