Crea sito

Scleroderma citrinum

 ESCAPE='HTML'

SCLERODERMA CITRINUM
Scleroderma citrinum Pers., Synopsis Methodica Fungorum (Gottinga): 153 (1801).

CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE
CORPO FRUTTIFERO: inizialmente di forma globosa, ellissoidale, più o meno irregolare con piccole pieghe; alla base è più stretto e forma una specie di gambo. Con l'età si rompe sulla parte superiore fino ad aprirsi completamente, per poi diffondere le spore. Di colore bianco-sporco, giallo paglierino oppure giallo sporco, spesso si presenta con evidenti segni di screpolatura.
GLEBA: coriacea, gommosa, alla fine pulverulenta. Di color grigio da giovane, poi oliva, successivamente verde scuro, infine nera. Odore: fenolico, sgradevole. Più intenso nella gleba.
SPORE: scure in massa.

HABITAT: gregario, spesso cresce in colonie di numerosi individui, nei boschi di latifoglia [molto comune in modo particolare dove cresce il castagno europeo (Castanea sativa Miller) ma anche dove é presente il faggio (specie Fagus sylvatica L.) e genericamente tutte le specie di tiglio (Tilia)] oppure nei parchi cittadini ed a volte anche in piccole aiuole e lungo i sentieri; su ceppaie marcescenti, fogliame in decomposizione o su terreno arato; dall' estate fino all' autunno inoltrato.
COMMESTIBILITA': velenoso, tale da provocare avvelenamenti seri se ingerito in quantità. La sindrome che si manifesta é su base gastro-enterica e compare poco dopo la sua ingestione, con nausea, diarrea, sudorazione ma anche dolori intestinali e debolezza. Si cerca di intervenire tempestivamente innanzi tutto cercando di idratare in modo appropriato l’organismo per riequilibrare le perdite del tubo intestinale ma prima di tutto somministrando sostanze che agevolino lo svuotamento dell’apparato gastrico (lavanda gastrica, purganti).
Specie simili:
Altre specie del genere Scleroderma (Scleroderma citrinum, Scleroderma verrucosum, Scleroderma bovista, Scleroderma geaster, Scleroderma areolatum). Ma a volte viene confuso con alcune specie del genere Lycoperdon [oltre al Lycoperdon perlatum Pers., 1796 ricordiamo qui: Lycoperdon candidum Pers., Lycoperdon coelatum, Lycoperdon depressum Bonord. (1857), Lycoperdon echinatum, Lycoperdon giganteum, Lycoperdon pulcherrimum Berk. & M.A. Curtis, Lycoperdon pyriforme Schaeff. (1774), Lycoperdon saccatum] oppure con alcune specie del genere Bovista.