Crea sito

(di) SASSONIA Ercole

Ercole o Hercules (di) Sassonia o (di/de) Saxonia (appellato in aggiunta anche come “Patuinus”) (medico italiano, Padova, 1551 – Padova, 20 o 29 agosto 1607).
Celeberrimo clinico e grande personalità del Rinascimento italiano.
Dal 1575 cominciò l’insegnamento di Medicina presso l’Università di Padova, dove aveva anche conseguito la laurea, intervallato da un breve soggiorno a Venezia nel 1589.
Su invito di Massimiliano II d’Asburgo, si trasferì a Vienna presso la corte imperiale, ove rimase sino al 1600.
Nelle sue opere trattò principalmente di semeiotica e di malattie veneree e della pelle [tra i vari argomenti ricordiamo il suo De febribus; il De melancholia; De lue venerea; De pulsibus [et] De urinis; De putredine; De plica Polonica].
Il XVI secolo era stato caratterizzato da una malattia (la sifilide) che in Europa aveva assunto un decorso epidemico in quanto non se ne conosceva né la causa né alcun rimedio utile a combatterla. Nella corrispondenza epistolare intrattenuta col medico e filosofo Epifanio Ferdinando (1569-1638), Ercole di Sassonia affermò che la causa della malattia venerea risiedeva in un veleno contagioso che agiva sugli umori dell’organismo. Egli credeva che tale malattia potesse assumere le forme più diversificate e che la plica polonica potesse essere annoverata tra una delle sue conseguenze.
Tra le edizioni delle sue opere, citiamo:
-Disputatio de phoenigmorum, quae vulgo vesicantia appellantur, et de theriacae usu in febribus pestilentibus. In qua etiam de natura pestis et pestilentium febrium nonnulla tractantur... (Patavii, Paulus Meiettus 1591);
-De phoenigmis libri tres, in quibus agitur de universa rubificantium natura, deque differentijs omnibus atque VSU. Psilotris, smegmatibus, dropacibus, sinapsismis simplicibus, ac compositis vulgo vesicantibus, de usu quorum in febribus pestilentibus Multa disputantur. Nunc primum in lucem editi (Patavii, Paulus Meiettus 1593);
-Luis venereae perfectissimus Tractatus, Padova, Paulum Meiettum (1597);
-De plica quam Poloni Gwozdziec, Rossolani Koltunum vocant. Liber nunc primum in lucem Editus, Padova, Officina Laurentii Pasquati (1600);
-Tractatus triplex de febrium putridarum signis et symptomatibus; de pulsibus et de urinis, in certa quaedam capita redactus a Petro Uffenbachio. Accessit eiusdem doctrina de lue venerea... (Francofurti, Sigismundus Latomus 1600);
-Pantheum medicinae selectum sive medicinae practicae templum (etc.) Nunc primum in lucem ed. a Petro Uffenbachio. - Francofurti, Palthen (1603);
-Opera Practica, 1607 (seguita da varie altre edizioni, tra cui: Opera practica Quibus hac novissima editione praeter alia accesserunt eiusdem auctoris Tractatus de morbis mulierum & De pulsibus, ac urinis, omnia quam ante cura emendatione (Patavii, Apud Franciscum Bolzettam, 1639); Opera Practica, quibus hac Octava editione accesserunt quae pagina versa indicantur. Omnia quam ante cura emendatione (Patavii, Ex typographia Matthaei de Cadorinis, 1658); Opera practica. Nona editio auctior. Omnia quam ante cura emendatiore (Patavii, Jacobus de Cadorinis 1681);
-Prognoseon praticarum, 1620.