Crea sito

Russula aurea

 ESCAPE='HTML'

RUSSULA AUREA
Russula aurea Pers., Observationes mycologicae (Lipsiae) 1: 101 (1796).

CARATTERISTICHE MORFOLOGICHE
Cappello: circa 4-10 cm. di diametro, sodo, prima emisferico, poi convesso ed infine piano con leggera depressione centrale.
[cuticola separabile oltre la metà, asciutta, piuttosto opaca, di colore rosso con macchie giallo-oro più o meno estese.
margine arrotondato e solcato negli esemplari adulti.]
Lamelle: larghe (9 mm.), fitte, larghe, color crema poi dorate, adnate o libere al gambo, fin dal principio tinte di giallo-citrino sul filo, poi giallo-crema, infine ocracee.
Gambo: misura circa 5-8 x 2-3 cm., cilindrico, con base arrotondata, svasato all'apice, attenuato alla base, carnoso, prima pieno poi farcito, bianco, quasi sempre sfumato almeno in parte di giallo-limone con macchie brune.
Carne: biancastra, soda, gialla al di sotto della cuticola del cappello, assai fragile. [Odore: non rilevante. Sapore: dolce.]
Spore: 7,5-9 x 6,5-7,5 µm, sub-ovoidali, verrucose, reticolate, giallognole in massa.

Habitat: cresce dalla tarda primavera alla fine dell'estate, in boschi caldi di latifoglie, occasionalmente anche sotto conifere.
Commestibilità: la Russula aurea é fungo molto ricercato in quanto é una delle specie che, grazie alla colorazione giallo-arancio e rossa del cappello e giallo-citrino del filo delle lamelle e di parte del gambo, è maggiormente riconoscibile a colpo d'occhio dai raccoglitori, dai quali è anche considerata fra le più pregiate del genere e di ottima commestibilità.