Crea sito

Pirami Edmea

L’A.I.D.M. (Associazione Italiana Donne Medico) venne fondata a Salsomaggiore Terme (PR) il 14 ottobre 1921 senza fini di lucro e si è sempre caratterizzata per la sua natura apartitica e aconfessionale.
A tutto il 2001 essa risulta membro della Medical Women’s International Association (MWIA) di cui adotta l’emblema di Igea (portante il motto “Matris animo curant”).

 ESCAPE='HTML'

PIRAMI Edmea

Edmea Pirami (medico pediatra italiana, Ascoli Piceno, 1899 – Bologna, 1978).
Laureatasi nel 1922 in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Bologna, conseguì la specializzazione in Pediatria nel 1927 dopo un anno di esperienza di aiuto-pediatra presso il locale Brefotrofio.
Dopo alcuni anni – precisamente nel 1933 – conseguì la specializzazione in puericultura per poi dedicarsi alla libera professione, abbandonando l’esperienza ospedaliera per dedicarsi alla famiglia.
Sua preoccupazione continuò ad essere la dedizione ai problemi delle ragazze madri, degli spastici ed in genere delle persone meno abbienti che cercò di aiutare mantenendo aperti gratuitamente due ambulatori. Degno di nota il soccorso che diede – durante il II conflitto mondiale – ai bambini ebrei trovando loro un rifugio sicuro.
Suo merito aver introdotto, in quegli anni del dopoguerra, l’uso della penicillina a Bologna, ricevuta in dono da medici inglesi.
Dopo la guerra, fu la prima donna ad essere nominata consigliera dell’Ordine dei Medici di Bologna. Presiedette poi la sezione bolognese dell’AIDM fino a raggiungere – nel 1963 - la nomina alla Presidenza dell’Associazione nazionale dell’AIDM. L’anno successivo fu nominata vice-Presidente della MWIA (Medical women’s international association) per il Sud Europa.