Crea sito

Ostiolo

OSTIOLO

Etimologia : dal latino ostium “entrata della porta, apertura, orifizio”, da cui ostiolum , dim. per “piccola apertura”.
* Piccolo orifizio espandibile che mette in comunicazione con l’esterno il peritecio dei funghi (piccola ampolla cava in cui avviene la produzione delle ascospore) nella classe degli Ascomiceti (ad es., nel genere Hypoxylon appartenente al raggruppamento dei Pirenomiceti).
L’individuazione dell’esatta ubicazione dell’ostiolo può tornare utile ai fini di una esatta classificazione tassonomica tra specie diverse di funghi. Infatti, l’ostiolo si trova nella parte più alta e può essere posizionato sia su di una protuberanza che in una depressione; in tali casi esso si definirà, rispettivamente, ostiolo papillato oppure ostiolo ombelicato; quando aperto, favorisce la liberazione delle ascospore con la loro dispersione nell’atmosfera.
* L’ostiolo può rappresentare anche un’apertura propria dei tessuti delle alghe brune (attraverso cui le spore o i gameti vengono emessi all’esterno) e del fico (ostiolo quale orifizio apicale del siconio del fico).