Crea sito

Metrodoro di Cos (fl. V sec. a.C. ca.)

 ESCAPE='HTML'

Come ricorda Luigi Turrito nel suo Saggio storico sulla vita di Epicarmo del 1836, la patria di Metrodoro viene indicata storicamente in Cos, laddove invece la Suda afferma che fosse siracusano.
In realtà, risultano esistiti vari personaggi medici di nome “Metrodoro” ed in letteratura mentre leggiamo: “Asseritque Metrodorus Epicharmi filius, Thyrsi nepos...”, nello stesso saggio Metrodoro viene indicato (per altra citazione) come “fratello di Epicarmo” (“Epicharmi frater, Thyrsi filius”). Altrove risulta indicata solo la patria di Epicarmo - sempre che sia la stessa persona - (Epicharmus poeta Comicus, Syracusanus, vel ex Crasto oppido Sicanico...).
E risultano quindi indicate le patrie più disparate: da Cos a Siracusa a Metaponto, ecc... Altrove ancora leggiamo solo di un Epicarmo figlio di Elotali nativo di Coo (“Epicharmus Elothalis filius, Cous, ...).
(v. amplius pdf – saggio).
Per il nostro Metrodoro, medico greco del V sec. a.C. ca., indicheremo la patria di Cos. E citeremo la fonte (de vita Pythagorae, c. 34) del filosofo siro Giamblico di Calcide (Ιάμβλιχος, Iàmblichos; 250 circa – 330 circa).

METRODORO di Cos

Metrodoro di Cos (in greco: Μητρόδωρος τῆς Κῶ) (medico greco, Cos, Grecia, floruit 460 a.C. ca.).
Figlio di Epicarmo, come molti della sua famiglia, venne indirizzato in parte agli studi di medicina in parte agli studi della filosofia pitagorica (...medicus, Pythagoricus...).
Egli scrisse un trattato sulle opere di Epicarmo, in cui, sull'autorità di Epicarmo e di Pitagora in persona, sostenne che la lingua dorica era il dialetto corretto per gli inni orfici.
(fonte: Iamblichus, Vit. Pyth. - L. I - c. 34).

La vita di Epicarmo

 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'

Silvestro Centofanti ne “Il fiore della letteratura greca” – vol. I – 1908, cita Metrodoro ma fa anche una distinzione tra l’Epicarmo comico e l’Epicarmo filosofo [volume di cui pure alleghiamo il pdf (discorso sulla letteratura greca)].

 ESCAPE='HTML'