Crea sito

MENECRATE di Siracusa

Menecrate di Siracusa (in greco  Μενεκράτης – in latino  Menecrătes) – (medico greco, IV sec. a.C.).
L’addottoramento e l’esercizio delle arti mediche prendono sicuramente le mosse dall’ambiente siracusano e non furono certo immuni all’influenza delle teorie di Empedocle e di Platone.
Medico alla corte di Filippo II, re di Macedonia, potè vantare illustri pazienti, tra i quali si possono annoverare Nicostrato (stratega di Argo), Nicagora (tiranno di Zelea) ed Alessarco di Macedonia, figure di primo piano nella scena politica dell’epoca che ricorsero alle sue cure offrendogli molto probabilmente ospitalità ed un generoso onorario. L’elevata condizione sociale delle famiglie che ricorsero alle sue arti mediche sembra essere la prima certificazione della qualità della sua medicina. Ma Menecrate fece parlare di sé per la stravaganza dei suoi comportamenti sul filo di una vanagloria che rasentava la follia. A quanto racconta Ateneo nel suo Deipnosophistae (VII, 289a-289f), egli costringeva i suoi pazienti afflitti da malattie gravi, e particolarmente dal "morbo sacro" dell’epilessia, a stipulare un contratto con cui si impegnavano a divenire suoi schiavi nel caso fosse riuscito a guarirli. Ad ogni suo nuovo δοῦλος (doulos), una volta guarito, assegnava epiteti divini e a sé stesso quello di Zeus, vestendosi di porpora e indossando una corona d’oro e portando uno scettro in pugno. Così chiamò Eracle Nicostrato Argivo che dell’eroe/dio portava l’abbigliamento; Hermes Nicagora tiranno di Zelea che del dio portava le ali, la clamide, il caduceo; Apollo un certo Astycreon; Asclepio infine un altro (di cui Ateneo tace il nome), che del dio indossava il costume. Tutto ciò veniva attuato quindi con una messa in scena esteriore fortemente teatrale, tale da impressionare il pubblico, creando un vero e proprio corteo di divinità (θεἰος χορος). La sua equiparazione con Zeus non sembra possa essere frutto di un tributo da lui semplicemente accettato in quanto nei suoi scritti egli si auto-definisce Zeus. Difatti avrebbe scritto lettere al re Filippo e ad Archidamo III, re di Sparta, firmandosi “Menecrate/Zeus”, vantandosi di essere anzi superiore a loro, poiché mentre i re potevano solo decidere la morte dei loro sudditi, egli poteva guarire dalle malattie e dare la vita.
Ateneo racconta che il re Filippo, per punire la sua presunzione, organizzò un banchetto nel quale a tutti vennero offerti cibi squisiti tranne che a Menecrate, al quale, come se fosse realmente un dio, vennero riservati solo fumi d'incenso e libagioni lasciandolo così a digiuno e costringendolo ad andar via per fame insieme al suo seguito di schiavi-ex pazienti. Non si sa quanto realistico possa essere tale racconto. Comunque, così recita Ateneo (Deipnosophistae, VII, 289a-289f) :
ταῦτα, νὴ τὴν Ἀθηνᾶν, οὐδ᾽ ἂν Μενεκράτης ἂν ὁ Συρακόσιος ἐξωγκώσατο ὁ Ζεὺςἐπικαλούμενος, ὃς ἐφρόνει μέγα ὡς μόνος αἴτιος τοῦ ζῆν τοῖς ἀνθρώποις γινόμενος διὰτῆς αὑτοῦ ἰατρικῆς. τοὺς γοῦν θεραπευομένους ὑπ᾽ αὐτοῦ τὰς ἱερὰς καλουμέναςνόσους συγγράφεσθαι ἠνάγκαζεν ὅτι  ὑπακούσονται αὐτῷ δοῦλοιπερισωθέντες. καὶ ἠκολούθουν ὁ μέν τις ῾ Ἡρακλέους σκευὴν ἔχων καὶ καλούμενος ῾Ἡρακλῆς Νικόστρατος δ᾽ ἦν οὗτος ὁ Ἀργεῖος, ἱερὰν νόσον θεραπευθείς: μνημονεύει δ᾽αὐτῶν Ἔφιππος ἐν Πελταστῇ λέγων ὧδε:
οὐ Μενεκράτης μὲν ἔφασκεν εἶναι Ζεὺς θεός,
Νικόστρατος δ᾽ Ἁργεῖος ἕτερος Ἡρακλῆς;
ἄλλος δέ τις ὡς Ἑρμῆς χλαμύδα ἔχων καὶ κηρύκειον, πρὸς δὲ τούτοισι πτερά, ὡς ὁΖελείτης Νικαγόρας ὁ καὶ τῆς πατρίδος τυραννήσας, ὡς ἱστορεῖ Βάτων ἐν τοῖς περὶτῶν ἐν Ἐφέσῳ τυράννων. Ἡγήσανδρος δέ φησιν ὅτι καὶ Ἀστυκρέοντα θεραπευθένταὑπ᾽ αὐτοῦ Ἀπόλλωνα ἐκάλεσε. καὶ ἄλλος δ᾽ αὐτῷ τῶν περισωθέντων Ἀσκληπιοῦστολὴν ἀναλαβὼν συμπεριεφέρετο. αὐτὸς δ᾽ ὁ Ζεὺς πορφύραν ἠμφιεσμένος καὶστέφανον χρυσοῦν ἐπὶ τῆς κεφαλῆς ἔχων καὶ σκῆπτρον κρατῶν κρηπῖδάς τεὑποδεδεμένος περιῄει μετὰ τοῦ θείου χοροῦ, καὶ ἐπιστέλλων Φιλίππῳ τῷ βασιλεῖοὕτως ἔγραψεν ‘’
”Μενεκράτης Ζεὺς Φιλίππῳ χαίρειν. σὺ μὲν Μακεδονίας βασιλεύεις, ἐγὼ δὲἰατρικῆς, καὶ σὺ μὲν ὑγιαίνοντας δύνασαι ὅταν βουληθῇς ἀπολλύναι, ἐγὼ δὲ τοὺςνοσοῦντας σῴζειν καὶ τοὺς εὐρώστους ἀνόσους οἳ ἂν ἐμοὶ πείθωνται παρέχειν μέχριγήρως ζῶντας, τοιγαροῦν σὲ μὲν Μακεδόνες δορυφοροῦσιν, ἐμὲ δὲ καὶ οἱ μέλλοντεςἔσεσθαι. Ζεὺς γὰρ ἐγὼ αὐτοῖς βίον παρέχω.’  πρὸς ὃν ὡς μελαγχολῶνταἐπέστελλεν ὁ Φίλιππος: ‘Φίλιππος Μενεκράτει ὑγιαίνειν.’ παραπλησίως δὲ ἐπέστελλεκαὶ Ἀρχιδάμῳ τῷ Λακεδαιμονίων βασιλεῖ καὶ τοῖς ἄλλοις ὅσοις ἔγραφεν, οὐκἀπεχόμενος τοῦ Διός. καλέσας δ᾽ αὐτόν ποτε ἐπὶ δεῖπνον ὁ Φίλιππος μετὰ τῶν ἰδίωνθεῶν συγκατέκλινε πάντας ἐπὶ τῆς μέσης κλίνης ὑψηλότατα καὶ ἱεροπρεπέστατακεκοσμημένης καὶ τράπεζαν παραθεὶς ἐφ᾽ ἧς βωμὸς ἔκειτο καὶ τῶν ἀπὸ γῆςπαντοδαπῶν ἀπαρχαί. καὶ ὁπότε τοῖς ἄλλοις παρεφέρετο τὰ ἐδώδιμα, τοῖς ἀμφὶΜενεκράτην ἐθυμίων καὶ ἔσπενδον οἱ παῖδες. καὶ τέλος ὁ καινὸς Ζεὺς μετὰ τῶνὑπηκόων γελώμενος θεῶν ἔφυγεν ἐκ τοῦ συμποσίου, ὡς Ἡγήσανδρος ἱστορεῖ:μνημονεύει δὲ τοῦ Μενεκράτους καὶ Ἄλεξις ἐν Μίνῳ.
καὶ Θεμίσων δὲ ὁ Κύπριος, τὰ Ἀντιόχου τοῦ βασιλέως παιδικά, ὥς φησι Πύθερμοςὁ Ἐφέσιος ἐν τῇ ὀγδόῃ τῶν ἱστοριῶν, οὐ μόνον ἐν ταῖς πανηγύρεσιν ἀνεκηρύττετοΘεμίσων Μακεδών, Ἀντιόχου βασιλέως Ἡρακλῆς: ἔθυον δὲ καὶ αὐτῷ πάντες οἱἐγχώριοι ἐπιλέγοντες Ἡρακλεῖ Θεμίσωνι, καὶ παρῆν αὐτὸς ὁπότε τις τῶν ἐνδόξων θύοικαὶ ἀνέκειτο στρωμνὴν καθ᾽ αὑτὸν ἔχων ἠμφιεσμένος λεοντῆν ἐφόρει δὲ καὶ τόξαΣκυθικὰ καὶ ῥόπαλον ἐκράτει. ὁ δ᾽ οὖν Μενεκράτης τοιοῦτος ὢν ὁποῖος  εἴρηταιοὐδὲν παραπλήσιόν ποτε ἐξωγκώσατο οἷον ὁ προειρημένος μάγειρος:
ἀθανασίαν ηὕρηκα τοὺς ἤδη νεκρούς,
ὅταν μόνον ὀσφρανθῶσι, ποιῶ ζῆν πάλιν."

(Se ne riporta qui di seguito una traduzione in inglese: “I swear by Athene that Menecrates the Syracusan himself would not have made such a boast as that, he who was nick-named Zeus - a man who gave himself airs as being, by his skill in medicine, the only person who could cause man to live.  Accordingly he compelled all who came to be cured by him of what is called the sacred disease, to enter into a written agreement that if they recovered they would be his slaves. And they followed him one wearing the dress of Heracles, and being called Heracles, ( and the man who was so called was Nicostratus, an Argive, who had been cured of the sacred disease, and he is mentioned by Ephippus, in his Peltast, where he says -  Did not Menecrates call himself a god,
And Nicostratus of Argos a second Heracles? )
and another followed him in the dress of Hermes, having on a cloak and bearing a caduceus, and wings besides.  As Nicagoras of Zeleia did, who also became afterwards the tyrant of his country, as Baton relates in the history of the Tyrants at Ephesus. And Hegesander says that he called Astycreon, who had been cured by him, Apollo. And another of those who had been cured by him, went about with him to his cost, wearing the dress of Asclepius. But Zeus Menecrates himself, clad in purple, and having a golden crown upon his head, and holding a sceptre, and being shod with slippers, went about with his chorus of gods.  And once, writing to Philippus the king, he began his letter thus -
"Menecrates Zeus to Philippus greeting.
You, indeed, are king of Macedonia, but I am king of medicine; and you are able, when you please, to put men to death, who are in health; but I am able to save those who are sick, and to cause those who are in good health, if they only follow my advice, to live to old age without being attacked by disease. Therefore the Macedonians attend you as body-guards; but all who wish to live attend me; for I, Zeus, give them life."
And so Philippus wrote back to him as to a man out of his senses,- "Philippus wishes Menecrates soundness."  And he wrote in similar style to Archidamus, the king of the Lacedaemonians, and to every one else to whom be wrote at all; never omitting to give himself the name of Zeus. And once Philippus invited him and all his gods to supper, and placed them all on the centre couch, which was adorned in the loftiest and most holy-looking and beautiful manner. And he had a table placed before them on which there was an altar and first-fruits of the different productions of the earth. And whenever eatables were placed before the other guests, the slaves placed incense before Menecrates, and poured libations in his honour.  And at last, the new Zeus, with all his subordinate gods, being laughed at by every one, ran away and fled from the banquet, as Hegesander relates. And Alexis also makes mention of Menecrates in his Minos.
And Themison the Cyprian, the friend of Antiochus the king, as Pythermus the Ephesian relates in the eighth book of his History, not only used to have his name proclaimed in the public assemblies, "Themison, the Macedonian,  the Heracles of Antiochus the king;" but all the people of that country used to sacrifice to him, addressing him as Heracles Themison; and he himself would come when any of the nobles celebrated a sacrifice, and would sit down, having a couch to himself, and being clad in a lion's skin, and he used also to bear a Scythian bow, and in his hand, he carried a club.
Menecrates then himself, though he was such as we have said, never made such a preposterous boast as the cook we have been speaking of, -
I am immortal, for I bring the dead,
By the mere smell of my meat, to life again.”.
Le fonti di Ateneo sono Efippo, Batone, Egesandro ed Alessi. Altre citazioni del medico siracusano le troviamo poi in Plutarco (Vita di Agesilao, 21. 5), in Eliano (Storie varie, XII, 51), in Clemente Alessandrino, nel lessico della Suda e in Eustazio. In particolare la Suda e Celio Aureliano lo dicono capace di guarire l’epilessia (il morbo sacro). Quale fonte che gli attribuisce la paternità di uno scritto sulla Medicina e di una teoria sugli elementi costitutivi del corpo e le cause delle malattie vi è la dossografia medica riportata dall’Anonimo Londinese. Per via della Scuola Peripatetica nella persona di Menone, allievo prediletto di Aristotele, abbiamo cenni sulle teorie mediche di Menocrate, il quale avrebbe ricondotto l’origine delle malattie a quattro elementi, due dei quali caldi (sangue e bile) e due freddi (aria e flegma). Ogni singola malattia insorgeva dal loro squilibrio e dalla mancata armonia che ne derivava. Così la bile, impregnando eccessivamente alcune determinate parti del corpo, poteva causare lombalgie, polmoniti, pleuriti e febbri, a seconda del posto specifico dove andava soffermandosi (anche, polmoni, costole, visceri); un eccesso di flegma poteva poi causare catarri.
Nel caso di Menecrate, sulla base dell’attribuzione dell’opera  ‘Ιατρiκή ,  Iatriké' , possiamo dire ch’egli appartenesse alla classe dei medici “maestri artigiani” (così come li chiamava Aristotele nel suo Metafisica); vale a dire quei medici Architektonikoi  che non facevano affidamento solo sull’esperienza ma erano già passati nel campo delle medicina teorica e conoscevano quindi le cause delle malattie e gli effetti delle misure terapeutiche. I medici cheirotechnai ignoravano invece i presupposti teorici e non erano spesso in grado di spiegare la guarigione di un paziente da una particolare malattia. La scuola peripatetica di Menone/Aristotele ce ne tramanda la figura di medico capace di superare i limiti del mero esercizio pratico per gettare le basi di una più approfondita elaborazione teorica. La sua fama viene ricordata dopo Filolao di Crotone e prima di Filistione di Locri.
Allo stesso Menecrate vengono poi attribuite alcune lettere indirizzate a personaggi pubblici dell’epoca. Come ad esempio quella indirizzata ad Agesilao (databile intorno al 399-360 a.C.). O quella ad Archidamo (come già detto sopra, menzionata dallo stesso Ateneo) e a Filippo II. Del carteggio di quest’ultimo conserviamo anche le sprezzanti risposte, a bollare la tracotanza del medico siracusano nel tentativo del re macedone di insegnargli la modestia: al saluto “Giove Menecrate augura a Filippo fortuna”, il re rispose infatti così: “Filippo augura a Menecrate una buona salute. Ti chiedo di andare ad Anticira quanto prima” (ricordiamo che Anticira era una città dove si diceva crescesse l’elleboro, pianta con cui gli antichi solevano curare i mentecatti).
La sua figura di medico fanfarone la ritroviamo come personaggio di contorno nelle parodie dei commediografi attici quali Alessi di Turi (zio di Menandro) ed Efippo, allo scopo rispettivamente di elogiare l’εὐσέβεια , l’eusebeia del re Filippo II e di ridicolizzare dall’altro in maniera indiretta Nicostrato.
Alessi con tutta probabilità poteva già trovare notizie sul medico siracusano nell’opera del collega più anziano Efippo. In questo caso la figura del medico saccente si presta alla commedia, ma anche la maschera del cuoco e del parassita che troviamo sempre pronti a partecipare ai banchetti di ricchi signori (gli studiosi hanno potuto evidenziare che alcuni personaggi di tali commedie possono riferirsi a personaggi che si situano in un arco temporale dal 375 al 340 a.C.).