Crea sito

McCUNE SMITH James (18.04.1813 - 17.11.1865)

McCUNE SMITH James

James McCune Smith (medico ed abolizionista statunitense, nato libero a New York City, Stato di New York, U.S.A., 18 aprile 1813 - Long Island, New York, U.S.A., 17 novembre 1865).
Così recita l’iscrizione : "First regularly-educated Colored Physician in the United States."
Difatti J. McCune Smith fu il primo afro-americano ad ottenere una laurea in Medicina ed a gestire una propria farmacia negli Stati Uniti.

Nella sua vita si rispecchiano e si percorrono le contraddizioni della cultura americana, proiettata verso un grande sviluppo economico ma ancora alle prese con vaste aree della popolazione, tra cui negri ed immigrati, nella più profonda miseria; irretita da profondi sentimenti di razzismo che sembravano volere attingere a giustificazioni di presunta supremazia razziale.
Nato a New York City, crebbe con la madre in un quartiere misto della 5 Ward St., dove erano presenti anche molti  immigrati provenienti da Inghilterra, Irlanda e Francia. Nel censimento del 1850 ogni membro della sua famiglia venne classificato come mulatto o di origine mista (si diceva che i suoi stessi genitori fossero di una razza mista, la madre nera e pare che il padre fosse Samuel Smith, un mercante bianco e padrone di sua madre, che l'aveva portata con sé a New York dal South Carolina).

Avrebbe ricevuto la sua formazione presso l’African Free School (AFS) di New York City su Mulberry Street a Manhattan, ma a causa di una discriminazione razziale prese la decisione di emigrare in Scozia per frequentare l'Università di Glasgow. Qui conseguì un diploma di laurea, nel 1835, un master nel 1836, ed una laurea in medicina nel 1837, completando anche uno stage a Parigi dove lavorò per un breve periodo in alcune cliniche.
Dopo il suo ritorno negli U.S.A., dove fu salutato come un eroe dall’intera comunità nera, aprì un suo studio medico ed una scuola serale per bambini a New York dove cominciò la sua battaglia per l’abolizionismo.
A New York cominciò poi a gestire una propria farmacia al 93 West Broadway (vicino all’odierna Foley Square).
Nei primi anni del 1840 sposò una donna libera di colore, Malvina Barnet, dalla quale ebbe sette figli.
Nel 1843 tenne una serie di conferenze di Anatomia Comparata e Fisiologia delle Razze, per dimostrare il fallimento della frenologia da cui si traevano conclusioni razziste che attribuivano caratteristiche negative all’etnia africana.
Nel 1846 fu nominato medico unico del Colored Orphan Asylum di New York alla 44th Street e Fifth Avenue.
In questo periodo cercò di promuovere campagne di vaccinazione contro le malattie infettive che allora mietevano molte vittime tra i bambini.
Nel 1850 come membro del  Committee of Thirteen (Comitato dei Tredici) organizzò la resistenza a New York al Fugitive Slave Act finalizzato alla cattura degli schiavi fuggiti.
Nel 1854 fu ammesso come membro della fondazione American Geographic Society, ma non fu mai ammesso alla American Medical Association.

Trasferitosi con la famiglia nel 1860 a Leonard Street, dopo i tumulti del luglio 1863 (Draft Riots), durante i quali trovarono la morte molti afro-americani e fu anche dato alle fiamme l’orfanotrofio, si spostò a Williamsburg, Brooklyn.
Nel 1863 fu nominato professore di antropologia alla Wilberforce College, Ohio, ma il suo stato di salute gli impedì l’insegnamento. Morì il 17 novembre 1865 per insufficienza cardiaca congestizia all'età di 52 anni.
Noto per la sua leadership come abolizionista, fu membro della American Anti-Slavery Society. Usò la propria formazione medica e la formazione in statistica per confutare idee sbagliate presso la gente comune circa la razza, l'intelligenza e le reali capacità dei neri.
Durante la sua pratica di 25 anni, è stato anche il primo nero ad avere articoli pubblicati in riviste mediche americane, tra cui “The Emancipator” and “The Liberator”, due pubblicazioni che erano contro la schiavitù.
Tra i suoi scritti: "Abolizione della schiavitù e La tratta degli schiavi nelle colonie francesi ed inglesi", 1838, "La rivoluzione di Haiti, con uno schizzo del personaggio di Toussaint L'Ouverture", 1841, "La libertà e schiavitù per gli africani ", 1844, "L'influenza del clima sulla longevità: con particolare riferimento alla Assicurazione sulla vita", 1846, ed altri scritti comparativi sull’anatomia di bianchi e neri.
Nel 2010 alcuni suoi discendenti hanno commissionato una nuova lapide per la sua tomba a Brooklyn. Si sono riuniti per onorare lui e la loro discendenza afro-americana.