Crea sito

KRATEUA O CRATEUA (O KRATEUAS-KRATEVAS / CRATEUAS-CRATEVAS)

KRATEUA

Krateua o Crateua (o Krateuas-Kratevas / Crateuas-Cratevas) (medico botanico e farmacologo greco, II-I sec. a.C.).
Medico alla corte del re Mitridate VI del Ponto (Mitridate Eupatore, 132 a.C. - 63 a.C.) è noto per aver scritto un “Rhizotomikon”, uno dei primi trattati illustrati sulle proprietà delle erbe, che vi vengono classificate in ordine alfabetico. Difatti, anche il nome il Krateua lo ritroviamo spesso legato all’epiteto de “il rizòtomo” (Κρατεύας ὁ Ῥιζότομος , Krateuas o Rizotomos ovvero “il “tagliatore di radici”). Anche la sua opera, suddivisa in tre parti, va inquadrata nel filone della c.d. “Rhizotomika”, in cui vanno compresi, tra altri, anche gli scritti di Diocle di Caristo, Eumaco di Corcira e Dioscoride, anche se il monumentale “De materia medica” (περὶ ὕλης ἱατριχῆς , Perì hýles iatrichês) di quest’ultimo sembra chiaramente ergersi e distinguersi al di sopra degli erbari illustrati dei su citati “rizotomi”. Una citazione di Krateua possiamo ritrovarla negli scritti dello stesso su citato botanico greco Dioscoride, il quale – secondo quanto si può leggere nel manoscritto del Dioscoride Viennese - dichiara di essersi ispirato a Krateua, come sua fonte principale, in quanto autore di uno dei primi erbari illustrati [tanto che un’immagine di Krateua la ritroviamo (in alto a sx), accanto a Galeno e ad altri, nel su citato manoscritto dioscorideo].
Plinio il Vecchio lo cita – insieme a Dionisio e Metrodoro - nel Libro XXV della sua Naturalis Historia, a proposito delle proprietà medicinali delle erbe, tra gli “auctores” greci che illustrarono le piante medicinali e ne descrissero gli effetti terapeutici:
“Praeter hos Graeci auctores prodidere, quos suis locis diximus, ex his Crateuas, Dionysius, Metrodorus ratione blandissima, sed qua nihil paene aliud quam difficultas rei intellegatur. pinxere namque effigies herbarum atque ita subscripsere effectus. verum et pictura fallax est coloribus tam numerosis, praesertim in aemulationem naturae, multumque degenerat transcribentium socordia. praeterea parum est singulas earum aetates pingi, cum quadripertitis varietatibus anni faciem mutent.” (N.H., 25, 8).
Giuseppe Donzelli, nel suo “Teatro Farmaceutico” (Venezia, 1704) lo cita (“Creteva”), insieme ad altri, come di un medico che adoperava gli estratti delle piante per la cura delle giunture delle ginocchia e le parti esterne.
Aiutò il re Mitridate Eupatore, del quale era medico personale, più che all’elaborazione al perfezionamento della teoria del “mitridatismo” – già peraltro nota ai tempi aristotelici - che consisteva nel rendersi immune dai veleni assumendone giornalmente minime dosi.
Sembra che insieme al detto re, peraltro esperto tossicologo, avesse studiato tutti i possibili casi di avvelenamento per la preparazione di un antidoto speciale (detto “Mithridatium Antidoton”) confezionato con ben 54 ingredienti.
Plinio, ancor prima di citare Crateua (“Crateuas”), ne riferisce nel su citato Libro XXV (5, 6, 7):
“5. Antea condiderat solus apud nos, quod equidem inveniam, Pompeius Lenaei Magni libertus, quo primum tempore hanc scientiam ad nostros pervenisse animo adverto. namque Mithridates, maximus sua aetate regum, quem debellavit Pompeius, omnium ante se genitorum diligentissimus vita fuisse argumentis, praeterquam fama, intellegitur.
6. uni ei excogitatum cotidie venenum bibere praesumptis remediis, ut consuetudine ipsa innoxium fieret; primo inventa genera antidoti, ex quibus unum etiam nomen eius retinet; illius inventum, sanguinem anatum Ponticarum miscere antidotis, quoniam veneno viverent; ad illum Asclepiadis medendi arte clari volumina composita extant, cum sollicitatus ex urbe Roma praecepta pro se mitteret; illum solum mortalium certum est XXII linguis locutum, nec e subiectis gentibus ullum hominem per interpretem appellatum ab eo annis LVI, quibus regnavit.
7. is ergo in reliqua ingeni magnitudine medicinae peculiariter curiosus et ab omnibus subiectis, qui fuere magna pars terrarum, singula exquirens scrinium commentationum harum et exemplaria effectusque in arcanis suis reliquit, Pompeius autem omni praeda regia potitus transferre ea sermone nostro libertum suum Lenaeum grammaticae artis iussit vitaeque ita profuit non minus quam reipublicae victoria illa.”.