Crea sito

IPPOCRATE - Le fonti

Ippocrate - Le fonti

 ESCAPE='HTML'

Il primo fra tutti gli uomini memorandi che avesse separato la medicina disciplina dallo studio della sapienza è stato Ippocrate di Coo, discepolo di Democrito, a sentenza di alcuni; uomo e per arte e per eloquenza insigne. (Aulo Cornelio Celso)

Vogliamo innanzi tutto menzionare qui l’opera esegetica classica (utile quale riferimento imprenscindibile per lo studio della filosofia greca) “Die fragmente der vorsokratiker [(griechisch und deutsch”) (= “I frammenti dei presocratici (in greco e tedesco”)], curata da Hermann Diels e pubblicata a Berlino nel 1903 – Vol. un. [cui rimanda la “raccolta Diels- Kranz, successivamente ampliata e migliorata (v. amplius: M. Timpanaro Cardini, Pitagorici, Testimonianze e frammenti, 3 voll., La Nuova Italia, Firenze 1958; 1962; 1964; 1969)].

 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'

Si riportano poi qui di seguito – in ordine cronologico - alcune citazioni che di Ippocrate e/o della sua Scuola possiamo ritrovare nei testi di vari autori del passato. Ciò indipendentemente dal giudizio di esattezza e veridicità delle singole testimonianze - soprattutto se inquadrate nella cronologia che spetta e compete storicamente a ciascuna fonte - e non prendendo in considerazione le opere ritenute più incerte e spurie:

 ESCAPE='HTML'

Cronologia: IV sec. a.C.
Fonte / Autore: Platone (Atene, 428 a.C./427 a.C. – Atene, 348 a.C./347 a.C.)
Fonte / Opera:
(I) “Fedro” / Φαῖδρος (scr. 370 a.C.) / 269/p.-270 /
(II)“Protagora” / Πρωταγόρας (scr. forse success. al 388 a.C. - ? -)

*[N.B.: La datazione dei dialoghi di Platone del “Gorgia” e del “Protagora” è assai controversa. Talvolta viene sostenuta la posteriorità del Protagora sulla base della ricercatezza stilistica dell’opera, talaltra si ritiene che la stesura del Gorgia presupponga già l’esistenza del Protagora e quindi gli sia successivo. C. Kahn data addirittura il Gorgia ai primi anni dopo la morte di Socrate (469 – 399 a.C.)].

 ESCAPE='HTML'

(I – Fedro)
...
“Σωκράτης
πᾶσαι ὅσαι μεγάλαι τῶν τεχνῶν προσδέονται
[270α] ἀδολεσχίας καὶ μετεωρολογίας φύσεως πέρι: τὸ γὰρ ὑψηλόνουν τοῦτο καὶπάντῃ τελεσιουργὸν ἔοικεν ἐντεῦθέν ποθεν εἰσιέναι. ὃ καὶ Περικλῆς πρὸς τῷεὐφυὴς εἶναι ἐκτήσατο: προσπεσὼν γὰρ οἶμαι τοιούτῳ ὄντι Ἀναξαγόρᾳ,μετεωρολογίας ἐμπλησθεὶς καὶ ἐπὶ φύσιν νοῦ τε καὶ διανοίας ἀφικόμενος, ὧν δὴπέρι τὸν πολὺν λόγον ἐποιεῖτο Ἀναξαγόρας, ἐντεῦθεν εἵλκυσεν ἐπὶ τὴν τῶνλόγων τέχνην τὸ πρόσφορον αὐτῇ.
Φαῖδρος
πῶς τοῦτο λέγεις; [270β]
Σωκράτης
ὁ αὐτός που τρόπος τέχνης ἰατρικῆς ὅσπερ καὶ ῥητορικῆς.
Φαῖδρος
πῶς δή;
Σωκράτης
ἐν ἀμφοτέραις δεῖ διελέσθαι φύσιν, σώματος μὲν ἐν τῇ ἑτέρᾳ, ψυχῆς δὲ ἐν τῇἑτέρᾳ, εἰ μέλλεις, μὴ τριβῇ μόνον καὶ ἐμπειρίᾳ ἀλλὰ τέχνῃ, τῷ μὲν φάρμακα καὶτροφὴν προσφέρων ὑγίειαν καὶ ῥώμην ἐμποιήσειν, τῇ δὲ λόγους τε καὶἐπιτηδεύσεις νομίμους πειθὼ ἣν ἂν βούλῃ καὶ ἀρετὴν παραδώσειν.
Φαῖδρος
τὸ γοῦν εἰκός, ὦ Σώκρατες, οὕτως. [270ξ]
Σωκράτης
ψυχῆς οὖν φύσιν ἀξίως λόγου κατανοῆσαι οἴει δυνατὸν εἶναι ἄνευ τῆς τοῦ ὅλουφύσεως;
Φαῖδρος
εἰ μὲν Ἱπποκράτει γε τῷ τῶν Ἀσκληπιαδῶν δεῖ τι πιθέσθαι, οὐδὲ περὶ σώματοςἄνευ τῆς μεθόδου ταύτης.
Σωκράτης
καλῶς γάρ, ὦ ἑταῖρε, λέγει: χρὴ μέντοι πρὸς τῷ Ἱπποκράτει τὸν λόγον ἐξετάζοντασκοπεῖν εἰ συμφωνεῖ.
Φαῖδρος
φημί.
Σωκράτης
τὸ τοίνυν περὶ φύσεως σκόπει τί ποτε λέγει Ἱπποκράτης τε καὶ ὁ ἀληθὴς λόγος.ἆρ᾽ οὐχ ὧδε δεῖ διανοεῖσθαι [270δ] περὶ ὁτουοῦν φύσεως: πρῶτον μέν, ἁπλοῦν ἢπολυειδές ἐστιν οὗ πέρι βουλησόμεθα εἶναι αὐτοὶ τεχνικοὶ καὶ ἄλλον δυνατοὶποιεῖν, ἔπειτα δέ, ἂν μὲν ἁπλοῦν ᾖ, σκοπεῖν τὴν δύναμιν αὐτοῦ, τίνα πρὸς τίπέφυκεν εἰς τὸ δρᾶν ἔχον ἢ τίνα εἰς τὸ παθεῖν ὑπὸ τοῦ, ἐὰν δὲ πλείω εἴδη ἔχῃ,ταῦτα ἀριθμησάμενον, ὅπερ ἐφ᾽ ἑνός, τοῦτ᾽ ἰδεῖν ἐφ᾽ ἑκάστου, τῷ τί ποιεῖν αὐτὸπέφυκεν ἢ τῷ τί παθεῖν ὑπὸ τοῦ;
Φαῖδρος
κινδυνεύει, ὦ Σώκρατες.
Σωκράτης
ἡ γοῦν ἄνευ τούτων μέθοδος ἐοίκοι ἂν ὥσπερ [270ε] τυφλοῦ πορείᾳ. ἀλλ᾽ οὐ μὴνἀπεικαστέον τόν γε τέχνῃ μετιόντα ὁτιοῦν τυφλῷ οὐδὲ κωφῷ, ἀλλὰ δῆλον ὡς, ἄντῴ τις τέχνῃ λόγους διδῷ, τὴν οὐσίαν δείξει ἀκριβῶς τῆς φύσεως τούτου πρὸς ὃτοὺς λόγους προσοίσει: ἔσται δέ που ψυχὴ τοῦτο. ...”
...
“SOCRATE
Tutte le arti grandi hanno bisogno di quelle cotali vane, come dicono, e nuvolose speculazioni intorno alla natura; imperocchè da quelle l'altezza della mente pare che proceda, e la virtù di volger gli animi dove si voglia. La quale a sé acquistò Pericle, oltre a sua naturale gentilezza. Perciocché, penso, abbattutosi a un di questi cotali uomini speculativi, ad Anassagora, e di nuvolosità riempiutosi, e pervenuto alla conoscenza della natura degli enti, di quelli che hanno intelletto e di quelli senza intelletto, dei quali Anassagora ragionava molto; di là derivò all'arte oratoria ogni giovamento.
FEDRO
Come dici questo?
SOCRATE
È il medesimo il modo dell'arte medica, che quello della retorica.
FEDRO
Come?
SOCRATE
Ché in tutte due si ha a conoscere la natura, nell'una quella del corpo, nell'altra quella dell'anima; se vuoi non solo per esercizio ed esperienza, ma per arte, generare nell'uno sanità e vigore co' farmachi e il nutrimento, e nell'altra con ragionamenti e savie ordinazioni infondere persuasione, sia quale tu voglia, e virtù.
FEDRO
Par cosí, o Socrate.
SOCRATE
Ora credi tu si possa considerare debitamente la natura dell'anima, senza la natura del tutto?
FEDRO
No, se convien dare mente a Ippocrate, a lui della schiatta degli Asclepiadi; no, neanche quella del corpo, se non si procede per quella via.
SOCRATE
E' dice bene, o amico; ma, oltre a Ippocrate, conviene pur dimandarne alla ragione, se ella consente.
FEDRO
Dico di si.
SOCRATE
Adunque vedi, quanto alla natura, che mai dice Ippocrate e la ragion vera. Forse che su qual si voglia natura non si ha a fare queste considerazioni? prima, la natura della qual vorremmo noi essere conoscitori, e far conoscitori gli altri, è semplice o multiforme? E poi, se ella è semplice, veder la sua naturale potenza, cioè, che può fare ella, e a chi; e che può patire ella, e da chi: e, se ha piu’ specie, noverar quelle, e ciò che si dee vedere di una, veder di tutte, cioè, che e a chi o da chi ella ha natural potenza di fare o patire.
FEDRO
Par così.
SOCRATE
Se non si fa questa via, con questi riguardi, si camminerà come ciechi; ma colui che persegue l'arte non si dee somigliare a cieco né a sordo. Ma, è chiaro, chi insegna l'arte oratoria, con sollecitudine mostrerà la essenza di questa natura alla quale s'indirizzeranno le orazioni, cioè l'anima....”

 ESCAPE='HTML'

(II) – Protagora
“[310a] ΣΩ: πάνυ γε, πολλὰ καὶ εἰπὼν καὶ ἀκούσας.
ΕΤ: τί οὖν οὐ διηγήσω ἡμῖν τὴν συνουσίαν, εἰ μή σέ τι κωλύει, καθεζόμενος ἐνταυθί, ἐξαναστήσας τὸν παῖδα τουτονί;
ΣΩ: πάνυ μὲν οὖν: καὶ χάριν γε εἴσομαι, ἐὰν ἀκούητε.
ΕΤ: καὶ μὴν καὶ ἡμεῖς σοί, ἐὰν λέγῃς.
ΣΩ: διπλῆ ἂν εἴη ἡ χάρις. ἀλλ οὖν ἀκούετε.
τῆς γὰρ παρελθούσης νυκτὸς ταυτησί, ἔτι βαθέος ὄρθρου, Ἱπποκράτης, ὁ Ἀπολλοδώρου ὑὸς Φάσωνος δὲ ἀδελφός, τὴν [310b] θύραν τῇ βακτηρίᾳ πάνυ σφόδρα ἔκρουε, καὶ ἐπειδὴ αὐτῷ ἀνέῳξέ τις, εὐθὺς εἴσω ᾔει ἐπειγόμενος, καὶ τῇ φωνῇ μέγα λέγων, "ὦ Σώκρατες , "ἔφη," ἐγρήγορας ἢ καθεύδεις; "καὶ ἐγὼ τὴν φωνὴν γνοὺς αὐτοῦ," Ἱπποκράτης, "ἔφην," οὗτος: μή τι νεώτερον ἀγγέλλεις; "" οὐδέν γ, "ἦ δ ὅς," εἰ μὴ ἀγαθά γε. " "εὖ ἂν λέγοις," ἦν δ ἐγώ: "ἔστι δὲ τί, καὶ τοῦ ἕνεκα τηνικάδε ἀφίκου," Πρωταγόρας, "ἔφη," ἥκει "," στὰς παρ ἐμοί. "Πρῴην," ἔφην ἐγώ: "σὺ δὲ ἄρτι πέπυσαι;" "νὴ τοὺς θεούς," ἔφη, "ἑσπέρας γε" [310C] καὶ ἅμα ἐπιψηλαφήσας τοῦ σκίμποδος ἐκαθέζετο παρὰ τοὺς πόδας μου, καὶ εἶπεν: "ἑσπέρας δῆτα, μάλα γε. ὀψὲ ἀφικόμενος ἐξ Οἰνόης. ὁ γάρ τοι παῖς με ὁ Σάτυρος ἀπέδρα: καὶ δῆτα μέλλων σοι φράζειν ὅτι διωξοίμην αὐτόν, ὑπό τινος ἄλλου ἐπελαθόμην. ἐπειδὴ δὲ ἦλθον καὶ δεδειπνηκότες ἦμεν καὶ ἐμέλλομεν ἀναπαύεσθαι, τότε μοι ἁδελφὸς λέγει ὅτι ἥκει Πρωταγόρας. καὶ ἔτι μὲν ἐνεχείρησα εὐθὺς παρὰ σὲ ἰέναι, ἔπειτά μοι λίαν πόρρω ἔδοξε τῶν νυκτῶν εἶναι:. ἐπειδὴ [310d] δὲ τάχιστά με ἐκ τοῦ κόπου ὁ ὕπνος ἀνῆκεν, εὐθὺς ἀναστὰς οὕτω δεῦρο ἐπορευόμην "καὶ ἐγὼ γιγνώσκων αὐτοῦ τὴν ἀνδρείαν καὶ τὴν πτοίησιν," τί οὖν σοι, "ἦν δ ἐγώ," τοῦτο; μῶν τί σε ἀδικεῖ Πρωταγόρας;. "καὶ ὃς γελάσας," νὴ τοὺς θεούς, "ἔφη," ὦ Σώκρατες, ὅτι γε μόνος ἐστὶ σοφός, ἐμὲ δὲ οὐ ποιεῖ "" ἀλλὰ ναὶ μὰ Δία, "ἔφην ἐγώ," ἂν αὐτῷ διδῷς ἀργύριον καὶ πείθῃς ἐκεῖνον, ποιήσει καὶ σὲ σοφόν "" εἰ γάρ, "ἦ δ ὅς," ὦ Ζεῦ καὶ θεοί, ἐν [310e] τούτῳ εἴη:. ὡς οὔτ ἂν τῶν ἐμῶν ἐπιλίποιμι οὐδὲν οὔτε τῶν φίλων: ἀλλ αὐτὰ ταῦτα καὶ νῦν ἥκω παρὰ σέ, ἵνα ὑπὲρ ἐμοῦ διαλεχθῇς αὐτῷ. ἐγὼ γὰρ ἅμα μὲν καὶ νεώτερός εἰμι, ἅμα δὲ οὐδὲ ἑώρακα Πρωταγόραν πώποτε οὐδ ἀκήκοα οὐδέν: ἔτι γὰρ παῖς ἦ ὅτε τὸ πρότερον ἐπεδήμησε. ἀλλὰ γάρ, ὦ Σώκρατες, πάντες τὸν ἄνδρα ἐπαινοῦσιν καί φασιν σοφώτατον εἶναι λέγειν:”
[311bis] ἀλλὰ τί οὐ βαδίζομεν παρ 'αὐτόν, ἵνα ἔνδον καταλάβωμεν; καταλύει δ ', ὡς ἐγὼ ἤκουσα, παρὰ Καλλίᾳ τῷ Ἱππονίκου  [ / ] ἀλλ' ἴωμεν. "καὶ ἐγὼ εἶπον  [ / ]" μήπω, ἀγαθέ, ἐκεῖσε ἴωμεν-πρῲ γάρ ἐστιν-ἀλλὰ δεῦρο ἐξαναστῶμεν εἰς τὴν αὐλήν, καὶ περιιόντες αὐτοῦ διατρίψωμεν ἕως ἂν φῶς γένηται  [ / ] εἶτα ἴωμεν. καὶ γὰρ τὰ πολλὰ Πρωταγόρας ἔνδον διατρίβει, ὥστε, θάρρει, καταληψόμεθα αὐτόν, ὡς τὸ εἰκός, ἔνδον. "
μετὰ ταῦτα ἀναστάντες εἰς τὴν αὐλὴν περιῇμεν  [ / ] καὶ ἐγὼ [311b] ἀποπειρώμενος τοῦ Ἱπποκράτους τῆς ῥώμης διεσκόπουν αὐτὸν καὶ ἠρώτων, εἰπέ μοι, ἔφην ἐγώ, ὦ Ἱππόκρατες, παρὰ Πρωταγόραν νῦν ἐπιχειρεῖς ἰέναι, ἀργύριον τελῶν ἐκείνῳ μισθὸν ὑπὲρ σεαυτοῦ, ὡς παρὰ τίνα ἀφιξόμενος καὶ τίς γενησόμενος; ὥσπερ ἂν εἰ ἐπενόεις παρὰ τὸν σαυτοῦ ὁμώνυμον ἐλθὼν Ἱπποκράτη τὸν Κῷον, τὸν τῶν Ἀσκληπιαδῶν, ἀργύριον τελεῖν ὑπὲρ σαυτοῦ μισθὸν ἐκείνῳ, εἴ τίς σε ἤρετο  [ / ] "εἰπέ μοι, μέλλεις τελεῖν, ὦ Ἱππόκρατες, Ἱπποκράτει [311c] μισθὸν ὡς τίνι ὄντι;" τί ἂν ἀπεκρίνω;
εἶπον ἄν, ἔφη, ὅτι ὡς ἰατρῷ.
"Ὡς τίς γενησόμενος;"
ὡς ἰατρός, ἔφη.
εἰ δὲ παρὰ Πολύκλειτον τὸν Ἀργεῖον ἢ Φειδίαν τὸν Ἀθηναῖον ἐπενόεις ἀφικόμενος μισθὸν ὑπὲρ σαυτοῦ τελεῖν ἐκείνοις, εἴ τίς σε ἤρετο  [ / ] "τελεῖν τοῦτο τὸ ἀργύριον ὡς τίνι ὄντι ἐν νῷ ἔχεις Πολυκλείτῳ τε καὶ Φειδίᾳ;" τί ἂν ἀπεκρίνω;
εἶπον ἂν ὡς ἀγαλματοποιοῖς.
"Ὡς τίς δὲ γενησόμενος αὐτός;"
δῆλον ὅτι ἀγαλματοποιός.
εἶεν, ἦν δ 'ἐγώ  [ / ] [311D] παρὰ δὲ δὴ Πρωταγόραν νῦν ἀφικόμενοι ἐγώ τε καὶ σὺ ἀργύριον ἐκείνῳ μισθὸν ἕτοιμοι ἐσόμεθα τελεῖν ὑπὲρ σοῦ, ἂν μὲν ἐξικνῆται τὰ ἡμέτερα χρήματα καὶ τούτοις πείθωμεν αὐτόν, εἰ δὲ μή, καὶ τὰ τῶν φίλων προσαναλίσκοντες. εἰ οὖν τις ἡμᾶς περὶ ταῦτα οὕτω σφόδρα σπουδάζοντας ἔροιτο  [ / ] "εἰπέ μοι, ὦ Σώκρατές τε καὶ Ἱππόκρατες, ὡς τίνι ὄντι τῷ Πρωταγόρᾳ ἐν νῷ ἔχετε χρήματα τελεῖν;" τί ἂν αὐτῷ [311E] ἀποκριναίμεθα; τί ὄνομα ἄλλο γε λεγόμενον περὶ Πρωταγόρου ἀκούομεν; ὥσπερ περὶ Φειδίου ἀγαλματοποιὸν καὶ περὶ Ὁμήρου ποιητήν, τί τοιοῦτον περὶ Πρωταγόρου ἀκούομεν;
σοφιστὴν δή τοι ὀνομάζουσί γε, ὦ Σώκρατες, τὸν ἄνδρα εἶναι, ἔφη.
ὡς σοφιστῇ ἄρα ἐρχόμεθα τελοῦντες τὰ χρήματα;
μάλιστα.
εἰ οὖν καὶ τοῦτό τίς σε προσέροιτο  [ / ] [312a] "αὐτὸς δὲ δὴ ὡς τίς γενησόμενος ἔρχῃ παρὰ τὸν Πρωταγόραν;"
καὶ ὃς εἶπεν ἐρυθριάσας-ἤδη γὰρ ὑπέφαινέν τι ἡμέρας, ὥστε καταφανῆ αὐτὸν γενέσθαι- εἰ μέν τι τοῖς ἔμπροσθεν ἔοικεν, δῆλον ὅτι σοφιστὴς γενησόμενος.
σὺ δέ, ἦν δ 'ἐγώ, πρὸς θεῶν, οὐκ ἂν αἰσχύνοιο εἰς τοὺς Ἕλληνας σαυτὸν σοφιστὴν παρέχων;
νὴ τὸν Δία, ὦ Σώκρατες, εἴπερ γε ἃ διανοοῦμαι χρὴ λέγειν.
'ἄρα, ὦ Ἱππόκρατες, μὴ οὐ τοιαύτην ὑπολαμβάνεις σου τὴν παρὰ Πρωταγόρου μάθησιν [312b] ἔσεσθαι, ἀλλ' ἀλλ οἵαπερ ἡ παρὰ τοῦ γραμματιστοῦ ἐγένετο καὶ κιθαριστοῦ καὶ παιδοτρίβου; τούτων γὰρ σὺ ἑκάστην οὐκ ἐπὶ τέχνῃ ἔμαθες, ὡς δημιουργὸς ἐσόμενος, ἀλλ 'ἐπὶ παιδείᾳ, ὡς τὸν ἰδιώτην καὶ τὸν ἐλεύθερον πρέπει.
πάνυ μὲν οὖν μοι δοκεῖ, ἔφη, τοιαύτη μᾶλλον εἶναι ἡ παρὰ Πρωταγόρου μάθησις.
οἶσθα οὖν ὃ μέλλεις νῦν πράττειν, ἤ σε λανθάνει; ἦν δ 'ἐγώ.
τοῦ πέρι;
ὅτι μέλλεις τὴν ψυχὴν τὴν σαυτοῦ παρασχεῖν [312c] θεραπεῦσαι ἀνδρί, ὡς φῄς, σοφιστῇ  [ / ] ὅτι δέ ποτε ὁ σοφιστής ἐστιν, θαυμάζοιμ 'ἂν εἰ οἶσθα. καίτοι εἰ τοῦτ 'ἀγνοεῖς, οὐδὲ ὅτῳ παραδίδως τὴν ψυχὴν οἶσθα, οὔτ' εἰ ἀγαθῷ οὔτ 'εἰ κακῷ πράγματι.
οἶμαί γ ', ἔφη, εἰδέναι.
λέγε δή, τί ἡγῇ εἶναι τὸν σοφιστήν;
ἐγὼ μέν, ἦ δ 'ὅς, ὥσπερ τοὔνομα λέγει, τοῦτον εἶναι τὸν τῶν σοφῶν ἐπιστήμονα.
οὐκοῦν, ἦν δ 'ἐγώ, τοῦτο μὲν ἔξεστι λέγειν καὶ περὶ ζωγράφων καὶ περὶ τεκτόνων, ὅτι οὗτοί εἰσιν οἱ τῶν σοφῶν ἐπιστήμονες  [ / ] ἀλλ' [312d] εἴ τις ἔροιτο ἡμᾶς, "τῶν τί σοφῶν εἰσιν οἱ ζωγράφοι ἐπιστήμονες," εἴποιμεν ἄν που αὐτῷ ὅτι τῶν πρὸς τὴν ἀπεργασίαν τὴν τῶν εἰκόνων, καὶ τἆλλα οὕτως.εἰ δέ τις ἐκεῖνο ἔροιτο, "ὁ δὲ σοφιστὴς τῶν τί σοφῶν ἐστιν;" τί ἂν ἀποκρινοίμεθα αὐτῷ; ποίας ἐργασίας ἐπιστάτης;
τί ἂν εἴποιμεν αὐτὸν εἶναι, ὦ Σώκρατες, ἢ ἐπιστάτην τοῦ ποιῆσαι δεινὸν λέγειν;
ἴσως ἄν, ἦν δ 'ἐγώ, ἀληθῆ λέγοιμεν, οὐ μέντοι ἱκανῶς γε  [ / ] ἐρωτήσεως γὰρ ἔτι ἡ ἀπόκρισις ἡμῖν δεῖται, περὶ ὅτου ὁ σοφιστὴς δεινὸν ποιεῖ λέγειν  [ / ] ὥσπερ ὁ κιθαριστὴς [312e] δεινὸν δήπου ποιεῖ λέγειν περὶ οὗπερ καὶ ἐπιστήμονα, περὶ κιθαρίσεως  [ / ] ἦ γάρ;
ναί.
εἶεν  [ / ] ὁ δὲ δὴ σοφιστὴς περὶ τίνος δεινὸν ποιεῖ λέγειν;
δῆλον ὅτι περὶ οὗπερ καὶ ἐπίστασθαι;
εἰκός γε. τί δή ἐστιν τοῦτο περὶ οὗ αὐτός τε ἐπιστήμων ἐστὶν ὁ σοφιστὴς καὶ τὸν μαθητὴν ποιεῖ;
μὰ Δί ', ἔφη, οὐκέτι ἔχω σοι λέγειν
[313a] καὶ ἐγὼ εἶπον μετὰ τοῦτο  [ / ] τί οὖν; οἶσθα εἰς οἷόν τινα κίνδυνον ἔρχῃ ὑποθήσων τὴν ψυχήν; ἢ εἰ μὲν τὸ σῶμα ἐπιτρέπειν σε ἔδει τῳ διακινδυνεύοντα ἢ χρηστὸν αὐτὸ γενέσθαι ἢ πονηρόν, πολλὰ ἂν περιεσκέψω εἴτ 'ἐπιτρεπτέον εἴτε οὔ, καὶ εἰς συμβουλὴν τούς τε φίλους ἂν παρεκάλεις καὶ τοὺς οἰκείους σκοπούμενος ἡμέρας συχνάς  [ / ] ὃ δὲ περὶ πλείονος τοῦ σώματος ἡγῇ, τὴν ψυχήν, καὶ ἐν ᾧ πάντ 'ἐστὶν τὰ σὰ ἢ εὖ ἢ κακῶς πράττειν, χρηστοῦ ἢ πονηροῦ αὐτοῦ γενομένου, περὶ δὲ τούτου οὔτε τῷ πατρὶ οὔτε τῷ ἀδελφῷ [313b] ἐπεκοινώσω οὔτε ἡμῶν τῶν ἑταίρων οὐδενί, εἴτ' ἐπιτρεπτέον εἴτε καὶ οὐ τῷ ἀφικομένῳ τούτῳ ξένῳ τὴν σὴν ψυχήν, ἀλλ 'ἑσπέρας ἀκούσας, ὡς φῄς, ὄρθριος ἥκων περὶ μὲν τούτου οὐδένα λόγον οὐδὲ συμβουλὴν ποιῇ, εἴτε χρὴ ἐπιτρέπειν σαυτὸν αὐτῷ εἴτε μή, ἕτοιμος δ' εἶ ἀναλίσκειν τά τε σαυτοῦ καὶ τὰ τῶν φίλων χρήματα, ὡς ἤδη διεγνωκὼς ὅτι πάντως συνεστέον Πρωταγόρᾳ, ὃν οὔτε γιγνώσκεις, ὡς φῄς, οὔτε [313C] διείλεξαι οὐδεπώποτε, σοφιστὴν δ 'ὀνομάζεις, τὸν δὲ σοφιστὴν ὅτι ποτ' ἔστιν φαίνῃ ἀγνοῶν, ᾧ μέλλεις σαυτὸν ἐπιτρέπειν;
καὶ ὃς ἀκούσας, ἔοικεν, ἔφη, ὦ Σώκρατες, ἐξ ὧν σὺ λέγεις.
'οὖν, ὦ Ἱππόκρατες, ὁ σοφιστὴς τυγχάνει ὢν ἔμπορός τις ἢ κάπηλος τῶν ἀγωγίμων, ἀφ' ἆρ ὧν ψυχὴ τρέφεται; φαίνεται γὰρ ἔμοιγε τοιοῦτός τις.
τρέφεται δέ, ὦ Σώκρατες, ψυχὴ τίνι;
μαθήμασιν δήπου, ἦν δ 'ἐγώ. καὶ ὅπως γε μή, ὦ ἑταῖρε, ὁ σοφιστὴς ἐπαινῶν ἃ πωλεῖ ἐξαπατήσῃ ἡμᾶς, ὥσπερ οἱ περὶ τὴν τοῦ σώματος τροφήν, ὁ [313D] ἔμπορός τε καὶ κάπηλος. καὶ γὰρ οὗτοί που ὧν ἄγουσιν ἀγωγίμων οὔτε αὐτοὶ ἴσασιν ὅτι χρηστὸν ἢ πονηρὸν περὶ τὸ σῶμα, ἐπαινοῦσιν δὲ πάντα πωλοῦντες, οὔτε οἱ ὠνούμενοι παρ 'αὐτῶν, ἐὰν μή τις τύχῃ γυμναστικὸς ἢ ἰατρὸς ὤν. οὕτω δὲ καὶ οἱ τὰ μαθήματα περιάγοντες κατὰ τὰς πόλεις καὶ πωλοῦντες καὶ καπηλεύοντες τῷ ἀεὶ ἐπιθυμοῦντι ἐπαινοῦσιν μὲν πάντα ἃ πωλοῦσιν, τάχα δ 'ἄν τινες, ὦ ἄριστε, καὶ τούτων ἀγνοοῖεν ὧν πωλοῦσιν ὅτι χρηστὸν ἢ πονηρὸν [313e] πρὸς τὴν ψυχήν  [ / ] ὡς δ 'αὕτως καὶ οἱ ὠνούμενοι παρ' αὐτῶν, ἐὰν μή τις τύχῃ περὶ τὴν ψυχὴν αὖ ἰατρικὸς ὤν. εἰ μὲν οὖν σὺ τυγχάνεις ἐπιστήμων τούτων τί χρηστὸν καὶ πονηρόν, ἀσφαλές σοι ὠνεῖσθαι μαθήματα καὶ παρὰ Πρωταγόρου καὶ παρ 'ἄλλου ὁτουοῦν  [ / ]
εἰ δὲ μή, ὅρα, ὦ μακάριε, [314a] μὴ περὶ τοῖς φιλτάτοις κυβεύῃς τε καὶ κινδυνεύῃς. καὶ γὰρ δὴ καὶ πολὺ μείζων κίνδυνος ἐν τῇ τῶν μαθημάτων ὠνῇ ἢ ἐν τῇ τῶν σιτίων. σιτία μὲν γὰρ καὶ ποτὰ πριάμενον παρὰ τοῦ καπήλου καὶ ἐμπόρου ἔξεστιν ἐν ἄλλοις ἀγγείοις ἀποφέρειν, καὶ πρὶν δέξασθαι αὐτὰ εἰς τὸ σῶμα πιόντα ἢ φαγόντα, καταθέμενον οἴκαδε ἔξεστιν συμβουλεύσασθαι, παρακαλέσαντα τὸν ἐπαΐοντα, ὅτι τε ἐδεστέον ἢ ποτέον καὶ ὅτι μή, καὶ ὁπόσον καὶ ὁπότε  [ / ] ὥστε ἐν τῇ ὠνῇ οὐ μέγας ὁ [314b] κίνδυνος. μαθήματα δὲ οὐκ ἔστιν ἐν ἄλλῳ ἀγγείῳ ἀπενεγκεῖν, ἀλλ 'ἀνάγκη καταθέντα τὴν τιμὴν τὸ μάθημα ἐν αὐτῇ τῇ ψυχῇ λαβόντα καὶ μαθόντα ἀπιέναι ἢ βεβλαμμένον ἢ ὠφελημένον. ταῦτα οὖν σκοπώμεθα καὶ μετὰ τῶν πρεσβυτέρων ἡμῶν  [ / ] ἡμεῖς γὰρ ἔτι νέοι ὥστε τοσοῦτον πρᾶγμα διελέσθαι. νῦν μέντοι, ὥσπερ ὡρμήσαμεν, ἴωμεν καὶ ἀκούσωμεν τοῦ ἀνδρός, ἔπειτα ἀκούσαντες καὶ ἄλλοις ἀνακοινωσώμεθα  [ / ] καὶ γὰρ οὐ μόνος Πρωταγόρας αὐτόθι ἐστίν, [314 quater] ἀλλὰ καὶ Ἱππίας ὁ Ἠλεῖος-οἶμαι δὲ καὶ πρόδικον τὸν Κεῖον-καὶ ἄλλοι πολλοὶ καὶ σοφοί.
δόξαν ἡμῖν ταῦτα ἐπορευόμεθα  [ / ] ἐπειδὴ δὲ ἐν τῷ προθύρῳ ἐγενόμεθα, ἐπιστάντες περί τινος λόγου διελεγόμεθα, ὃς ἡμῖν κατὰ τὴν ὁδὸν ἐνέπεσεν  [ / ] ἵν 'οὖν μὴ ἀτελὴς γένοιτο, ἀλλὰ διαπερανάμενοι οὕτως ἐσίοιμεν, στάντες ἐν τῷ προθύρῳ διελεγόμεθα ἕως συνωμολογήσαμεν ἀλλήλοις. δοκεῖ οὖν μοι, ὁ θυρωρός, εὐνοῦχός τις, κατήκουεν ἡμῶν, κινδυνεύει δὲ [314D] διὰ τὸ πλῆθος τῶν σοφιστῶν ἄχθεσθαι τοῖς φοιτῶσιν εἰς τὴν οἰκίαν  [ / ] ἐπειδὴ γοῦν ἐκρούσαμεν τὴν θύραν, ἀνοίξας καὶ ἰδὼν ἡμᾶς, "ἔα," ἔφη, "σοφισταί τινες  [ / ] οὐ σχολὴ αὐτῷ  [ / ] "καὶ ἅμα ἀμφοῖν τοῖν χεροῖν τὴν θύραν πάνυ προθύμως ὡς οἷός τ 'ἦν ἐπήραξεν. καὶ ἡμεῖς πάλιν ἐκρούομεν, καὶ ὃς ἐγκεκλῃμένης τῆς θύρας ἀποκρινόμενος εἶπεν, "ὦ ἄνθρωποι," ἔφη, "οὐκ ἀκηκόατε ὅτι οὐ σχολὴ αὐτῷ;" "ἀλλ 'ὠγαθέ," ἔφην ἐγώ, "οὔτε παρὰ Καλλίαν ἥκομεν οὔτε σοφισταί ἐσμεν. ἀλλὰ θάρρει  [ / ] [314e] Πρωταγόραν γάρ τοι δεόμενοι ἰδεῖν ἤλθομεν  [ / ] εἰσάγγειλον οὖν. "μόγις οὖν ποτε ἡμῖν ἅνθρωπος ἀνέῳξεν τὴν θύραν.
ἐπειδὴ δὲ εἰσήλθομεν, κατελάβομεν Πρωταγόραν ἐν τῷ προστῴῳ περιπατοῦντα, ἑξῆς δ 'αὐτῷ συμπεριεπάτουν ἐκ μὲν τοῦ ἐπὶ θάτερα Καλλίας ὁ Ἱππονίκου καὶ ὁ ἀδελφὸς αὐτοῦ [315a] ὁ ὁμομήτριος, Πάραλος ὁ Περικλέους, καὶ Χαρμίδης ὁ Γλαύκωνος, ἐκ δὲ τοῦ ἐπὶ θάτερα ὁ ἕτερος τῶν Περικλέους Ξάνθιππος, καὶ Φιλιππίδης ὁ Φιλομήλου καὶ Ἀντίμοιρος ὁ Μενδαῖος, ὅσπερ εὐδοκιμεῖ μάλιστα τῶν Πρωταγόρου μαθητῶν καὶ ἐπὶ τέχνῃ μανθάνει, ὡς σοφιστὴς ἐσόμενος.τούτων δὲ οἳ ὄπισθεν ἠκολούθουν ἐπακούοντες τῶν λεγομένων τὸ μὲν πολὺ ξένοι ἐφαίνοντο-οὓς ἄγει ἐξ ἑκάστων τῶν πόλεων ὁ Πρωταγόρας, δι 'ὧν διεξέρχεται, κηλῶν τῇ φωνῇ ὥσπερ [315b] Ὀρφεύς, οἱ δὲ κατὰ τὴν φωνὴν ἕπονται κεκηλημένοι- ἦσαν δέ τινες καὶ τῶν ἐπιχωρίων ἐν τῷ χορῷ.τοῦτον τὸν χορὸν μάλιστα ἔγωγε ἰδὼν ἥσθην, ὡς καλῶς ηὐλαβοῦντο μηδέποτε ἐμποδὼν ἐν τῷ πρόσθεν εἶναι Πρωταγόρου, ἀλλ 'ἐπειδὴ αὐτὸς ἀναστρέφοι καὶ οἱ μετ' ἐκείνου, εὖ πως καὶ ἐν κόσμῳ περιεσχίζοντο οὗτοι οἱ ἐπήκοοι ἔνθεν καὶ ἔνθεν, καὶ ἐν κύκλῳ περιιόντες ἀεὶ εἰς τὸ ὄπισθεν καθίσταντο κάλλιστα.
τὸν δὲ μετ 'εἰσενόησα, ἔφη Ὅμηρος, Ἱππίαν τὸν [315C] Ἠλεῖον, καθήμενον ἐν τῷ κατ' ἀντικρὺ προστῴῳ ἐν θρόνῳ  [ / ] περὶ αὐτὸν δ 'ἐκάθηντο ἐπὶ βάθρων Ἐρυξίμαχός τε ὁ Ἀκουμενοῦ καὶ Φαῖδρος ὁ Μυρρινούσιος καὶ Ἄνδρων ὁ Ἀνδροτίωνος καὶ τῶν ξένων πολῖταί τε αὐτοῦ καὶ ἄλλοι τινές.ἐφαίνοντο δὲ περὶ φύσεώς τε καὶ τῶν μετεώρων ἀστρονομικὰ ἄττα διερωτᾶν τὸν Ἱππίαν, ὁ δ 'ἐν θρόνῳ καθήμενος ἑκάστοις αὐτῶν διέκρινεν καὶ διεξῄει τὰ ἐρωτώμενα.
καὶ μὲν δὴ καὶ Τάνταλόν γε εἰσεῖδον-ἐπεδήμει [315D] γὰρ ἄρα καὶ Πρόδικος ὁ Κεῖος-ἦν δὲ ἐν οἰκήματί τινι, ᾧ πρὸ τοῦ μὲν ὡς ταμιείῳ ἐχρῆτο Ἱππόνικος, νῦν δὲ ὑπὸ τοῦ πλήθους τῶν καταλυόντων ὁ Καλλίας καὶ τοῦτο ἐκκενώσας ξένοις κατάλυσιν πεποίηκεν. ὁ μὲν οὖν Πρόδικος ἔτι κατέκειτο, ἐγκεκαλυμμένος ἐν κῳδίοις τισὶν καὶ στρώμασιν καὶ μάλα πολλοῖς, ὡς ἐφαίνετο  [ / ] παρεκάθηντο δὲ αὐτῷ ἐπὶ ταῖς πλησίον κλίναις Παυσανίας τε ὁ ἐκ Κεραμέων καὶ μετὰ Παυσανίου νέον τι ἔτι μειράκιον, ὡς μὲν ἐγᾦμαι καλόν τε [315E] κἀγαθὸν τὴν φύσιν, τὴν δ 'οὖν ἰδέαν πάνυ καλός.ἔδοξα ἀκοῦσαι ὄνομα αὐτῷ εἶναι Ἀγάθωνα, καὶ οὐκ ἂν θαυμάζοιμι εἰ παιδικὰ Παυσανίου τυγχάνει ὤν. τοῦτό τ 'ἦν τὸ μειράκιον, καὶ τὼ Ἀδειμάντω ἀμφοτέρω, ὅ τε Κήπιδος καὶ ὁ Λευκολοφίδου, καὶ ἄλλοι τινὲς ἐφαίνοντο  [ / ]
περὶ δὲ ὧν διελέγοντο οὐκ ἐδυνάμην ἔγωγε μαθεῖν ἔξωθεν, καίπερ λιπαρῶς ἔχων ἀκούειν τοῦ Προδίκου-πάσσοφος γάρ μοι δοκεῖ ἁνὴρ [316a] εἶναι καὶ θεῖος-ἀλλὰ διὰ τὴν βαρύτητα τῆς φωνῆς βόμβος τις ἐν τῷ οἰκήματι γιγνόμενος ἀσαφῆ ἐποίει τὰ λεγόμενα. καὶ ἡμεῖς μὲν ἄρτι εἰσεληλύθεμεν, κατόπιν δὲ ἡμῶν ἐπεισῆλθον Ἀλκιβιάδης τε ὁ καλός, ὡς φῂς σὺ καὶ ἐγὼ πείθομαι, καὶ Κριτίας ὁ Καλλαίσχρου. ἡμεῖς οὖν ὡς εἰσήλθομεν, ἔτι σμίκρ 'ἄττα διατρίψαντες καὶ ταῦτα διαθεασάμενοι προσῇμεν πρὸς τὸν Πρωταγόραν, [316b] καὶ ἐγὼ εἶπον  [ / ] ὦ Πρωταγόρα, πρὸς σέ τοι ἤλθομεν ἐγώ τε καὶ Ἱπποκράτης οὗτος.
πότερον, ἔφη, μόνῳ βουλόμενοι διαλεχθῆναι ἢ καὶ μετὰ τῶν ἄλλων;
ἡμῖν μέν, ἦν δ 'ἐγώ, οὐδὲν διαφέρει  [ / ] ἀκούσας δὲ οὗ ἕνεκα ἤλθομεν, αὐτὸς σκέψαι.
τί οὖν δή ἐστιν, ἔφη, οὗ ἕνεκα ἥκετε;
Ἱπποκράτης ὅδε ἐστὶν μὲν τῶν ἐπιχωρίων, Ἀπολλοδώρου ὑός, οἰκίας μεγάλης τε καὶ εὐδαίμονος, αὐτὸς δὲ τὴν φύσιν δοκεῖ ἐνάμιλλος εἶναι τοῖς ἡλικιώταις. ἐπιθυμεῖν δέ μοι [316C] δοκεῖ ἐλλόγιμος γενέσθαι ἐν τῇ πόλει, τοῦτο δὲ οἴεταί οἱ μάλιστ 'ἂ γενέσθαι, εἰ σοὶ συγγένοιτο  [ / ] ταῦτ' οὖν ἤδη σὺ σκόπει, πότερον περὶ αὐτῶν μόνος οἴει δεῖν διαλέγεσθαι πρὸς μόνους, ἢ μετ 'ἄλλων.
ὀρθῶς, ἔφη, προμηθῇ, ὦ Σώκρατες, ὑπὲρ ἐμοῦ. ξένον γὰρ ἄνδρα καὶ ἰόντα εἰς πόλεις μεγάλας, καὶ ἐν ταύταις πείθοντα τῶν νέων τοὺς βελτίστους ἀπολείποντας τὰς τῶν ἄλλων συνουσίας, καὶ οἰκείων καὶ ὀθνείων, καὶ πρεσβυτέρων καὶ νεωτέρων, ἑαυτῷ συνεῖναι ὡς βελτίους ἐσομένους διὰ [316d] τὴν ἑαυτοῦ συνουσίαν, χρὴ εὐλαβεῖσθαι τὸν ταῦτα πράττοντα  [ / ] οὐ γὰρ σμικροὶ περὶ αὐτὰ φθόνοι τε γίγνονται καὶ ἄλλαι δυσμένειαί τε καὶ ἐπιβουλαί. ἐγὼ δὲ τὴν σοφιστικὴν τέχνην φημὶ μὲν εἶναι παλαιάν, τοὺς δὲ μεταχειριζομένους αὐτὴν τῶν παλαιῶν ἀνδρῶν, φοβουμένους τὸ ἐπαχθὲς αὐτῆς, πρόσχημα ποιεῖσθαι καὶ προκαλύπτεσθαι, τοὺς μὲν ποίησιν, οἷον Ὅμηρόν τε καὶ Ἡσίοδον καὶ Σιμωνίδην, τοὺς δὲ αὖ τελετάς τε καὶ χρησμῳδίας, τοὺς ἀμφί τε Ὀρφέα καὶ Μουσαῖον  [ / ] ἐνίους δέ τινας ᾔσθημαι καὶ γυμναστικήν, οἷον Ἴκκος τε ὁ Ταραντῖνος καὶ ὁ νῦν ἔτι ὢν οὐδενὸς ἥττων σοφιστὴς [316E] Ἡρόδικος ὁ Σηλυμβριανός, τὸ δὲ ἀρχαῖον Μεγαρεύς  [ / ] μουσικὴν δὲ Ἀγαθοκλῆς τε ὁ ὑμέτερος πρόσχημα ἐποιήσατο, μέγας ὢν σοφιστής, καὶ Πυθοκλείδης ὁ Κεῖος καὶ ἄλλοι πολλοί. οὗτοι πάντες, ὥσπερ λέγω, φοβηθέντες τὸν φθόνον ταῖς τέχναις ταύταις παραπετάσμασιν ἐχρήσαντο.
ἐγὼ δὲ τούτοις [317 bis] ἅπασιν κατὰ τοῦτο εἶναι οὐ συμφέρομαι  [ / ] ἡγοῦμαι γὰρ αὐτοὺς οὔ τι διαπράξασθαι ὃ ἐβουλήθησαν-οὐ γὰρ λαθεῖν τῶν ἀνθρώπων τοὺς δυναμένους ἐν ταῖς πόλεσι πράττειν, ὧνπερ ἕνεκα ταῦτ 'ἐστὶν τὰ προσχήματα  [ / ] ἐπεὶ οἵ γε πολλοὶ ὡς ἔπος εἰπεῖν οὐδὲν αἰσθάνονται, ἀλλ 'ἅττ' ἂν οὗτοι διαγγέλλωσι, ταῦτα ὑμνοῦσιν-τὸ οὖν ἀποδιδράσκοντα μὴ δύνασθαι ἀποδρᾶναι, ἀλλὰ καταφανῆ εἶναι, πολλὴ μωρία καὶ τοῦ ἐπιχειρήματος, [317b] καὶ πολὺ δυσμενεστέρους παρέχεσθαι ἀνάγκη τοὺς ἀνθρώπους  [ / ] ἡγοῦνται γὰρ τὸν τοιοῦτον πρὸς τοῖς ἄλλοις καὶ πανοῦργον εἶναι. ἐγὼ οὖν τούτων τὴν ἐναντίαν ἅπασαν ὁδὸν ἐλήλυθα, καὶ ὁμολογῶ τε σοφιστὴς εἶναι καὶ παιδεύειν ἀνθρώπους, καὶ εὐλάβειαν ταύτην οἶμαι βελτίω ἐκείνης εἶναι, τὸ ὁμολογεῖν μᾶλλον ἢ ἔξαρνον εἶναι  [ / ] καὶ ἄλλας πρὸς ταύτῃ ἔσκεμμαι, ὥστε, σὺν θεῷ εἰπεῖν, μηδὲν δεινὸν πάσχειν διὰ [ 317c] τὸ ὁμολογεῖν σοφιστὴς εἶναι. καίτοι πολλά γε ἔτη ἤδη εἰμὶ ἐν τῇ τέχνῃ  [ / ] καὶ γὰρ καὶ τὰ σύμπαντα πολλά μοί ἐστιν- οὐδενὸς ὅτου οὐ πάντων ἂν ὑμῶν καθ 'ἡλικίαν πατὴρ εἴην -ὥστε πολύ μοι ἥδιστόν ἐστιν, εἴ τι βούλεσθε, περὶ τούτων ἁπάντων ἐναντίον τῶν ἔνδον ὄντων τὸν λόγον ποιεῖσθαι.
καὶ ἐγώ-ὑπώπτευσα γὰρ βούλεσθαι αὐτὸν τῷ τε προδίκῳ καὶ τῷ Ἱππίᾳ ἐνδείξασθαι καὶ καλλωπίσασθαι ὅτι ἐρασταὶ [317d] αὐτοῦ ἀφιγμένοι εἶμεν- τί οὖν, ἔφην ἐγώ, οὐ καὶ πρόδικον καὶ Ἱππίαν ἐκαλέσαμεν καὶ τοὺς μετ 'αὐτῶν, ἵνα ἐπακούσωσιν ἡμῶν;
πάνυ μὲν οὖν, ἔφη ὁ Πρωταγόρας.
βούλεσθε οὖν, ὁ Καλλίας ἔφη, συνέδριον κατασκευάσωμεν, ἵνα καθεζόμενοι διαλέγησθε;
ἐδόκει χρῆναι  [ / ] ἅσμενοι δὲ πάντες ἡμεῖς, ὡς ἀκουσόμενοι ἀνδρῶν σοφῶν, καὶ αὐτοί τε ἀντιλαβόμενοι τῶν βάθρων καὶ τῶν κλινῶν κατεσκευάζομεν παρὰ τῷ Ἱππίᾳ-ἐκεῖ γὰρ προϋπῆρχε τὰ βάθρα-ἐν δὲ τούτῳ Καλλίας τε καὶ Ἀλκιβιάδης [317E] ἡκέτην ἄγοντε τὸν πρόδικον, ἀναστήσαντες ἐκ τῆς κλίνης, καὶ τοὺς μετὰ τοῦ Προδίκου.
ἐπεὶ δὲ πάντες συνεκαθεζόμεθα, ὁ Πρωταγόρας, νῦν δὴ ἄν, ἔφη, λέγοις, ὦ Σώκρατες, ἐπειδὴ καὶ οἵδε πάρεισιν, περὶ ὧν ὀλίγον πρότερον μνείαν ἐποιοῦ πρὸς ἐμὲ ὑπὲρ τοῦ νεανίσκου.
[318A] καὶ ἐγὼ εἶπον ὅτι ἡ αὐτή μοι ἀρχή ἐστιν, ὦ Πρωταγόρα, ἥπερ ἄρτι, περὶ ὧν ἀφικόμην. Ἱπποκράτης γὰρ ὅδε τυγχάνει ἐν ἐπιθυμίᾳ ὢν τῆς σῆς συνουσίας: ὅτι οὖν αὐτῷ ἀποβήσεται, ἐάν σοι συνῇ, ἡδέως ἄν φησι πυθέσθαι.τοσοῦτος ὅ γε ἡμέτερος λόγος.
ὑπολαβὼν οὖν ὁ Πρωταγόρας εἶπεν: ὦ νεανίσκε, ἔσται τοίνυν σοι, ἐὰν ἐμοὶ συνῇς, ᾗ ἂν ἡμέρᾳ ἐμοὶ συγγένῃ, ἀπιέναι οἴκαδε βελτίονι γεγονότι, καὶ ἐν τῇ ὑστεραίᾳ ταὐτὰ ταῦτα: καὶ ἑκάστης ἡμέρας ἀεὶ ἐπὶ τὸ βέλτιον ἐπιδιδόναι. [318B]
καὶ ἐγὼ ἀκούσας εἶπον: ὦ Πρωταγόρα, τοῦτο μὲν οὐδὲν θαυμαστὸν λέγεις, ἀλλὰ εἰκός, ἐπεὶ κἂν σύ, καίπερ τηλικοῦτος ὢν καὶ οὕτως σοφός, εἴ τίς σε διδάξειεν ὃ μὴ τυγχάνοις ἐπιστάμενος, βελτίων ἂν γένοιο. ἀλλὰ μὴ οὕτως, ἀλλ ὥσπερ ἂν εἰ αὐτίκα μάλα μεταβαλὼν τὴν ἐπιθυμίαν Ἱπποκράτης ὅδε ἐπιθυμήσειεν τῆς συνουσίας τούτου τοῦ νεανίσκου τοῦ νῦν νεωστὶ ἐπιδημοῦντος, Ζευξίππου τοῦ Ἡρακλεώτου, καὶ ἀφικόμενος παρ αὐτόν, ὥσπερ παρὰ σὲ [318C] νῦν, ἀκούσειεν αὐτοῦ ταὐτὰ ταῦτα ἅπερ σοῦ, ὅτι ἑκάστης ἡμέρας συνὼν αὐτῷ βελτίων ἔσται καὶ ἐπιδώσει, εἰ αὐτὸν ἐπανέροιτο: "τί δὴ φῂς βελτίω ἔσεσθαι καὶ εἰς τί ἐπιδώσειν;" εἴποι ἂν αὐτῷ ὁ Ζεύξιππος ὅτι πρὸς γραφικήν: κἂν εἰ Ὀρθαγόρᾳ τῷ Θηβαίῳ συγγενόμενος, ἀκούσας ἐκείνου ταὐτὰ ταῦτα ἅπερ σοῦ , ἐπανέροιτο αὐτὸν εἰς ὅτι βελτίων καθ ἡμέραν ἔσται συγγιγνόμενος ἐκείνῳ, εἴποι ἂν ὅτι εἰς αὔλησιν: οὕτω δὴ καὶ σὺ εἰπὲ τῷ νεανίσκῳ καὶ ἐμοὶ ὑπὲρ [318d] τούτου ἐρωτῶντι, Ἱπποκράτης ὅδε Πρωταγόρᾳ συγγενόμενος, ᾗ ἂν αὐτῷ ἡμέρᾳ συγγένηται, βελτίων ἄπεισι γενόμενος καὶ τῶν ἄλλων ἡμερῶν ἑκάστης οὕτως ἐπιδώσει εἰς τί, ὦ Πρωταγόρα, καὶ περὶ τοῦ;
καὶ ὁ Πρωταγόρας ἐμοῦ ταῦτα ἀκούσας, σύ τε καλῶς ἐρωτᾷς, ἔφη, ὦ Σώκρατες, καὶ ἐγὼ τοῖς καλῶς ἐρωτῶσι χαίρω ἀποκρινόμενος. Ἱπποκράτης γὰρ παρ ἐμὲ ἀφικόμενος οὐ πείσεται ἅπερ ἂν ἔπαθεν ἄλλῳ τῳ συγγενόμενος τῶν σοφιστῶν. οἱ μὲν γὰρ ἄλλοι λωβῶνται τοὺς νέους: [318e] τὰς γὰρ τέχνας αὐτοὺς πεφευγότας ἄκοντας πάλιν αὖ ἄγοντες ἐμβάλλουσιν εἰς τέχνας, λογισμούς τε καὶ ἀστρονομίαν καὶ γεωμετρίαν καὶ μουσικὴν διδάσκοντες-καὶ ἅμα εἰς τὸν Ἱππίαν ἀπέβλεψεν-παρὰ δ ἐμὲ ἀφικόμενος μαθήσεται οὐ περὶ ἄλλου του ἢ περὶ οὗ ἥκει.
“Soc. Sì; e ho sentito e detto molte cose.
Com. Quindi, se non avete impegno, supporre che si siede mi dici cosa passata, e il mio assistente qui deve rinunciare al suo posto per voi.
Soc. Per essere sicuri; e sarò grato a voi per l'ascolto.
Com. Grazie, anche, per dirci.
Soc. Che è grazie due volte. Ascolta allora: -
Ieri sera, o meglio molto presto questa mattina, Ippocrate, il figlio di Apollodoro e fratello di Phason, ha dato un colpo tremendo con il suo staff alla mia porta; qualcuno ha aperto a lui, ed egli si precipitò dentro e fuori gridò: Socrate, sei sveglio o addormentato?
Sapevo che la sua voce, e dissi: Ippocrate, è che voi? e si fa portare qualsiasi notizia?
Buone notizie, ha detto; altro che bene.
Delizioso, ho detto; ma qual è la novità? e perché sei venuto qua a quest'ora ultraterrena?
Egli si avvicinò a me e disse: Protagora è venuto.
Sì, risposi; è venuto due giorni fa: hai appena sentito parlare del suo arrivo?
Sì, dagli dei, ha detto; ma non fino a ieri sera.
Allo stesso tempo, che provava per la branda, e si sedette ai miei piedi, e poi disse: Ieri piuttosto tardi la sera, al mio ritorno da Oenoe dove ero andato alla ricerca del mio schiavo fuggitivo Satiro, come ho lo scopo di voi hanno detto, se qualche altro problema non era venuto nel modo; -on mio ritorno, quando abbiamo fatto la cena ed erano in procinto di andare in pensione per riposare, mio fratello mi ha detto: Protagora è venuto. Stavo per voi in una sola volta, e poi ho pensato che la notte era molto speso. Ma il sonno momento mi ha lasciato dopo la mia stanchezza, mi sono alzato e sono venuto qua diretta.
Io, che conosceva il molto coraggiosa follia dell'uomo, disse: Qual è il problema? Ha Protagora si derubato di qualcosa?
Egli rispose, ridendo: Sì, in effetti ha, Socrate, della saggezza, che tiene da me.
Ma, sicuramente, ho detto, se gli dai i soldi, e fare amicizia con lui, egli vi farà saggio come lui stesso.
Volesse il cielo, egli rispose, che questo fosse il caso!Avrebbe potuto prendere tutto ciò che ho, e tutto ciò che i miei amici hanno, se gli piacesse. Ma è per questo che sono venuto a voi ora, in modo che si può parlare con lui a mio nome; perché io sono giovane, e anche io non ho mai visto né sentito parlare di lui; (Quando visitò Atene prima, ma ero un bambino) e tutti gli uomini lo celebrerò, Socrate; egli è noto per essere la più compiuta di altoparlanti.
Non vi è alcun motivo per cui non dovremmo andare subito da lui, e poi lo troviamo a casa. Egli alberga, come ho sentito, con Callia figlio di Ipponico: partiamo.
Ho risposto: Non ancora, mio buon amico; l'ora è troppo presto. Ma cerchiamo di salire e fare un giro in tribunale e attendere circa lì fino all'alba; quando il giorno si rompe, allora andremo. Per Protagora è generalmente a casa, e saremo sicuri di trovare lui; niente paura.
Su questo ci siamo alzati e siamo andati su in tribunale, e ho pensato che avrei fatto prova di forza della sua risoluzione. Così gli ho esaminato e porre domande ai testimoni. Dimmi, Ippocrate, mi ha detto, come si sta andando a Protagora, e pagherete il vostro denaro per lui, ciò che è colui al quale si sta andando? e che cosa Egli faccia di voi? Se, per esempio, si era pensato di andare a Ippocrate di Cos, il Asclepiad, e stavano per dargli i soldi, e qualcuno aveva detto a voi: State pagando denaro per il tuo omonimo Ippocrate, O Ippocrate; dimmi, che cosa è colui che gli dai i soldi? come avreste risposto?
Dovrei dire, rispose, che ho dato soldi a lui come medico.
E cosa farà fare di te?
Un medico, ha detto.
E se sono stati risolti per andare al Policleto il Argiva, o Fidia ateniese, e intendevano dare loro i soldi, e qualcuno si era chiesto: Quali sono Policleto e Fidia? e perché si dà loro questo denaro? -Come avresti risposto?
Avrei risposto, che erano statuari.
E cosa faranno fare di te?
Una statuaria, naturalmente.
Bene, ora, ho detto, tu e io stiamo andando a Protagora, e siamo pronti a pagare lui i soldi sul tuo conto. Se i nostri mezzi sono sufficienti, e noi lo possono ottenere con questi, saremo ben felici; ma se non, allora siamo a spendere i soldi dei tuoi amici pure. Ora supponiamo, che mentre noi stiamo perseguendo in tal modo con entusiasmo il nostro oggetto qualcuno dicesse a noi: Dimmi, Socrate, e Ippocrate, che cosa è Protagora, e perché hai intenzione di pagare lui i soldi, how dovremmo rispondere? So che è uno scultore Fidia, e che Omero è un poeta; ma quello denominazione è dato a Protagora? come egli è designato?
Lo chiamano un sofista, Socrate, rispose.
Poi ci accingiamo a pagare i nostri soldi a lui nel carattere di un sofista?
Certamente.
Ma supponiamo che una persona dovesse fare questa ulteriore domanda: E come su di te? Quale sarà Protagora fare di voi, se andate a vederlo?
Egli rispose, con un rossore sul suo viso (per il giorno cominciava appena ad albeggiare, in modo che ho potuto vedere lui): A meno che non si differenzia in qualche modo dai precedenti casi, credo che farà un sofista di me.
Per gli dèi, ho detto, e Non ti vergogni di dover comparire davanti ai Greci nel carattere di un sofista?
Infatti, Socrate, a confessare la verità, io sono.
Ma non si deve presumere, Ippocrate, che l'istruzione di Protagora è di questa natura: possa tu non imparare da lui nello stesso modo in cui hai imparato le arti del grammatico, musicista, o allenatore, non con la vista di fare qualsiasi loro una professione, ma solo come una parte di formazione, e perché un gentiluomo privato e uomo libero dovrebbe sapere di loro?
Proprio così, ha detto; e che, a mio parere, è un conto molto più vero l'insegnamento di Protagora.
Ho detto: mi chiedo se si sa cosa si sta facendo?
E quello che sto facendo?
Stai per commettere la vostra anima alla cura di un uomo che si chiama un sofista. Eppure non credo che tu sappia cosa è un sofista; e se no, allora non si sa nemmeno a chi si sta commettendo la vostra anima e se la cosa a cui ti impegni essere buono o cattivo.
Certamente penso che io lo so, rispose lui.
Allora dimmi, che cosa si immagina che egli è?
Io lo considero uno che conosce le cose sagge, rispose, come il suo nome suggerisce.
E potrebbe non, ho detto, affermare questa del pittore e del falegname anche: Non anche loro, sanno cose sagge? Ma supponiamo che una persona dovesse chiederci: in che cosa sono i pittori saggio? Dobbiamo rispondere: In che cosa si riferisce alla realizzazione di ritratti, e allo stesso modo di altre cose. E se fosse più a chiedere:? Qual è la saggezza del Sofista, e qual è la produzione che presiede how dovremmo rispondergli?
Come dovremmo rispondere che lui, Socrate? Quale altra risposta potrebbe esserci, ma che egli presiede l'arte che rende gli uomini eloquenti?
Sì, risposi, che è molto probabilmente vero, ma non abbastanza; per la risposta un'altra domanda è coinvolto: Di che cosa fa il sofista rende un uomo parlare eloquentemente? Il giocatore sulla lira può supporre per fare un uomo parla eloquentemente di quel che gli fa capire, che è circa che suona la lira. Non è vero che?
Sì.
Allora su cosa fa il sofista lo rendono eloquente? Non deve egli fargli eloquente in ciò che capisce?
Sì, che può essere assunto.
E qual è quella che il sofista conosce e fa il suo discepolo sa?
Anzi, ha detto, io non posso dire.
Poi ho provveduto a dire: Bene, ma siete consapevoli del pericolo che si sta incorrere? Se si dovesse andare a commettere il vostro corpo a qualcuno, che potrebbe fare del bene o del male ad esso, voi non considerare con attenzione e chiedere il parere di amici e affini, e deliberate molti giorni sul fatto che si dovrebbe dargli la cura di il tuo corpo? Ma quando l'anima è in questione, che si tiene ad essere di gran lunga più valore rispetto al corpo, e sul bene o il male di cui dipende il benessere del vostro tutto, -circa questo mai consultato né con tuo padre o con il tuo fratello o con uno qualsiasi di noi che sono i tuoi compagni. Ma non appena viene visualizzato questo straniero, che si commettono immediatamente la vostra anima alla sua custodia. In serata, come dici tu, si sente parlare di lui, e la mattina si va a lui, mai deliberare o prendere il parere di qualcuno, come se si dovrebbe affidare a voi stessi di lui o no; -Hai piuttosto costituito la tua mente che si a tutti i pericoli di essere un allievo di Protagora, e sono disposti a spendere tutte le proprietà di te e dei tuoi amici nella realizzazione ad ogni costo questa determinazione, anche se, come si ammette, non lo conosci, e non hanno mai parlato con lui: e lo chiamare un sofista, ma sono palesemente ignorante di ciò che un sofista è; eppure si sta per impegnarsi a sua custodia.
Quando ha sentito dire questo, egli rispose: Nessun altro inferenza, Socrate, si può trarre dalle tue parole.
Ho provveduto: non è un sofista, Ippocrate, colui che si occupa del commercio all'ingrosso o al dettaglio nel cibo dell'anima? Per me, che sembra essere la sua natura.
E che cosa, Socrate, è il cibo dell'anima?
Certo, ho detto, la conoscenza è il cibo dell'anima; e dobbiamo fare attenzione, amico mio, che il sofista non ci inganna quando loda ciò che vende, come i commercianti all'ingrosso o al dettaglio che vendono il cibo del corpo; per lodano indiscriminatamente tutti i loro beni, senza sapere che cosa sono realmente benefico o dannoso: non fanno i loro clienti sanno, ad esclusione di qualsiasi allenatore o medico che può accadere a comprare di loro. Allo stesso modo coloro che portano sulle merci di conoscenza, e fare il giro delle città, e vendere o vendita al dettaglio a qualsiasi cliente che è in mancanza di essi, lodarli tutti allo stesso modo; anche se non mi stupirei, o mio amico, se molti di loro erano davvero ignoranti del loro effetto sull'anima; ed i loro clienti altrettanto ignoranti, a meno che chi compra di loro sembra essere un medico dell'anima. Se, dunque, si ha la comprensione di ciò che è bene e male, si può acquistare in modo sicuro la conoscenza di Protagora o di uno qualsiasi.
Ma se non, allora, o mio amico, mettere in pausa, e non azzardare tuoi interessi più cari ad un gioco d'azzardo. Per non vi è di gran lunga maggiore pericolo per l'acquisto di conoscenza rispetto a comprare carne e bere: quello che acquisto del commerciante all'ingrosso o al dettaglio, e li portano via in altri vasi, e prima che li ricevete nel corpo come cibo, li può depositare a casa e chiamare qualche amico esperto che sa cosa è bene per essere mangiato o ubriaco, e cosa no, e quanto, e quando; e quindi il pericolo di acquistarli non è così grande. Ma non si può comprare la merce del sapere e li portano via in un altro peschereccio;quando hai pagato per loro è necessario riceverli nell'anima e vai per la tua strada, sia notevolmente danneggiato o fortemente beneficiato; e quindi dovremmo deliberare e prendere decisioni con i nostri anziani; perché noi siamo ancora giovani, troppo giovane per determinare una tale questione. E adesso andiamo, come eravamo intenzionati, e sentiamo Protagora; e quando abbiamo sentito quello che ha da dire, possiamo prendere consiglio degli altri; non solo è Protagora a casa di Callia, ma c'è Ippia di Elide, e, se non erro, Prodico di Ceo, e molti altri saggi.
Per questo abbiamo concordato, e sono arrivato sul nostro modo fino a quando abbiamo raggiunto il vestibolo della casa; e lì ci siamo fermati per concludere una discussione che si era creata tra di noi come stavamo andando lungo; e ci stava parlando nel vestibolo fino avevamo finito e venire a un accordo. E penso che il portinaio, che era un eunuco, e che fu probabilmente infastidito al grande incursione dei sofisti, deve aver sentito parlare di noi. In ogni caso, quando abbiamo bussato alla porta, e lui aprì e ci ha visto, borbottò: Sono Sofisti -Lui non è a casa; e subito ha dato la porta un botto abbondante con entrambe le mani. Ancora una volta abbiamo bussato, e lui rispose senza apertura: Non hai sentito dire che lui non è a casa, compagni? Ma, amico mio, ho detto, non è necessario essere allarmato;perché non siamo sofisti, e non siamo venuti a vedere Callia, ma vogliamo vedere Protagora; e devo chiedere di annunciare noi. Finalmente, dopo un bel po 'di difficoltà, l'uomo è stato convinto ad aprire la porta.
Quando siamo entrati, abbiamo trovato Protagora fare una passeggiata nel chiostro; e accanto a lui, da un lato, sono state camminando Callia, figlio di Ipponico, e Paralus, figlio di Pericle, che, per parte di madre, è il suo fratellastro, e Carmide, figlio di Glaucone. Sull'altro lato di lui erano Santippo, l'altro figlio di Pericle, Filippide, il figlio di philomelus; anche Antimoerus di Mende, che di tutti i discepoli di Protagora è il più famoso, e intende fare sofismi sua professione. Un treno di ascoltatori lo seguiva; la maggior parte di loro sembrava essere stranieri, che Protagora aveva portato con sé dalle varie città visitate da lui nei suoi viaggi, egli, come Orfeo, attirando loro la sua voce, e che in seguito. Devo dire anche che ci sono stati alcuni ateniesi in azienda. Niente mi ha deliziato più che la precisione dei loro movimenti: non hanno mai avuto nel suo modo a tutti; ma quando lui e quelli che erano con lui si voltò, poi la fascia di ascoltatori parted regolarmente su entrambi i lati; lui era sempre davanti, e si girò intorno e ha preso i loro posti dietro di lui in perfetto ordine.
Dopo di lui, come dice Omero, "alzai gli occhi e vidi" Ippia il Elean seduti nel chiostro contrario su una sedia di Stato, e intorno a lui erano sedute su panchine Eryximachus, figlio di Acumenus, e Fedro il Myrrhinusian, e Andron il figlio di Androtion, e c'erano estranei che aveva portato con sé dalla sua città natale di Elis, e alcuni altri: stavano mettendo a Ippia alcune questioni fisiche e astronomiche, e lui, ex cathedra, è stato determinare le loro diverse domande a li, e discorrendo di loro.
Inoltre, "i miei occhi videro Tantalo"; per Prodico la Cean era ad Atene: era stata presentata in una stanza che, nei giorni di Ipponico, era un magazzino; ma, come la casa era piena, Callia aveva eliminato questo fuori e fatta la stanza in una guest-camera. Ora Prodico era ancora a letto, avvolto in pelli di pecora e di biancheria da letto, di cui ci sembrava essere un gran mucchio; e non vi era seduta accanto a lui sui divani vicino, Pausania della demo di Cerameis, e con Pausania è stato un giovane piuttosto giovane, che è certamente notevole per la sua bellezza, e, se non erro, è anche di un equo e natura gentile. Ho pensato che ho sentito lo chiamava Agatone, e il mio sospetto è che egli è l'amato di Pausania. C'era questo giovane, e c'erano anche i due Adeimantuses, uno figlio di CEPIS, e l'altra di Leucolophides, e alcuni altri.
Ero molto ansioso di sentire quello che Prodico stava dicendo, perché mi sembra di essere un uomo tutto-saggio e ispirato; ma non ero in grado di entrare nel cerchio interno, e la sua bella voce profonda fece eco nella stanza che rendeva le sue parole impercettibile.
Non appena siamo entrati che là ci Alcibiade il bello seguita, come dici tu, e ti credo; e anche Crizia figlio di Callaeschrus.
Entrando ci siamo fermati un po ', in modo da guardare su di noi, e poi camminato fino a Protagora, e ho detto: Protagora, il mio amico Ippocrate e io sono venuto a trovarti.
Desideri, ha detto, a parlare con me da solo, o in presenza della società?
Qualunque vi piace, ho detto; si determina quando avete sentito lo scopo della nostra visita.
E qual è il vostro scopo? ha detto.
Devo spiegare, dicevo, che il mio amico Ippocrate è un ateniese nativo; egli è il figlio di Apollodoro, e di una grande e prospera casa, ed egli stesso è nella capacità naturale piuttosto un incontro per chiunque della sua età. Credo che aspira a eminenza politica; e questo egli pensa che la conversazione con voi è più probabile che procurargli. E ora è possibile determinare se si vorrebbe parlargli del vostro insegnamento da solo o in presenza della società.
Grazie, Socrate, per la vostra considerazione di me. Per certo un estraneo trovare la sua strada in grandi città, e convincere il fiore della gioventù in loro di lasciare compagnia dei loro parenti o altri conoscenti, vecchi o giovani, e vivere con lui, sotto l'idea che essi saranno migliorati dal suo conversazione, dovrebbe essere molto cauti; grandi gelosie vengono suscitate dai suoi procedimenti, e lui è oggetto di molte inimicizie e cospirazioni. Ora, l'arte del Sofista è, come credo, di grande antichità; ma nei tempi antichi chi praticava, temendo questo odium, velata e mascherata stessi sotto vari nomi, alcuni sotto quella dei poeti, come Omero, Esiodo, Simonide e, alcuni, di gerofanti e dei profeti, come Orfeo e Museo, e alcuni, mentre osservo, anche sotto il nome di ginnastica maestri, come Iccus di Taranto, o il più recente celebrato Erodico, ora di Selimbria e precedentemente di Megara, che è un sofista di prim'ordine. Il tuo Agatocle fingeva di essere un musicista, ma era davvero un sofista eminente;Pythocleides anche la Cean; e ci sono stati molti altri; e tutti loro, come dicevo, ha adottato queste arti come veli o travestimenti perché avevano paura di l'odio che essi dovrebbero sostenere.
Ma non è la mia strada, perché non credo che essi effettuano il loro scopo, che era quello di ingannare il governo, che non erano accecati dalla loro; e per il popolo, non hanno comprensione, e solo ripetere ciò che i loro governanti sono lieti di dire loro. Ora per scappare, e di essere catturati a fuggire, è il culmine della follia, e anche aumenta notevolmente l'esasperazione del genere umano;per essi lo considerano che scappa come un ladro, in aggiunta a qualsiasi altro obiezioni che hanno per lui; e quindi mi prendo un corso del tutto opposto, e riconosco me stesso di essere un sofista e istruttore del genere umano;tale riconoscimento aperto mi sembra essere una migliore sorta di cautela rispetto occultamento. Né io trascuro altre precauzioni, e quindi mi auguro, come posso dire, con il favore del cielo che nessun danno verrà il riconoscimento che io sono un sofista. E sono stato ormai molti anni nella professione, per tutti i miei anni, quando aggiunto fino sono molti: non c'è nessuno qui presente di cui potrei non essere il padre. Perciò devo preferisco conversare con te, se vuoi parlare con me, in presenza della società.
Come sospettavo che gli piacerebbe avere un po 'di visualizzazione e glorificazione in presenza di Prodico e Ippia, e volentieri ci mostrano a loro alla luce dei suoi ammiratori, ho detto: Ma perché non dovremmo chiamare Prodico e Ippia e la loro amici di sentire noi?
Molto buono, ha detto.
Supponiamo, ha detto Callia, che teniamo un consiglio in cui è possibile sedersi e discuss.-Questo è stato concordato, e la grande gioia è ritenuto la prospettiva di sentire saggi parlano; noi stessi preso le sedie e panche, e organizzato da Ippia, dove gli altri banchi erano stati già collocati. Nel frattempo Callia e Alcibiade ottenuto Prodico dal letto e portato in lui ei suoi compagni.
Quando eravamo tutti seduti, Protagora ha detto: Ora che la società sono assemblati, Socrate, mi raccontano la Youngman di cui eravate poco fa parlando.
Ho risposto: inizierò di nuovo allo stesso punto, Protagora, e dirvi ancora una volta il significato della mia visita: questo è il mio amico Ippocrate, che è desideroso di fare la vostra conoscenza; vorrebbe sapere cosa accadrà a lui se egli associa con voi. Non ho altro da dire.
Protagora rispose: Giovane uomo, se si associa con me, il primo giorno tornerai a casa un uomo migliore di quanto si è venuto, e meglio il secondo giorno rispetto al primo, e meglio ogni giorno che tu eri il giorno prima .
Quando ho sentito questo, ho detto: Protagora, non mi meraviglia affatto a sentirti dire questo; anche alla tua età, e con tutta la tua saggezza, se qualcuno dovesse insegnare quello che non sapevate prima, si dovrebbe diventare migliore senza dubbio: ma vi prego di rispondere in un modo diverso, vi spiegherò come con un esempio.Lasciatemi Suppongo che Ippocrate, invece di desiderare la vostra conoscenza, ha voluto conoscere il giovane Zeuxippus di Heraclea, che è stato ultimamente ad Atene, ed era venuto a lui come egli è venuto a voi, e aveva sentito dire, come ha sentito dire, che ogni giorno avrebbe crescere e diventare meglio se associato a lui: e quindi supporre che egli dovesse chiedere a lui, "In cosa posso diventare migliore, e in che devo crescere?" - Zeuxippus avrebbe risposto: "Nella pittura." E pensare che è andato a Orthagoras tebano, e lo sentì dire la stessa cosa, e gli chiese: "In che cosa devo diventare migliore di giorno in giorno?", egli rispondeva: "In flute- giocando. "Ora voglio che facciate lo stesso tipo di risposta a questo giovane e per me, che sto facendo domande sul suo conto. Quando si dice che il primo giorno in cui egli associa con lei tornerà a casa un uomo migliore, e ogni giorno crescerà in modo analogo, -Nel cosa, Protagora, egli sarà meglio? e su cosa?
Quando Protagora sentito dire questo, egli rispose: Voi fare domande abbastanza, e mi piace rispondere a una domanda che è abbastanza messo. Se Ippocrate viene a me non avrà sperimentare il tipo di fatica con cui gli altri sofisti sono l'abitudine di insultare loro allievi; che, quando hanno appena fuggito dalle arti, sono prese e ricacciato in loro da questi insegnanti, e fatto per imparare calcolo, e l'astronomia, e geometria, e la musica (diede un'occhiata a Ippia, come ha detto questo); ma se lui viene a me, imparerà ciò che egli viene a imparare.
(Trad. Jowett /1871)
E ancora [328δ], leggi :
“...βλέψας πρὸς τὸν Ἱπποκράτη: ὦ παῖ Ἀπολλοδώρου, ὡς χάριν σοι ἔχω ὅτι προύτρεψάς με ὧδε ἀφικέσθαι: πολλοῦ γὰρ ποιοῦμαι [328ε] ἀκηκοέναι ἃ ἀκήκοα Πρωταγόρου...”
“.... dissi, rivolto a Ippocrate: "Figlio di Apollodoro, grazie per avermi spinto a venire qui. E’ una gran cosa aver ascoltato le parole di Protagora...”

 ESCAPE='HTML'

Cronologia:  III sec. a.C.
Fonte / Autore: Macareus / Macareo (Toû Aratou / figlio di Arato -? -)
Fonte / Opera: “Presbeutikos Logos” (“Discorso dell’ambasciata”) e “Epibomios Logos” (“Discorso dall’Altare”), entrambi ascritti - quali estratti della Storia di Cos (“Ta Kôaka”) – alla c.d. “Pseudoepigrafia ippocratica" (“Lettere pseudoepigrafiche”)

 ESCAPE='HTML'

Il “Presbeutikos Logos” - ovvero il “Discorso d’ambasciata” – e l’”Epibomios Logos” – ovvero il “Discorso dall’Altare” – di Ippocrate rientrano, in effetti, nella c.d. pseudoepigrafia (al pari di quanto accaduto, ad esempio, per la “Biblioteca” che, in ultima analisi, venne attribuita non ad Apollodoro di Atene bensì ad uno pseudo-Apollodoro). Dobbiamo quindi fare molta attenzione a dare la giusta importanza a quanto riportato nei due brani dal punto di vista meramente storico, anche in considerazione del fatto che gli stessi – pur rientrando sicuramente in un filone storico e non prettamente scientifico-divulgativo – rappresentano dei testi ritenuti da molti studiosi (tra i quali il Littrè) apocrifi e, in quanto tali, non attribuibili con certezza né all’epoca né all'autore al quale vengono generalmente ascritti.
Inizialmente, nel caso specifico del Presbeuticos, scartata la paternità del testo in capo ad Ippocrate, questo venne ascritto al figlio di quest’ultimo, Tessalo, il quale risulta essere anche il protagonista del discorso innanzi al popolo ateniese. Nel caso del Presbeuticos, ci troviamo di fronte ad un esercizio di retorica, un discorso immaginario che Tessalo stesso tiene al popolo ateniese sul rapporto storico intercorso tra l’isola natìa di Ippocrate (Cos), Ippocrate stesso e la città di Delphi, consacrata al dio Apollo, implorandoli di non continuare la guerra contro Cos. Vi viene descritta minuziosamente la prima guerra sacra (592-582 a.C. ca.) che vide la lega sacrale anfizionica (composta in particolare dai Tessali, Atene e Sicione) opposta al popolo dei Focesi di Crisa, che avanzavano pretese sul santuario delfico di Apollo Pitico. La lega ottenne la vittoria sui Focesi ed il merito venne attribuito a Clistene di Sicione. Nel Presbeuticos, però, a capo dell'esercito della lega anfizionica ci viene mostrato il generale Euriloco tessalo. In verità, come ci racconta il “Presbeuticos”, la lega anfizionica disperava di vincere la guerra, anche a causa della pestilenza che affliggeva l’esercito di Euriloco. Però in soccorso di quest’ultimo ed a favore del tempio dedicato ad Apollo sito nell'"omphalos" greco del mondo di Δελφοί , Delphi (città della Focide, sede del più importante e venerato oracolo del dio Apollo, assieme a Dydyma) accorsero dall’isola di Còo, nel VI sec. a.C., Nebros ed il figlio Chrysos. Ed il loro aiuto, non solo medico ma anche militare, fu decisivo per la vittoria di Euriloco.
Anche se il Presbeuticos ci presenta un Ippocrate membro della famosa discendenza di medici asclepiadi, esso venne citato da Eroziano per presentarci un Ippocrate più patriota che medico.
D’altro canto, il Discorso dell’Epibomios, ci presenta la figura di un Ippocrate impotente di fronte alla disgrazia occorsa alla sua natìa Cos: lo vediamo infatti rimproverare agli Ateniesi di aver ridotto la città di Cos in uno stato di schiavitù ed implorare i Tessali di liberare la sua patria dalla recente dominazione.
Entrambi i brani – che costituiscono la prima testimonianza scritta pervenutaci sul pensiero ippocratico - vengono ritenuti estratti dell’opera ellenistica dal titolo originario di “Storia di Cos” (Ta Kôaka), datata all’incirca al III secolo a.C. ed attribuita ad un certo Macareo (Macareus).
Anche nel caso dell’autore della “Ta Kôaka”, ci troviamo di fronte a un dilemma: esistono difatti almeno tre personaggi del periodo ellenistico – vissuti nello specifico durante il III sec. a.C., durante i Regni di Tolomeo III Evergete e Tolomeo IV Filopatore – i quali portano tutti il nome di “Macareus” – peraltro all’epoca di derivazione nobiliare - e tutti, ugualmente, rientrano nella cerchia della casta sacerdotale ed asclepiadea dorica dell’isola di Còo o – più generalmente – nella ristretta cerchia della prima tradizione medica greco-ellenistica. Anche se l’attribuzione del testo non appare assolutamente essenziale, il candidato più probabile alla paternità dell’opera appare essere Macareus Toû (= figlio di) Aratou (vogliamo citare qui però anche Macareus, Toû Philodeida e Platonos).

Cronologia:   - ? – (la cronologia sembrerebbe successiva ai “Discorsi”)
Fonte / Autore: - - - -
Fonte / Opera: “Decreto del Governo ateniese” – rientrante nella “Pseudoepigrafia ippocratica" –

 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'

(tratto da: “Storia della Legislazione” del Conte di Pastoret..., Vol. II, Venezia, MDCCCXLI)

Si è supposto che anche il “decreto degli Ateniesi" – con cui veniva concessa la cittadinanza ad Ippocrate, unitamente ad altri privilegi – possa derivare dal “Presbeutikos Logos”, di cui viene ritenuto essere cronologicamente posteriore.
In esso si loda la figura di Ippocrate come colui che si era opposto alla invasione persiana e che si era impegnato in patria nella pubblicazione di testi scientifici per formare nuovi medici e divulgare in generale la cultura della pratica medica.
In esso, si offriva ai cittadini di Còo il diritto di partecipare all’istituto delle ephebeia, di modo da poter completare anche la propria formazione nella letteratura, nella filosofia e nella musica (generalmente all’epoca, dopo aver completato la propria istruzione nelle ephebeia, un giovane godeva di tutti i diritti ed i privilegi della cittadinanza e, a differenza di quanto accadeva a Sparta, in Atene l’istituto delle ephebeia non offriva quindi semplicemente ed essenzialmente una formazione militare).
Il “decreto” offriva, inoltre, la possibilità ad Ippocrate di recarsi quotidianamente al Prytaneum, il centro religioso e politico della comunità e quindi la “casa” ufficiale di tutto il popolo, per cibarsi.

Cronologia: I sec. a.C. ( ? )
Fonte / Autore: Anonimo tardo-antico
Fonte / Opera: Lettere pseudo-Ippocratiche

* [N.B.: le “Lettere” - al pari del "decreto degli Ateniesi" e dei brani del Presbeutikos e dell’Epibomios (di cui in precedenza) - rientrano nella "Pseudoepigrafia ippocratica". In totale ci sono pervenute 24 Lettere; esse furono scritte sotto forma di epistole indirizzate ad Ippocrate e da costui a degli amici. Si riporta, esemplificativamente, la Lettera XXIII delle pseudo-ippocratiche (in cui Democrito si rivolge ad Ippocrate discettando sulla natura dell'uomo) (v. anche amplius: Lettera XVIII delle pseudo-ippocratiche, che Democrito scrive ad Ippocrate in relazione alle controindicazioni della terapia tradizionale, trattando degli effetti opposti dell’elleboro, nei casi in cui venga somministrato all’uomo sano o all’alienato)]

 ESCAPE='HTML'

Lettera XXIII,
[Democrito ad Ippocrate sulla natura dell'uomo.
“Conviene che tutti gli uomini, o Ippocrate, conoscano l'arte medica (giacché non soltanto è bello conoscerla, ma anche utile per la vita) e principalmente coloro che son divenuti provetti nella cultura e nel ragionamento: perché io ritengo la scienza medica sorella ed inseparabile compagna della filosofia. Infatti “la filosofia sottrae l'animo al dominio delle passioni, come la medicina libera il corpo dalle malattie”. E l'intelletto si sviluppa quando c'è la salute: di questa dunque è bene che siano previdenti custodi quelli che hanno senno, pensando che, quando lo stato del corpo è sofferente, l'intelletto non riesce neppure a infondere zelo per l'esercizio della virtù: infatti la malattia che s'impadronisce di noi offusca fortemente l'animo, facendo partecipare anche la mente alle sofferenze del corpo.
Ora, la descrizione del fisico dell'uomo corrisponde appunto a tale concezione. Il cervello è posto a custodia della sommità del corpo, della quale gli è affidata la sicurezza: esso è contenuto entro membrane nervose, protette da specie particolari di ossa duplici, adatte all'uopo, che racchiudono il cervello, signore e custode dell'intelletto, adornando la cute con acconcio rivestimento di capelli.
Quanto agli occhi, la facoltà visiva, posta al sicuro entro molte tuniche e in uno stabile equilibrio di umidità, ha la sua sede nella cavità posta sotto la fronte; e la causa del vedere, la sensibilissima pupilla, è in situazione favorevole sotto la protezione dell'intreccio delle ciglia. Le due narici poi, che hanno la funzione di discernere gli odori, pongono un distacco alla vicinanza degli occhi. Le labbra, formando col loro molle contatto la chiusura della bocca, producono e regolano il senso e la esatta pronuncia delle parole. L'osso del mento termina alquanto appuntito ed è connesso alla mascella mediante le ossa zigomatiche. Poi l'artefice di quest'opera vi aperse le orecchie quali recipienti atti ad accogliere i discorsi; e, se l'animo che ad esse sovrasta non è ben saldo, diviene servo dell'irragionevolezza. La lingua, madre della favella, messaggera dell'animo, portinaia del gusto, è difesa dalle forti barriere dei denti. La trachea e la faringe, congiunte, si accompagnano: l'una immette l'aria nelle vie respiratorie, l'altra invia il cibo sino al fondo del ventre spingendo fortemente. Il cuore, dalla forma di cono, è il re: esso è la fonte dell'ira; ed è cinto dal torace che lo ripara da ogni minaccia. Nei polmoni le frequenti anfrattuosità, che vengono percorse dall'aria, fanno uscire il fiato che è causa della voce. Ma quel che fornisce il sangue e lo trasforma in nutrimento, coi lobi che circondano a più riprese la vena cava, è il fegato, da cui traggono origine i desideri. La bile è verde ed ha la sua sede nel fegato; essa, se si spande fuori, corrompe il corpo umano. Di faccia al fegato, poi, giace la milza, pericolosa ed inutile ospite del corpo umano, non destinata ad alcuna funzione speciale. Sta in mezzo a questi visceri, presiedendo ai loro movimenti, lo stomaco, che tutto riceve entro di sé; quindi si distende regolando la digestione. Contenuti nel ventre, ove si agitano in servizio dell'insieme, si avvolgono gli intestini, con la funzione di ricevere e di espellere. I due reni, situati al di sopra delle anche e rivestiti di grasso, sono per natura non estranei alla escrezione delle urine. Signore di tutto il ventre, il cosiddetto peritoneo avvolge tutto l'intestino, eccettuata solamente la milza. Procedendo, si trova la vescica, che è di struttura nervosa: essa, situata allo sbocco delle anche, per mezzo del suo complicato sistema di vasi è la causa [diretta] della escrezione delle urine. Sta vicina a questa la generatrice delle creature, quella che (tremendamente dolorosa) è la causa delle innumerevoli doglie della donna, cioè la matrice, in posizione ben riparata: a chiuderne l'ingresso emerge dall'interno delle cosce una carne che viene stretta dai [suoi] nervi e proviene dalla sovrabbondanza di materia del ventre, cosa questa provvidenziale per il parto. Sono poi sospesi al corpo, occupando una loro sede all'esterno, i testicoli, che servono per la procreazione dei figli e che sono rivestiti di molteplici tuniche; il membro virile, poi, [composto di] un intreccio di vene e di nervi e che compie l'escrezione dell'urina, è stato prodotto dalla natura come strumento della copulazione e nell'età della giovinezza si circonda di fitti peli. Le gambe e le braccia e le estremità da esse dipendenti, avendo in sé raccolto il governo di ogni [azione da compiersi in] servigio [del corpo], compiono con prontezza i servigi comandati dai nervi. La incorporea natura, poi, creò nel nostro interno le più varie specie di visceri, i quali, quando la morte s'impadronisce [del corpo], tosto cessano dalla loro funzione”].

[Δημόκριτος Ἱπποκράτει περὶ φύσιος ἀνθρώπου.
“χρὴ πάντας ἀνθρώπους ἰητρικὴν τέχνην ἐπίστασθαι, ὦ Ἱππόκρατες, (καλὸν γὰρ ἅμα καὶ ξυμφέρον ἐς τὸν βίον), τουτέων δὲ μάλιστα τοὺς παιδείας καὶ λόγων ἴδριας γεγενημένους. ἱ((στορίην σοφίης γὰρ δοκέω ἰητρικῆς ἀδελφὴν καὶ ξύνοικον˙ 'σοφίη μὲν γὰρ ψυχὴν ἀναρύεται παθέων, ἰητρικὴ δὲ νούσους σωμάτων ἀφαιρέεται'. αὔξεται δὲ νόος παρεούσης ὑγείης, ἣν καλὸν προνοέειν τοὺς ἐσθλὰ φρονέοντας˙ ἕξεως δὲ σωματικῆς ἀλγεούσης, οὐδὲ προθυμίην ἄγει νόος ἐς μελέτην ἀρετῆς˙ νοῦσος γὰρ παρεοῦσα δεινῶς ψυχὴν ἀμαυροῖ, φρόνησιν ἐς συμπαθείην  ἄγουσα. φύσιος δὲ ἀνθρωπίνης ὑπογραφὴ θεωρίην ἔχει τοιήνδε˙ ὁ μὲν ἐγκέφαλος φρουρέει τὴν ἄκρην τοῦ σώματος, ἀσφάλειαν ἐμπεπιστευμένος, ὑμέσι νευρώδεσιν συνεισκατοικέων, ὑπὲρ ὧν ὀστέων διπλῶν φύσιες ἀναγκαίῃ ἀρηρυῖαι δεσπότην φύλακα διανοίης καλύπτουσιν ἐγκέφαλον, τριχῶν εὐκοσμία χρῶτα κοσμεῦσαι. τὸ δὲ τῶν ὀμμάτων ὁρητικὸν ἐν πολυχίτωνι φωλεῦον ὑγροῦ εὐσταθείηι ὑπομετώποι κολασίῃ συνίδρυται˙ θεωρίης δὲ αἴτιον˙ ἀκριβὴς [δὲ] κόρη φύλακα ταρσὸν εὐκαιρίηι ὑπομένει. διπλοῖ δὲ ῥώθωνες, ὀσφρήσιος ἐπιγνώμονες, διορίζουσιν ὀφθαλμῶν γειτνίην. μαλακὴ δὲ χειλέων ἁφὴ στόματι περιπτυσσομένη, ῥημάτων αἴσθησιν ἀκριβῆ τε διάρθρωσιν παρέσχηκε κυβερνωμένη. γένειον δὲ ἀκροτελὲς καὶ χελύνειον γόμφοις συνηρμοσμένον. ἐνδοχεῖα δὲ μύθων ὦτα δημιουργὸς ἀνέῳγεν, οἷς ἐπεὼν ὁ θυμὸς οὐκ ἀσφαλὴς διήκονος ἀλογιστίης γίνεται. λαλιῆς μήτηρ γλῶσσα, ψυχῆς ἄγγελος, πυλωρεῦσα τὴν γεῦσιν, ὀχυροῖς ὀδόντων θριγκοῖσι πεφρούρηται. βρόγχος δὲ καὶ φάρυγξ ἡρμοσμένοι ἀλλήλοις γειτνιῶσιν˙ ὁ μὲν γὰρ ἐς κέλευθον πνεύματος, ὁ δὲ ἐς βυθὸν κοιλίης τροφὴν προπέμπει λάβρον ὠθεύμενος. κωνοειδὴς δὲ καρδίη βασιλὶς, ὀργῆς τιθηνὸς, πρὸς πᾶσαν ἐπιβουλὴν ἐνδέδυκε θώρακα. θαμιναὶ δὲ πνευμόνων σήραγγες ἠέρι διαδύμεναι, φωνῆς αἴτιον πνεῦμα τίκτουσιν. τὸ δὲ χορηγὸν αἵματος καὶ μεταβάλλον εἰς τροφὴν, σὺν λοβοῖς πολλάκις κοίλῃ περίπλοοις, ἔσται ἧπαρ  ἐπιθυμίης αἴτιον˙ χλωρὴ δὲ χολὴ, πρὸς ἥπατι μένουσα, καὶ διαφθορὴ σώματος ἀνθρωπηΐου ὑπερβλύσασα γίνεται. βλαβερὸς δὲ σώματος ἀνθρωπίνου καὶ ἀνωφελὴς ἔνοικος, σπλὴν ἀπέναντι εὕδει πρᾶγμα μηδὲν αἰτούμενος. μέση δὲ τουτέων χορηγεῖ πανδέκτειρα κοιλίη, καὶ εὐνάζεται διοικέουσα τὴν πέψιν. ἔνοχα δὲ κοιλίης, συνθέσιος δημιουργίῃ συνδονεύμενα, εἱλεῖται περὶ κοιλίην ἔντερα, λήψιος καὶ ἀποκρίσεως αἴτια. δίδυμοι δὲ νεφροὶ ἰσχίοισιν ἐνιδρυσμένοι καὶ ἠμφιεσμένοι δημῷ, οὔρων ἐκκρίσιος οὐκ ἀλλότριοι πεφύκασιν. κύριος δὲ ἁπάσης κοιλίης ὁ καλούμενος ἐπίπλους γαστέρα πᾶσαν ἐμπεριείληφε, μόνου σπληνὸς ἄτερ. ἐξῆς νευρώδης κύστις ἰσχίῳ στόμα ἐνιδρυσμένη, συμπεπλεγμένων [II 228. 10 App.] ἀγγείων, οὔρων ἐκκρίσιος αἰτίη γίνεται. ἡ δὲ γειτνιῶσα ταύτῃ μήτηρ βρεφέων, ἡ δεινὸν ἄλγος, τῶν ἐν γυναικὶ μόχθων μυρίων παραιτίη, μήτρη πεφώλευκεν˙ ἡ πυλωρὸς μυχοῖς ἰσχίων βράσασα σὰρξ σφίγγεται νεύροισιν, ἐκ δὲ πλήθους ἐκχέουσα γαστρὸς φύσιος, ἐκ τόκου προνοίης. ἐκ δὲ σώματος κρεμαστοὶ ἐκτὸς οἰκίην νέμονται ἔκγονοι κτίσται ὄρχεις, πουλυχίτωνες ἐόντες˙ εὔνοον ἥβῃ, ἀπὸ φλεβέων τε καὶ νεύρων πλέγμα, οὔρων ἔκχυσιν ποιεύμενον, συνουσίης ὑπουργὸν, φύσιος ὕπο δεδημιούργηται, θριξὶν ἥβης πυκαζομένον. σκέλη δὲ καὶ βραχίονες καὶ τὰ προσηρτημένα τουτέοισιν ἄκρα, διηκονίης πᾶσαν ἀρχὴν συνηθροισμένα ἔχοντα, νεύρων [τε] ἀσφαλῆ λειτουργίην τελέουσιν. ἡ δὲ ἀσώματος ἐν μυχοῖς φύσις ἐξέτευξε παντάμορφα σπλάγχνων γένη, ἃ δὴ θάνατος ἐπισταθεὶς ὠκέως ἔπαυσε λειτουργίης”].

Cronologia:  -  ?  -
Fonte / Autore: Pseudo-Oribasio
Fonte / Opera: Commento sugli Aforismi di Ippocrate (in lingua latina) [l’opera venne giudicata un falso già da Johann Winter von Andernach / Guinterius Andernacus (1505 – 1574) [...”libru istum Hippocratis Coi no (n) esse.”] e pertanto – quale testo apocrifo - attribuita ad uno pseuso-Oribasio, ritenuto essere stato un cristiano il quale, per farla passare come antica, finse di averla composta per ordine di Tolomeo Evergete]

*[N.B.: Oribasio di Pergamo nacque a Pergamo il 325 d.C. e morì il 403 d.C. (in greco: ᾿Ορειβάσιος e ᾿Οριβάσιος)]

 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'

[“...Inoltre diciamo che nessuno compose un'opera tale (gli Aforismi) quale scrisse Ippocrate, che fu chiamato dai filosofi amico della natura. Tentò Democrito, veramente, di scrivere qualche cosa di simile, però non vi riuscì così bene come Ippocrate. ...”].

[“...deinde dicimus quod nemo tale opus (Aphor.) potuit facere quale Hippocras, quem philosophi amicum naturae dixerunt. tentavit quidem D. tale facere, non tamen ut Hippocras perfecit. ...”].

 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'

Cronologia: I sec. a.C. – I sec. d.C.
Fonte / Autore: Filóne (di Alessandria) - noto anche come Filone l'Ebreo - (in greco: Φίλων ; in latino: Philo) (Alessandria d'Egitto, 20 a.C. ca. – 45 d.C. ca.)
Fonte / Opera: De Providentia - II (giunta a noi in lingua armena)
(Philonis Judaei sermones tres hactenus inediti, I. et II. de providentia et III. de animalibus...Venetiis, MDCCCXXII)

 ESCAPE='HTML'

[“E il secondo [con Anassagora] è Democrito: ricco e possessore di molti beni di fortuna, poiché era nato di famiglia illustre, ma tutto preso dal desiderio della sapienza, allontanò da sé quella ricchezza cieca e odiosa che suole toccare ai malvagi ed ai vili; e si procurò invece quella che non è cieca e che è costante, perché adusata a stare soltanto coi buoni. Proprio a cagione di questo fu creduto un sovvertitore di tutte le leggi patrie e reputato una specie di spirito perverso, tanto da correre il rischio di esser privato anche della sepoltura in base alla legge vigente presso gli Abderiti, secondo la quale si doveva lasciare insepolto colui che non avesse osservato le leggi patrie. E davvero a Democrito sarebbe toccato questo, se non avesse ottenuto indulgenza per la benignità che usò verso di lui Ippocrate di Coo: giacché, in fatto di dottrina, erano emuli l'uno dell'altro. Inoltre, tra le sue opere famose, quella che s'intitola Grande Cosmologia fu stimata cento talenti attici, e, a detta di alcuni, anche più di trecento talenti”].

[“D. autem alter [neben Anaxagoram, opulentus et possessor multorum, eo quod ortus esset ex illustri familia, desiderio sapientiae familiarissimae deditus caecam invisamque opulentiam quae pravis et vilibus tribui consuevit inhibuit eam vero quae haud caeca est ac constans eo quod cum bonis solis assuescat acquisivit. propterea universas patriae leges dimovere visus est et quasi malus genius reputatus, ita ut periclitatus fuerit ne sepulcro ipso privaretur ob legem apud Abderitas vigentem quae insepultum proiciendum statuebat qui patrias leges non observasset. id sane subeundum erat Democrito, nisi misericordiam sortitus esset benignitate, quam ergo eum habuit Hippocrates Cous aemulatores enim sapientiae inter se erant. porro ex suis operibus celebratis quod appellatur Magnus diacosmus centum, ut nonnulli dicunt adhuc amplius, Atticis talentis ccc, aestimatum fuit”].

 ESCAPE='HTML'

Cronologia: I sec. d.C.
Fonte / Autore: Plinio il Vecchio
Fonte / Opera: Naturalis Historia – XXX – 8/9/10/11

 ESCAPE='HTML'

[“8. Il primo che si sappia, per quanto o trovo scritto, che trattasse di quest'arte fu Ostane, che accompagnò Serse re di Persia quando questi portò guerra ai Greci, e fu come se spargesse sul suo cammino i semi della sua arte taumaturgica, imbevendone il mondo per ogni parte ove passava. Autori più diligenti collocano poco prima di costui Zoroastro ed un altro di Proconneso [Aristea]. Quel che è certo si è che principalmente questo Ostane trasportò le genti di Grecia alla frenesia, ché dire bramosia è ancor poco, della sua scienza. Peraltro non ignoro che dall'antichità e quasi in ogni tempo si cercò la massima eccellenza e gloria letteraria proprio con l'esercizio di tale scienza. (9) Ed è certo che Pitagora, Empedocle, Democrito, Platone, si misero in mare, affrontando dei viaggi che meglio si direbbero esilii, per apprendere questa scienza, e ritornati in patria se ne fecero banditori e la professarono nel segreto della scuola. Democrito illustrò Apollobeche di Coptos e Dardano e Fenice, dopo di aver scoperto i volumi di Dardano nel sepolcro di lui, quindi compose i suoi secondo la dottrina di quelli; e, se questi scritti trovarono accoglienza presso parecchie persone e ne fu serbata memoria, ciò non deve meravigliare, come non ci si meraviglia di nessuna cosa nella vita; (10) ma queste ricerche di magia sono così lontane dal credibile e da tutto ciò che è lecito, che coloro che ammirano di lui [Democrito] tutto il resto negano che questi scritti magici gli appartengano. Ma è inutile. Perché è noto che specialmente costui adescò gli animi col fascino di quelle ricerche. Ed è argomento di gran meraviglia anche questo, che venissero in fiore ad un tempo ambedue le arti, la medicina voglio dire e l'arte magica, giacché contemporaneamente l'una fu illustrata da Ippocrate e l'altra da Democrito, intorno all'epoca della guerra del Peloponneso, che durò dall'anno 300 di Roma. (11) Anche ai tempi di Alessandro Magno aggiunse non lieve autorità all'esercizio della magia un secondo Ostane che ebbe l'onore di accompagnare il re e che percorse addirittura, non c'è dubbio, tutta l'estensione della terra”].

[“8. primus, quod exstet, ut equidem invenio, commentatus est de ea Osthanes Xerxen regem Persarum bello, quod is Graeciae intulit, comitatus ac velut semina artis portentosae sparsit obiter infecto, quacumque commeaverat, mundo. diligentiores paulo ante hunc ponunt Zoroastren alium Proconnensium. quod certum est, hic maxime Osthanes ad rabiem, non aviditatem modo scientiae eius, Graecorum populos egit. quamquam animadverto summam litterarum claritatem gloriamque ex ea scientia antiquitus et paene semper petitam.
9. certe Pythagoras, Empedocles, Democritus, Plato ad hanc discendam navigavere exiliis verius quam peregrinationibus susceptis, hanc reversi praedicavere, hanc in arcanis habuere. Democritus Apollobechen Coptiten et Dardanum e Phoenice inlustravit voluminibus Dardani in sepulchrum eius petitis, suis vero ex disciplina eorum editis. quae recepta ab ullis hominum atque transisse per memoriam aeque ac nihil in vita mirandum est;
10. in tantum fides istis fasque omne deest, adeo ut qui cetera in viro probant, haec opera eius esse infitientur. sed frustra. hunc enim maxime adfixisse animis eam dulcedinem constat. plenumque miraculi et hoc, pariter utrasque artes effloruisse, medicinam dico magicenque, eadem aetate illam Hippocrate, hanc Democrito inlustrantibus, circa Peloponnesiacum Graeciae bellum, quod gestum est a trecentesimo urbis nostrae anno.
11. est et alia magices factio a Mose et Janne et Lotape ac Iudaeis pendens, sed multis milibus annorum post Zoroastren. tanto recentior est Cypria. non levem et Alexandri Magni temporibus auctoritatem addidit professioni secundus Osthanes comitatu eius exornatus, planeque, quod nemo dubitet, orbem terrarum peragravit”].

Cronologia:  II sec. d.C.
Fonte / Autore: pseudo-Sorano (noto anche come Sorano d’Ippocrate o di Còo)
Fonte / Opera: “Vita Hippocratis”


[*N.B.: l’opera viene datata al (I –)  II sec. d.C. e rappresenta la più antica e la più vasta biografia di Ippocrate.
Si ritiene fosse parte integrante della più vasta opera biografica – oramai andata perduta – delle “Vite dei Medici” (ovvero “Biografie di medici” / Βιόι ἰατρῶν), erroneamente a lungo attribuita dalla Suda a Sorano d’Efeso.
La “Vita di Ippocrate” viene unanimemente riconosciuta come la “fonte canonica" per eccellenza per una migliore comprensione della vita di Ippocrate e del suo pensiero, in quanto la stessa attinge a varie fonti – peraltro molto attendibili - del passato, tra cui la Biblioteca alessandrina di età ellenistica ed il celebre astronomo Eratostene di Cirene (275 – 195 a.C. ca.), il quale pure fiorì nella città alessandrina. Ampio credito diamo a quest’ultimo ed alle sue ricerche, che ebbero ad oggetto Ippocrate e la sua genealogia, proprio in quanto detti studi cronologici e biografici si avvalsero dell’apporto dei testi della grande Biblioteca di Alessandria di Egitto come principale fonte documentale].

 ESCAPE='HTML'

Dopo Galeno (e quindi nel II - III sec. d.C.) sarebbe quindi vissuto un altro Sorano, detto “Sorano di Ippocrate” - ovvero “Sorano di Còo” - [al quale viene attribuita un’opera biografica su Ippocrate che altri invece (tra cui la Suda) attribuiscono a Sorano d’Efeso (detto anche Sorano il Giovane)]. L’opera attribuita a questo Sorano - intitolata “Delle vite e sette dei medici” (ovvero “Biografie di medici” / Βιόι ἰατρῶν) – è molto probabile sia servita da riferimento all’opera biografica su Ippocrate - di cui si è detto in precedenza.
Anche in questo caso può trarre in inganno la lettura dei manoscritti del Medioevo della tarda antichità (in questo caso dell’opera attribuita a Sorano e che Haller dice sia stata scritta addirittura nel VI secolo d.C.), in cui viene citato Galeno. E proprio in quanto inquadrato nel VI sec., Haller lo chiama “barbarus scriptor et serae aetatis”.
Al riguardo, il fisiologo e scrittore svizzero Albrecht von Haller (1708-1777), nella sua “Bibliotheca Medicinae Practicae qua scripta ad partem medicinae practicam facientia a rerum initiis ad A. MDCCLXXV recensentur, Auctore Alberto von Haller... – Tomus I. Ad annum MDXXXIII” (Bernae apud Em. Haller & Basileae apud Joh. Schweighauser, MDCCLXXVI), riporta testualmente: “SORANUS, qui vitam HIPPOCRATIS scripsit, mihi perinde undique ignotus est.” E, quindi, non identificandolo assolutamente, come altri, con Sorano d’Efeso bensì con Sorano il Vecchio.
Eppure, la detta opera biografica viene riconosciuta come parte di una raccolta di biografie di medici che la Suda attribuisce invece a Sorano d’Efeso, il quale rimane, insieme a Stefano di Bisanzio, una delle fonti più attendibili in quel particolare campo. La sua raccolta viene considerata uno dei primi tentativi di storiografia della professione medica.
Ennio Quirino Visconti accese il dibattito contestando che la paternità della biografia di Ippocrate fosse ascrivibile a Sorano di Còo (da: “Iconografia medica”, Milano, 1823 – V. I). D’altro canto, l'autore di una vita d'Ippocrate che fa parte del libro Βιόι ἰατρῶν, ecc., pubblicato da Anton Westermann (Bonn, 1845 / Biographoi: vitarum scriptores Graeci minores /) non è, molto probabilmente, Sorano d'Efeso bensì proprio Sorano di Còo.
Dall’opera si fanno derivare:
-i versi del filologo-poeta bizantino Giovanni Tzetzes (Ἰωάννης Τζέτζης / Iōánnēs Tzétzēs , ca. 1110 – 1186) datati al XII secolo d.C.;
-una Vita di Ippocrate in un manoscritto anonimo latino di Bruxelles, anch’esso del XII sec., conservato presso la Biblioteca del Belgio.
(Citiamo qui anche Soranus Malleotes o della Suda: lo stesso Haller, nella sua “Bibliotheca Medicinae Practicae...”, vi scrive: “SORANUS Malleotes, pariter Suidae dictus, mihi omnino ignotus est si a magno Sorano differt". Pertanto, il Sorano che la Suda dice sia vissuto nel II sec. d.C. e che abbia lavorato ad Alessandria d’Egitto, secondo Haller risulta di attribuzione incerta, laddove la sua figura venisse distinta da quella di Sorano il Vecchio).
Nella vita di Ippocrate possiamo leggere:
“Ippocrate insegnava la sua arte a coloro che erano qualificati per apprenderla, facendo loro prestar giuramento… Infatti le cose sacre si rivelano ad uomini consacrati: i profani non possono occuparsene, prima di essere stati iniziati ai sacri riti di questa scienza” (in V. Magnien, tr.it. I Misteri d’Eleusi, Edizioni di Ar, Padova, 1996, p. 21).
Leggenda vuole che sulla tomba d’Ippocrate vi fosse sempre uno sciame di api, il cui miele si diceva avesse proprietà curative (Vita di Sorano).

Cronologia: II – III sec. d.C.
Fonte / Autore: Galeno di Pergamo (Pergamo, 129 – Roma, 216)
Fonti / Opere:
*De methodo medendi (Metodo terapeutico)
*Hipp. de nat. hom. / XV / 32 /
*Hipp. de offic.

*[N.B.: Il “De Natura hominis” (in cui viene espressa la teoria umorale) viene attribuito a Probo, discepolo di Ippocrate, e fu commentato da Galeno (in “Hipp. de nat. hom. / XV /)
*Galeno commentò anche l’opera di Ippocrate “De officina medici”, di cui pure in seguito]

**[Il trattato delle definizioni mediche (di cui pure si dirà qui di seguito) – che pare abbia avuto mera funzione didascalica, soprattutto sulla vita di Ippocrate, e non scientifica - viene attribuito ad uno Pseudo-Galeno (sotto il cui nome può celarsi anche una schiera di più autori) e viene datato verso la fine del V sec. d.C.]

 ESCAPE='HTML'

De Methodo medendi - Liber I
*[“Anche precedentemente vi era una gara non trascurabile nel vincersi reciprocamente con il numero delle scoperte, contendendo i medici di Cos e quelli di Cnido; ed erano anche costoro la duplice discendenza degli Asclepiadi d'Asia, succeduta a quella di Rodi; e con essi contendevano in quella nobile gara, lodata da Esiodo, anche i medici italici, Filistione, Empedocle, Pausania ed i loro compagni”].

*[“καὶ πρόσθεν μὲν ἔρις ἦν οὐ σμικρὰ νικῆσαι τῶι πλήθει τῶν εὑρημάτων ἀλλήλους ὀριγνωμένων τῶν ἐν Κῶι καὶ Κνίδωι˙ διττὸν γὰρ ἔτι τοῦτο τὸ γένος ἦν τῶν ἐπὶ τῆς Ἀσίας Ἀσκληπιαδῶν ἐκλιπόντος τοῦ κατὰ Ῥόδον˙ ἤριζον δ' αὐτοῖς τὴν ἀγαθὴν ἔριν ἐκείνην, ἣν Ἡσίοδος ἐπήινει, καὶ οἱ ἐκ τῆς Ἰταλίας ἰατροί, Φιλιστίων τε καὶ Ἐμπεδοκλῆς καὶ Παυσανίας καὶ οἱ τούτων ἑταῖροι”].

(Atque olim quidam no parva lis erat eorum qui in Co atque Cnido habitabat, utri videlicet invetorum multitudine reliquos superarent; quippe geminum hoc genus Asclepiadarum adhuc in Asia supererat, deficiente nimiru quod in Rhodo viguerat. Certabat cu his honestu illud certamen quod Hesiodus praedicabat, etia medici qui Italiam incolebant, Philistion, Empedocles, Pausanias, et horum sectatores:...) (da: Claudii Galeni Methodus medendi, Thoma Linacro Anglo Interprete. Parisijs, ..., 1526).

 ESCAPE='HTML'

GALEN. in Hipp. de nat. hom. XV 32
**[“Empedocle riteneva che dai quattro elementi immutabili si produce la nascita dei corpi composti, essendo i primi elementi così mescolati tra loro, come se uno, triturando minutamente e riducendo in polvere ruggine di ferro e calcite e cadmio e terra vetriolica, le mescolasse insieme, come tali che nessuna di esse può essere maneggiata indipendentemente dalle altre.
Primo di quelli che conosciamo Ippocrate mostrò che gli elementi si mescolano... e in ciò si distingue da Empedocle: anche questi dice infatti che dagli stessi elementi di cui [parla] anche Ippocrate nasciamo noi e tutti gli altri corpi che sono nella terra, non in quanto gli elementi si mescolano tra loro, ma in quanto si dispongono vicini e si sfiorano per piccole parti”].

**[“Ἐ. ἐξ ἀμεταβλήτων τῶν τεσσάρων στοιχείων ἡγεῖτο γίνεσθαι τὴν τῶν συνθέτων σωμάτων φύσιν, οὕτως ἀναμεμειγμένων ἀλλήλοις τῶν πρώτων, ὡσεί τις λειώσας ἀκριβῶς καὶ χνοώδη ποιήσας ἰὸν καὶ χαλκίτην καὶ καδμείαν καὶ μίσυ μείξειεν, ὡς μηδὲν ἐξ αὐτῶν δύνασθαι μεταχειρίσασθαι χωρὶς ἑτέρου.
πρῶτος ὧν ἴσμεν Ἱπποκράτης ἀπεφήνατο κεράννυσθαι τὰ στοιχεῖα . . . καὶ ταύτηι διήνεγκεν Ἐμπεδοκλέους˙ κἀκεῖνος γὰρ ἐκ μὲν τῶν αὐτῶν στοιχείων, ὧν καὶ Ἱπποκράτης, γεγονέναι φησὶν ἡμᾶς τε καὶ τὰ ἄλλα σώματα πάντα τὰ περὶ τὴν γῆν, οὐ μὴν κεκραμένων γε δι' ἀλλήλων ἀλλὰ κατὰ σμικρὰ μόρια παρακειμένων τε καὶ ψαυόντων”].

GALEN. in Hipp. de offic. I. 1
***["di ciò che è possibile percepire con la vista, col tatto, con l'udito, con l'olfatto, con la lingua e con l'intelletto (γνώμη) ...
Si dice che sia stato Ippocrate ad usare il termine 'percepire' per la facoltà conoscitiva (γνώμη)...
E’ citato anche per aver detto, circa la parola γνώμη, che anticamente essa era usata nel senso di νοῦς (mente), di διάνοια (intelligenza), se non anche nel senso di ἐννόησις (riflessione) ..."].


***["ἃ καὶ τῆι ὄψει καὶ τῆι ἁφῆι καὶ τῆι ἀκοῆι καὶ τῆι ῥινὶ καὶ τῆι γλώσσηι καὶ τῆι γνώμηι ἔστιν αἰσθέσθαι ...
συγκεχρῆσθαι γάρ φησι τῆι τοῦ 'αἰσθέσθαι' φωνῆι τὸν Ἱπποκράτην κατὰ τῆς 'γνώμης' ...
μέμνηται δὲ καὶ περὶ τοῦ τῆς 'γνώμης' ὀνόματος εἰπὼν ὡς ἐπὶ τῶν παλαιῶν ἐν ἴσωι τῶι 'νοῦ' ἢ 'διανοίας', εἰ μὴ καὶ'ἐννοήσεως', ἐλέγετο ..."].

(Pseudo-) Galeno - Defin. med. / 99 /
*[“In qual modo Ippocrate, Erasistrato e Empedocle e Asclepiade dicono che avviene la digestione dell'alimento... secondo Empedocle per putrefazione”].

*[“πῶς Ἱπποκράτης καὶ [I 299. 1] Ἐρασίστρατος καὶ Ἐ. καὶ Ἀσκληπιάδης τὰς πέψεις τῆς τροφῆς φασι γίνεσθαι ... Ἐ. δὲ σήψει”].

/ 439 /
**[“Lo sperma, come dicono Platone e Diocle, è una secrezione del cervello e della spina dorsale: invece secondo Prassagora, Democrito ed anche Ippocrate, lo sperma deriva da tutto quanto il corpo, e Democrito lo afferma in questo modo:
L'uomo proviene dall'intero uomo”].

**[“ἐκκρίνεται τὸ σπέρμα ὥσπερ Πλάτων φησὶ καὶ Διοκλῆς ἀπὸ ἐγκεφάλου καὶ νωτιαίου˙ Πραξαγόρας δὲ καὶ Δ. ἔτι τε Ἱπποκράτης ἐξ ὅλου τοῦ σώματος, ὁ μὲν Δ. λέγων 'ἄνθρωποι εἷς ἔσται καὶ ἄνθρωπος πάντες'”].

Cronologia: II - III sec. d.C.
Fonte / Autore: Diogene Laerzio (in greco: Διογένης Λαέρτιος ; 180 – 240 d.C.)
Fonte / Opera: Vite dei filosofi – Libro IX, 24

 ESCAPE='HTML'

[“Melisso, figlio di Itagene, di Samo. Fu scolaro di Parmenide. (Però frequentò anche Eraclito, e in questa occasione lo rivelò agli Efesii che lo ignoravano, così come Ippocrate rivelò agli Abderiti Democrito.)”]
[...Fu anche (intendi: Melisso di Samo) uomo politico e godette il favore dei suoi concittadini; per cui, eletto navarca, anche più fu oggetto di ammirazione per il suo coraggio.
Pensò che il tutto fosse infinito ed immutabile ed immobile ed uno, omogeneo in se stesso e pieno; che il moto non esiste, ma è soltanto un'apparenza. Affermò che sugli dèi non bisogna pronunciarsi, perché di essi non è possibile conoscenza.
Apollodoro dice che fiorì nell’84.a olimpiade (anni: 444 a.C. – 441 a.C.)”.]

 ESCAPE='HTML'

Cronologia: VI sec. d.C.
Fonte / Autore: Aezio di Amida
Fonte / Opera: Sulle opinioni dei filosofi (di prob. prov. epicurea)
(IV, 4, 6 )–
*IV, 5, 1 –

 ESCAPE='HTML'

[“IV, 4, 6 - Democrito ed Epicuro ritengono l'anima composta di due parti: una, razionale, situata nel petto; una, irrazionale, diffusa per tutto l'organismo corporeo.
*IV 5, 1 - Infatti Ippocrate, Democrito e Platone ritengono che essa [la parte razionale dell'anima] abbia sede nel cervello”].

[“IV, 4, 6 - Δ., Ἐπίκουρος διμερῆ τὴν ψυχήν, τὸ μὲν λογικὸν ἔχουσαν ἐν τῶι θώρακι καθιδρυμένον, τὸ δὲ ἄλογον καθ' ὅλην τὴν σύγκρισιν τοῦ σώματος διεσπαρμένον.
*IV 5, 1 - Ἱπποκράτης μὲν γὰρ καὶ Δ. καὶ Πλάτωνἐν ἐγκεφάλωι τοῦτο [τὸ ἡγεμονικὸν] ἱδρῦσθαι”].

Cronologia: III - IV sec. d.C.
Fonte / Autore: Eusebio di Cesarea (265 d.C. – 340 d.C.)
Fonte / Opera: Chronicon

*[N.B.: del Chronicon, il cui originale è andato disperso, ci è pervenuta una traduzione in lingua armena ed una traduzione latina ad opera di San Girolamo (Sofronio Eusebio Girolamo / Sofronius Eusebius Hieronymus), ad entrambe le quali sottintendono i passi che seguono. Il manoscritto che venne rinvenuto nel 1782, risaliva al XII sec. d.C.].

 ESCAPE='HTML'

(San Girol.) = *[a) Furono in fama Empedocle e Parmenide filosofi fisici (anno di Abramo 1561; ARM. ol. 81, 1 = 456). b) A quest'epoca fu in fama Democrito di Abdera filosofo fisico, Empedocle di Agrigento (Akragantino) Zenone e Parmenide filosofi, ed Ippocrate di Ceo (anno di Abramo 1581 - 436)].

*[a) Ἐμπεδοκλῆς καὶ Π. φυσικοὶ φιλόσοφοι ἐγνωρίζοντο ...Abr. 1561; arm. ol. 81, 1 (456). b) τότε καὶ Δημόκριτος Ἀβδηρίτης φυσικὸς φιλόσοφος ἐγνωρίζετο καὶ Ἐμπεδοκλῆς ὁ Ἀκραγαντῖνος Ζήνων τε καὶ Π. οἱ φιλόσοφοι καὶ Ἱπποκράτης Κῶιος (...Abr. 1581 - 436)].

[...ol. 86, 1 (436)] *[Allora divennero famosi anche Democrito abderita, filosofo naturalista, Empedocle agrigentino (Akragantino), i filosofi Zenone e Parmenide ed Ippocrate di Cos].

[...ol. 86, 1 (436)] *[Ἐμπεδοκλῆς καὶ Π. φυσικοὶ φιλόσοφοι ἐγνωρίζοντο τότε καὶ Δημόκριτος Ἀβδηρίτης φυσικὸς φιλόσοφος ἐγνωρίζετο καὶ Ἐμπεδοκλῆς ὁ Ἀκραγαντῖνος Ζήνων τε καὶ Π. οἱ φιλόσοφοι καὶ Ἱπποκράτης Κῶιος].

Cronologia:  VI – VII sec. a.C.
Fonte / Autore: Stefano di Bisanzio (Στέφανος Βυζάντιος)
Fonte / Opera: Ethnika (᾿Εϑνικά)

 ESCAPE='HTML'

Insieme a Damascio, Teofilo ed Apollonio Citiense, fu tra i maggiori commentatori delle antiche opere ippocratiche. La sua monumentale opera geografica (titolata Ethnika), probabilmente compilata sotto Giustiniano, rimane ad oggi – insieme alla “Vita di Ippocrate” attribuita a Sorano – una delle fonti più attendibili per la comprensione della vita di Ippocrate e del suo pensiero.
L’opera di Stefano di B., infatti, non è esclusivamente un’opera geografica, ma venne arricchita dal suo autore anche con numerose notizie di carattere storico-letterario, concernenti anche la mitologia ed i culti religiosi della Grecia antica.
Vi leggiamo, ad esempio, notizie sulla pratica del salasso, in auge già ai tempi di Ippocrate:
Il primo esempio che s’abbia del salasso è di epoche non posteriori a quelle della guerra di Troja. Podalino (intendi: “Podalirio”), fratello di Macaone, fu gettato al suo ritorno sulle coste di Caria, ove guarì Syna, figlia del re Damate ch’era caduta di cima ad una casa, cavandole sangue da ambe le braccia. Questo fatto, conservato da Stefano di Bisanzio, è l’unico che si trovi innanzi ad Ippocrate che viveva settecento anni dopo la presa di Troja, e che parla spesso con lode del salasso come di pratica molto vecchia (da: “Dizionario delle invenzioni, origini e scoperte del 1850”, compilato da Noel, Carpantier e Puissant figlio, traduzione dal francese di Angiolo Orvieto).

 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'

Numerosissimi furono i commenti antichi agli Aforismi ippocratici: i più antichi - di Erofilo, Zeusi di Taranto ed Eraclide di Taranto - risalgono al 300 a.C.. Anche in Stefano di Bisanzio ritroviamo commenti agli scritti ippocratici.
A proposito dell’ipertermia, scriveva Ippocrate:
“Le malattie che le medicine non curano, le cura il ferro; quelle che il ferro non cura, le cura il fuoco; quelle che il fuoco non cura, bisogna ritenerle incurabili.” (Ippocrate, Aforismi)
E in un aforisma aggiungeva lo stesso Ippocrate: “Dammi il potere di provocare la febbre ed io sarò in grado di curare ogni malattia”.
A proposito dei mali che affliggono le parti prossimali della vescica, nell’Aforisma L. IV, 80, Ippocrate dà ad intendere che questi si verificano allorquando nelle urine il sangue ed i coaguli si accompagnino a dolore perineale e addominale.
Nel suo commento, Stefano di B., relativamente all’aforisma presente nel Libro IV, 80, scrive che, quando in presenza di cancro all’uretra si verificano fenomeni purulenti, tali fenomeni vanno ricondotti ad una doppia natura tumorale: difatti, secondo il commentatore, nell'uomo alcuni tumori verrebbero dispersi dal calore interno all’organismo, laddove al contrario tumori di altra natura - tra cui quello alla vescica - vanno in suppurazione, in quanto vanno a colpire parti del corpo meno calde, tra cui la materia nervosa.

Cronologia: X sec. d.C.
Fonte / Autore: - - - -
Fonte / Opera: SUDA (o Suida ; in greco: Σοῦδα o Σουίδα)

 ESCAPE='HTML'

*[(α.) ”L'α breve e con lo spirito aspro ( ἅ ) significa “qualsiasi cosa” ( ἅτινα , hatina) come in Ippocrate; in Democrito significa “le cose proprie” ( ἴδια , ídia ; *=* intendi: da ίδιος , ídios); e in Omero significa “le sue proprie” (τὰ ἑαυτοῦ , τά eaf̱toú)”]. *[(α.) ”βραχέως δὲ καὶ δασέως ( ἅ ) τὸ ἅτινα ὡς παρ' Ἱπποκράτει, παρὰ δὲ Δημοκρίτωι ἴδια, παρ' Ὁμήρωι τὰ ἑαυτοῦ”.]

**[”Acrone, akragantino (intendi: di Agrigento), medico, figlio di Senone. Dava dimostrazione della sua sapienza contemporaneamente ad Empedocle. È dunque più vecchio di Ippocrate. Scrisse un'opera Sulla medicina, in dialetto dorico, Sul vitto delle cose salutari in un libro. Anche costui è uno di quelli che diagnosticarono un certo tipo di respiro. Per lui Empedocle compose un epigramma mordace”]. **[“Ἄκρων, Ἀκραγαντῖνος, ἰατρός, υἱὸς Ξένωνος. ἐσοφίστευσεν ἐν ταῖς Ἀθήναις ἅμα Ἐμπεδοκλεῖ. ἔστιν οὖν πρεσβύτερος Ἱπποκράτους. [I 283. 5 App.] ἔγραψε Περὶ ἰατρικῆς δωρίδι διαλέκτωι, Περὶ τροφῆς ὑγιεινῶν βιβλίον α̅. ἔστι δὲ καὶ οὗτος τῶν τινα πνεύματα σημειωσαμένων. εἰς τοῦτον ἐποίησεν Ἐ. τωθαστικὸν ἐπίγραμμα”].

***[Democrito figlio di Egesistrato (secondo altri di Atenocrito o di Damasippo), nato nel tempo in cui nacque anche Socrate il filosofo, nella 77.a olimpiade (anni: 472 a.C. -469 a.C.), secondo altri nella 80.a (anni: 460 a.C. – 457 a.C.), filosofo, di Abdera (intendi: Ἀβδηρίτης / Abderita = da Άβδηρα) in Tracia, secondo alcuni scolaro di Anassagora e di Leucippo; a detta di altri, poi, anche di Magi e di Caldei della Persia. Giacché egli si recò fino ai paesi dei Persiani e degli Indi e degli Egizi, e presso quei popoli fu istruito nella sapienza a loro propria; poscia, ritornato dai viaggi, convisse coi fratelli Erodoto e Damaste.
Partecipò al governo in Abdera, essendo tenuto in onore per la sua sapienza. Divenne illustre, poi, il suo discepolo Metrodoro di Chio, il quale, a sua volta, ebbe scolari Anassarco ed il medico Ippocrate. Democrito fu soprannominato “Sapienza” ed anche “il (Gran) Derisore” (intendi anche: “il filosofo del riso") per la sua abitudine di deridere gli uomini nel loro attaccamento alle vanità; i suoi libri autentici sono due, la Grande Cosmologia e quello Sulla natura del mondo. Scrisse anche alcune Lettere"]. ***[“Δημόκριτος Ἡγησιστράτου (οἱ δὲ Ἀθηνοκρίτου ἢ Δαμασίππου) γεγονὼς ὅτε καὶ Σωκράτης ὁ φιλόσοφος κατὰ τὴν ο̅ζ̅ ὀλυμπιάδα [472-469] (οἱ δὲ κατὰ τὴν π̅ [460-457] φασίν)˙ Ἀβδηρίτης ἐκ Θράικης, φιλόσοφος, μαθητὴς κατά τινας Ἀναξαγόρου καὶ Λευκίππου, ὡς δέ τινες, καὶ μάγων καὶ Χαλδαίων Περσῶν˙ ἦλθε γὰρ καὶ εἰς Πέρσας καὶ Ἰνδοὺς καὶ Αἰγυπτίους καὶ τὰ παρ' ἑκάστοις ἐπαιδεύθη σοφά. εἶτα ἐπανῆλθε καὶ τοῖς ἀδελφοῖς συνῆν Ἡροδότωι καὶ Δαμάστηι. ἦρξε δὲ ἐν Ἀβδήροις διὰ τὴν ἑαυτοῦ σοφίαν τιμηθείς. μαθητὴς δὲ αὐτοῦ διαφανὴς ἐγένετο Μητρόδωρος ὁ Χῖος, οὗ πάλιν ἀκροαταὶ Ἀνάξαρχος καὶ Ἱπποκράτης ὁ ἰατρός. ἐπεκλήθη δὲ Σοφία ὁ Δημόκριτος καὶ Γελασῖνος δὲ διὰ τὸ γελᾶν πρὸς τὸ κενόσπουδον τῶν ἀνθρώπων˙ γνήσια δὲ αὐτοῦ βιβλία εἰσὶ δύο, ὅ τε Μέγας διάκοσμος καὶ τὸ Περὶ φύσεως κόσμου. ἔγραψε δὲ καὶ Ἐπιστολάς"].

Cronologia: XIX sec. d.C.
Fonte / Autore: - - - -
Fonte / Opera: C.M.G. - Corpus Medicorum Graecorum (C.M.G., V 10, 1)

 ESCAPE='HTML'

[Noi troviamo che anche l'acqua, se il fuoco o il sole la riscaldano eccessivamente, inclina, per così dire, alla salinità, solo che nel prendere tale sapore salato le acque si comportano in diversa maniera a seconda della loro originaria natura, e cioè l'acqua che prende rapidamente il sapore salato se viene riscaldata, e in cui esso sapore domina fondamentalmente, non si può bere. Anassagora chiama questo sapore “natronico” da “natron”, perché anche il natron è un sale. Ed Ippocrate dice di questo sapore che è prodotto dal calore, ma il calore che lo produce non dev'essere eccessivamente forte, come quello che produce l'amaro. Qui però c'è una prova che nel definire “natronico” questo sapore non ci si è comportati a dovere, poiché nel natron l'amaro supera il salato. Chi dunque ha indicato questo sapore con un nome più adatto è stato Ippocrate e Platone: ed infatti Ippocrate lo chiama “ricco di sale”, Platone “salato”.]

[Galeni In Hippocratis Epidemiarum librum I commentaria III, edidit E. Wenkebach; In Hippocratis Epidemiarum librum II commentaria V (in Germanicam linguam transtulit F. Pfaff, Leipzig et Berlin 1934)] – (traduzione araba di GALEN. / comm. in epid. II /) = (come già aveva fatto Alessandro) riporta un passo di Anassagora.

 ESCAPE='HTML'

Vogliamo finire qui con due strofe della Commedia dantesca, che il Boccaccio non avrebbe esitato a definire "divina":

 ESCAPE='HTML'

Euclide geomètra e Tolomeo, Ipocràte, Avicenna e Galïeno, Averoìs che 'l gran comento feo.

(INFERNO, CANTO QUARTO vv. 142-144)

 ESCAPE='HTML'

L'un si mostrava alcun de' famigliari di quel sommo Ipocràte che natura alli animali fe' ch'ell'ha piú cari;

(PURGATORIO - CANTO VENTESIMONONO vv. 136-138)

 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'

Esistono altre fonti storiche che possono testimoniarci dell’esistenza di Ippocrate, tra cui monete, miniature, statue, sarcofagi, ecc...
Al di là di suggestive – quanto fantasiose – ipotesi avanzate da alcuni studiosi, vogliamo qui ricordare:

*- il busto di un uomo calvo (la calvizie di Ippocrate è confermata da scritti biografici) e barbuto, rinvenuto nel 1940 ad Ostia (necropoli dell’Isola Sacra), nella tomba dell’archiatros greco-romano Gaio Marcio Demetrio, molto probabilmente risalente al II sec. d.C.. E’ nitidamente visibile la scritta “la vita è breve, l'arte è lunga”, che sembra richiamare in modo evidente l’aforisma ippocratico, il cui originale recita testualmente:
“Ὁ βίος βραχύς, ἡ δὲ τέχνη μακρή, ὁ δὲ καιρὸς ὀξύς, ἡ δὲ πεῖρα σφαλερή, ἡ δὲ κρίσις χαλεπή” (Ho bíos brachýs, he de téchne makré, ho de kairós oxýs, he de peîra sphaleré, he de krísis chalepé) – (Aforismi, 1, 1).
L'aforisma, spesso citato nella sua forma abbreviata “Ars longa, vita brevis”, evidentemente richiama il detto di Seneca “Inde illa maximi medicorum exclamatio est: «vitam brevem esse, longam artem»” (De brevitate vitae 1, 1) e venne tradotto nella letteratura latina in: “Vita brevis, ars longa, occasio praeceps, experimentum periculosum, iudicium difficile” ("la vita è breve, l'arte è lunga, l'occasione fuggevole, l'esperimento pericoloso, il giudizio difficile").
Le fattezze del busto rimandano ad altre rappresentazioni scultoree (copie marmoree del busto, statuette, sarcofagi, situate in altri Musei).

 ESCAPE='HTML'

**- un mosaico scoperto nel 1937 da L. Morricone nella c.d. “Casa di Asclepio”, nell’isola di Còo, per la cui datazione si può ipotizzare la metà del III sec. d.C. quale “terminus post quem” (non licet).

 ESCAPE='HTML'

Anche qui si riconosce la figura dottorale di un uomo anziano, avvolto nel suo mantello, presente nel momento in cui il dio Asclepio viene accolto da un viandante sull’isola di Còo.

*** - la sua effige, ormai rinomata, è ritratta su alcune monete in bronzo di Còo di epoca imperiale. Su di esse è impressa la scritta IP (= Ippocrate).

**** - una sua immagine - portata da una miniatura bizantina. Anche questa lo ritrae avvolto nel suo mantello (in Grecia chiamato “ἱμάτιον” , himation).