Crea sito

Indacanemia

INDACANEMIA

Etimologia : da indaco = dal greco ινδικόν , indikon / da cui il latino indicum / a indicarne la provenienza indiana / da cui indacano + -emia.
Concentrazione di indacano nel sangue al di sopra dei valori ritenuti normali, che variano da 0,3 a 1 mg. per 1000 ml. di siero.
Il suo aumento può essere rivelatore di patologie in atto (ad es.: stati morbosi da insufficienza renale ed epatica ovvero malattie intestinali da c.d. "putrefazione proteica" e, quindi, tossiemie intestinali, ipercrescita di batteri anaerobi, occlusioni intestinali, ecc.) che non ne permettano una sufficiente eliminazione per via renale o che facilitino una sua trasformazione da sottoprodotti della digestione del triptofano (indolo).
In tal caso è sufficiente eseguire un esame delle urine (il c.d. test dell’indacano) per rilevare se vi siano problemi di fermentazione intestinale da sovraproduzione di indacano da parte di lectine dannose. In condizioni di normofunzionalità renale, si avrà un’eccessiva presenza di indacano al momento della sua eliminazione con le urine (indacanuria).
In molti casi, può essere utile una dieta più equilibrata per riportare alla normalità tali valori.