Crea sito

Gervasi Proserpina Isotta

 ESCAPE='HTML'

GERVASI Proserpina Isotta

Proserpina Isotta Gervasi [medico italiano, Castiglione di Cervia (RA), 21.11.1889 – Modena, 17.06.1967).
Laureatasi nel 1917 in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Bologna, si specializza successivamente in Pediatria.
Due anni dopo - prima donna medico condotto d'Italia - inizia la professione medica anche nelle vesti di pediatra nei comuni ravennati di Savarna e San Zaccaria.
Sin dall’inizio mostra di abbracciare la professione di medico e di pediatra come una fede. Da allora verrà chiamata “il medico dei poveri” in quanto non si faceva mai pagare dalle persone più bisognose ed era pronta a superare mille difficoltà per i suoi spostamenti. Nel 1933 sveste il ruolo di medico condotto per aprire un ambulatorio in città di Ravenna che lascerà solo con l’avvento della guerra per spostarsi nella condotta del Comune di Savio.
Umile con le persone meno abbienti, sapeva però – come dimostrò dopo la guerra – vestire anche abiti signorili nelle case delle persone più facoltose, alimentata da svariati interessi come quello dei salotti culturali (fu amica intima di Grazia Deledda) o come la passione per il volo (prima donna della città di Ravenna, nel 1918).
Alla “fata Melusina” deleddiana – che regalava e non prendeva - nel 1965 fu assegnato anche il premio Missione del Medico dalla Fondazione Carlo Erba.
Ora riposa nel cimitero di Cervia.