Crea sito

Farnax

 ESCAPE='HTML'

FARNAX

Farnax [scrittore ( medico ? ) veterinario - ? -].
Anche la sua esistenza, come quella di Chirone che lo cita nel suo (?) Mulomedicina (Chironis) è avvolta nel mistero.
La sua origine dovrebbe essere greca, al pari di molti altri autori citati come fonti nel Mulomedicina. In effetti, molti studiosi fanno risalire tale nome ad una origine greco-orientale (precisamente Asia minore, Persia o Cappadocia).
Molto comune, invece, era tale nome a Roma, tra i liberti. Troviamo, ad esempio, un C. Iulius Farnax, probabilmente del II sec. d.C., di origine servile, appartenente al “Municipum Septimium Apulensis” ed un Farnax Irenicus, pure appartenente al Municipio Aurelio.
Si riportano qui di seguito i brani del Mulomedicina in cui appare il nome di “Farnax” (salvo omissioni e/o errori di trascrizione):

“...si febricitare coeperit, sicut farnax disputavit, signa erunt haec. venae omnes salibunt, graviter auriculae fervent et os fervebit et lingua naribus sublata erit et totum corpus calorem plenum, nonnunquam et tussiet. si febricitare coeperit iumentum, signa erunt haec.”

“§ 124 de febribus interaneis sio farnax scripsit. si iumentam ab interioribus febricitat, haec signa eront. ciba non tam modum solitum accipiet nec facile dormiet nee itam libenter bibet et nonnunquam ilia subdueii si [iumentum] nares mundos babuerit, ita in illo spes erit vivendi.”

“§268 XMI FARNAx de capitis dolore. qui capitis dolore yexabitar, signa eius eront haec. tumor circa oculos erit, caput mobile habebit et pabulum recusabit, et lingua et palatum et labia turgescunt. ex hi^ locus si obdurayerit, quantum morbus crescit, eo magis caput turgescit. Sic eum curato. sanguinem de palato mittito. creta Cimolea ex aceto [et] in^sam et merdam bubalam recentem et cominum tritum, haec omnia admisces, bene maturam facito et in cacabo super carbonibus bene caldum linito. curabis tamen, ne eam cretam in capite eius adstringas^ i» et aceto acro rigabis. deinde et calda ad curandum eum
fomentabis. hoc idem facies, donec sanum fiet.”

"XV il FARNAX de distensione. quod iumentum a di (ste)nsionem laborabit, signa erunt haec. caliginem patietur sive tremet totus. haec autem valitudo accedit, si quando iumentum ex aquae epifora et indigestione aonon donnierit et substrictus manserit.".