Crea sito

EUDEMO della Teriaca (II - I sec. a.C.)

 ESCAPE='HTML'

“Alia versibus ab Eudemo conscripta, quae Antiochi Philomitoris theriaca inscribitur, cuius principium hoc quidem est.”
[Istoria de Poeti Greci...scritta da Lorenzo Crasso..., Napoli, appresso Antonio Bulifon..., Anno 1678 - da Galeno, de Antidotis, L. secundus, 2.14 (14.185)].

Il testo continua in
“CL GALENI PERGAMENI QUINTA CLASSIS Eam Medicinae partem, Quae ad Pharmaciam..., Venetiis apud Iuntas, MDLVI”

 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'

EUDEMO della Teriaca

Eudemo (medico e poeta greco, I sec. a.C.).
Questo medico e poeta greco non assume ai nostri occhi rilevante importanza scientifica per la sua storia medica.
Come riportato in incipit, venne citato da Galeno anche per le sue composizioni sulla teriaca. Anche il Patrici lo ricorda quale “...medico, & altresì scrisse poesia della Teriaca” (Della Poetica, - Insegnante V. – di Francesco Patrici...Ferrara...1586), laddove viene ancora ricordato insieme ad altri medici: “... e le Teriache di Arato, di Nicandro, di Clinico, di Eudemo...”.
“Il famoso farmaco d’Eudemo, contro la morsicatura d’animali velenosi, era inciso sulle porte d’Asclepio di Coo” (Giuseppe Ferrario, Statistica Medica di Milano..., Milano,...1838). Nello stesso Plinio troviamo questa notizia, anche se l’autore non precisa di quale tempio si trattasse: “incisam lapide versibus in limine aedìs AEsculapii”.
Più precisamente, a proposito della Theriaca Antiochi, nella sua “Naturalis Historia”, 20.264, Plinio riporta: “(Et discessuri ab hortensiis) unam compositionem (ex his clarissimam) subteximus adversus venenata animalia incisam in lapide versibus Coi in aede Aesculapi. Serpylli duum denariorum pondus, opopanacis et mei tantundem singulorum, trifolii seminis pondus denarii, anesi et feniculi seminis et ammi et apii denarium senum e singulis generibus, ervi farinae denarium XII. Haec tusa cribrataque vino quam possit excellenti digeruntur in pastillos victoriati ponderum. Ex his singuli dantur ex vini mixti cyathis ternis. Hac theriace Magnus Antiochus rex adversus omnia venenata usus traditur aspide excepta.".
Qui Plinio cita Antioco come “Magnus Antiochus”, laddove invece in Galeno lo troviamo citato come "Antiochus Philometor" (Antiochus VIII Philometor – in greco: Ἀντίοχος Φιλομήτωρ, Γρυπός – re dal 125 a.C. sino alla morte nell’anno 96 a.C.).
Questa citazione di Plinio la ritroviamo anche in Galeno, il quale precisamente riporta:
"Pharmaca contra morsum viperi, inter quae theriaca quem Antiochus confecit: eam Plinius refert in muro templi Aesculapii inscriptam." Infra pergit: "Alia ab Eudemo metris exscripta, theriaca Antiochi Philometoris," cui insunt meum, serpyllum, opopanax, trifolium, anisum, feniculum, ammi, ervum, Chium. Plinius ita citatus dicit: (facendo poi seguire il su citato testo pliniano).