Crea sito

Epiglottide

EPIGLOTTIDE

Etimologia : dal greco  ἐπί  ,   epi  "sopra"  + γλωττίς  ,  glottis  "glottide".
Fibrocartilagine ricoperta di mucosa situata innanzi all’orifizio superiore della laringe con la funzione di valvola (quando la laringe, nell’atto della deglutizione, si alza) di modo che il bolo e la saliva siano direzionati nell'esofago verso lo stomaco. Con un non corretto funzionamento dell'epiglottide si rischia che parte del cibo finisca nei polmoni: in piccolissime quantità si può arrivare ad una polmonite, ma se in ingente quantità si può arrivare alla morte : il cibo finisce nelle vie aeree inferiori e si dice che "va di traverso".
Deve avere anche un compito fonetico: con le varie posizioni che assume in diversi suoni contribuisce a modificarne carattere e colorito. Contraendosi fortemente, partecipa alla formazione della voce di falsetto.
Normalmente si trova in posizione rialzata, ma durante l'inghiottimento l'elevazione dell'osso ioide solleva la laringe: l'epiglottide si abbassa in posizione orizzontale, andando a chiudere il dotto.
Risulta fissata in basso all'incisura mediana della tiroide per il legamento tiro-epiglottico mentre ai lati la mucosa si solleva in pliche che raccordano il suo margine con la lingua e con le aritenoidi. Essa in genere ricorda un Ω o un cappello da gendarme.
Può andare soggetta a numerose forme morbose, in parte legate alla patologia dell'ipofaringe, della base della lingua, della bocca dell'esofago e soprattutto della laringe: infezioni, edemi, infiammazioni, pericondriti, cisti, tumori