Crea sito

DIAMETRO CRANICO

Etimologia : Diametro  =  dal greco  διάμετρος  ,  diamĕtros /sottinteso γραμμή   ghramì  “linea”/, comp. di διά  , dia “attraverso”  e μέτρον  , metron  “misura”. Cranico  = dal greco κρανιακή  ,  kraniakè  / da κρανίον , kranion , “cranio” /.
Misura della distanza fra due punti individuabili nel cranio, utile per calcolare l’indice cranico e quindi sia le dimensioni che la forma del cranio.
Con riferimento alla testa, si parlerà di diametro cefalico e indice cefalico.
Si distinguono vari tipi di diametro. Ricordiamo qui:
-diametro trasverso, fra i due punti individuabili più lateralmente ed esternamente al cranio, detti euryon, per la misura della larghezza;
-diametro antero-posteriore, fra la glabella, punto anteriore del cranio, e l'opistocranio, punto più caudale del cranio, per la misura della lunghezza;
-distanza verticale fra il vertex, punto di massima elevazione del cranio, e la retta che unisce idealmente in senso orizzontale i punti superiori dei fori auricolari. Riferita al cranio, quest'ultima misura si ottiene calcolando la distanza fra il punto bregmatico ed il basion. Vale per la misura dell’altezza.
Rapportando fra loro percentualmente tali valori si ottengono i vari indici cranici.
Il passaggio dai valori calcolati per i crani secchi a quelli presunti per il vivente si realizza aggiungendo da 2 a 5 punti al valore dell'indice considerato.