Crea sito

Choiromyces meandriformis

 ESCAPE='HTML'

CHOIROMYCES MEANDRIFORMIS

Choiromyces meandriformis Vittad., 1831 è un fungo appartenente alla famiglia delle Tuberaceae.
Descrizione della specie:
La Choiromyces meandriformis Vittad., 1831 come specie è quasi identica al Tuber magnatum, da cui si differenzia per il colore crema mischiato ad ocra-nocciola.
Odore: a completa maturità l’odore è forte e nauseabondo.
Commestibilità: è considerato velenoso, anche se non di gravissima entità. Difatti, questa specie provoca una sindrome lassativa da non sottovalutare (gastroenterite con diarree importanti). Per tale ragione non ne è consentita la raccolta e la commercializzazione.
Nome volgare: falso tartufo bianco o fungo dei porci.
Sinonimi:
Tuber meandriformis
Specie simili:
Tuber magnatum (Tartufo bianco).

Il genere Choiromyces è un genere di funghi ascomiceti ipogei appartenente alla famiglia Tuberaceae.
Si tratta di funghi tuberosi irregolari, con peridio rugoso e biancastro e la carne (gleba) anch'essa biancastra, con cavità sinuose.
Le specie di questo genere non sono considerate commestibili.
Specie di Choiromyces:
Choiromyces aboriginum Trappe (1979)
Choiromyces alveolatus (Harkn.) Trappe (1975)
Choiromyces castaneus Quél.
Choiromyces compactus Gilkey (1939)
Choiromyces concolor (Wallr.) Tul.
Choiromyces cookei Gilkey (1954)
Choiromyces ellipsosporus Gilkey (1925)
Choiromyces gangliformis Vittad. (1831)
Choiromyces ganglioides Zobel (1854)
Choiromyces gibbosus (Dicks.) J. Schrö
Choiromyces magnusii (Mattir.) Paol.
Choiromyces meandriformis Vittad. (1831)
Choiromyces setchellii Gilkey (1939)
Choiromyces terfezioides Mattir. (1887)
Choiromyces tetrasporus Velen. (1939)
Choiromyces venosus (Fr.) Th. Fr.
Choiromyces viridis Tul. & Berk.

In effetti, l’unica specie che viene considerata commestibile in letteratura è la specie Choiromyces magnusii (Mattir.) Paol., da cui gli autori mettono in guardia dal non confonderla con le altre specie considerate velenose, in particolar modo la specie Choiromyces meandriformis Vittad., 1831.

 ESCAPE='HTML'