Crea sito

Brown Robert (21.12.1773 - 10.06.1858)

BROWN Robert

Robert Brown (botanico britannico, Montrose, Angus, Scozia, Regno Unito, 21 dicembre 1773 – Londra, Regno Unito, 10 Giugno 1858).
Studiò medicina presso le Università di Aberdeen e Edimburgo.
Nel 1795, ultimati gli studi medici, si arruolò nell'esercito come assistente chirurgo rimanendovi sino al 1800. Si appassionò alla botanica durante la permanenza in Irlanda.
Nel 1801 si imbarcò come naturalista nella spedizione che l’HMS Investigator fece lungo le coste meridionali australiane. Fino al 1803, circumnavigando l’Australia, ebbe quindi modo di fare un’ampia collezione di piante (circa 3.900 specie) che al ritorno, nel 1805, provvide a classificare. Da qui partirono i suoi studi sulla morfologia e l’embriologia delle piante. Nei suoi studi di botanica fu uno dei primi ad utilizzare ampiamente un microscopio nella sua professione che gli permise di registrare come proprietà naturale della materia il continuo spostamento particellare dei pollini in sospensione nei liquidi, definito come Moto Browniano. Migliorò poi la classificazione naturale delle piante, definì le distinzioni tra angiosperme (piante da fiore) e gimnosperme (conifere) e identificò nel nucleo (core) la struttura intracellulare comune alla maggior parte delle piante. La scoperta fu fondamentale per l'affermazione della teoria cellulare anche se Brown, tuttavia, non ipotizzò che il nucleo fosse una struttura presente in tutte le cellule ma che fosse tipica delle sole Monocotiledoni.
Nel 1827 divenne custode del dipartimento di botanica da poco inaugurato al British Museum di Londra.
Tra le sue opere, ricordiamo:
Prodromus Florae Novae hollandiae (1810) in cui descrive le specie segnalate dall'Australia; "Una breve considerazione delle osservazioni microscopiche sulle particelle contenute nel polline delle piante, e in generale l'esistenza di molecole attive nei corpi organici e inorganici" (1828) in cui fa considerazioni su quello che successivamente sarebbe poi stato definito il “moto browniano”.