Crea sito

BARRIERA EMATO - TESTICOLARE

Struttura localizzata tra il lume del capillare interstiziale ed il lume del tubulo seminifero. Essa è costituita anatomicamente dalle cellule del Sertoli (nei tubuli seminiferi del testicolo) oltre che da endotelio capillare, lamina basale capillare, endotelio linfatico, cellule mioidi e lamina basale del tubulo seminifero.
Speciali complessi giunzionali serrati occludenti (tight junctions) hanno la funzione di isolare il lume dei tubuli seminiferi dal fluido interstiziale che li circonda isolandoli dal sangue ed impedendo il passaggio delle grosse molecole idrofile (tra cui gli anticorpi) tra il compartimento basale ed il lume dei tubuli seminiferi, condizione necessaria per una normale funzione spermatogenetica e quindi per il normale funzionamento dell'apparato genitale maschile.
In questo modo le cellule del Sertoli (che svolgono anche funzione fagocitaria nei confronti dei residui citoplasmatici del differenziamento degli spermatozoi) supportano la funzione delle cellule germinali e stimolano la spermiogenesi sia fornendo nutrienti quali lipidi, glicogeno e lattato sia mantenendo un certo numero di cellule staminali (spermatogoni) che permettano il differenziamento dei gameti in cellule mature sino al rilascio degli spermatozoi.
Fenomeni infiammatori locali del testicolo, torsioni e traumi testicolari, orchiti e vasectomia possono causare una interruzione della barriera a seguito della quale gli spermatozoi (che hanno un corredo di 23 cromosomi) vengono a contatto con le cellule del sistema immunitario (che hanno un corredo di 46 cromosomi) venendo da queste identificati come estranei (non self) e causando sterilità auto-immune a seguito della formazione di anticorpi specifici.
Il legame degli anticorpi con gli spermatozoi generalmente si instaura nell’epididimo o nelle vie spermatiche superiori e tali anticorpi solitamente si localizzano a livello della testa dello spermatozoo o del flagello.
Il momento di passaggio dalla fase mitotica (spermatogoni e spermatociti) a quella meiotica (spermatociti secondari e spermatidi) è l’unico in cui la barriera permette un flusso verso il tubulo seminifero.