Crea sito

Balsamia vulgaris

BALSAMIA VULGARIS

Balsamia vulgaris Vittad., 1831 (o Tartufo matto o matta) è un genere di funghi ascomiceti della famiglia Helvellaceae.
Vi appartengono funghi ipogei, globosi, con peridio finemente verrucoso, color arancio o ruggine; gleba molle, color bianco avorio, con piccole cavità, non commestibili, maleodoranti (ne proviene un odore nauseante e sgradevole che rende tale fungo facilmente individuabile e per nulla appetibile).
Habitat: il fungo cresce da inverno sino a metà primavera abbastanza frequentemente nei boschi di latifoglie, come i faggeti, ma spesso si può incontrare anche sotto le erbe dei parchi, nell'Italia settentrionale ed in altri paesi d'Europa.
Commestibilità: a volte il fungo viene portato sui mercati, mescolato accidentalmente o ad arte ai tartufi bianchi, ma è di pessima qualità. Tale specie è infatti leggermente tossica, tanto da provocare disturbi gastrointestinali (con nausea, vomito e diarrea). La Balsamia vulgaris, difatti, é una delle specie ipogee ritenuta tossica da numerosi autori e di cui non é consentita la raccolta e la commercializzazione (ma in letteratura la troviamo anche riportata come specie “commestibile di scarso valore”).

Le altre specie incluse nel genere sono:
•    Balsamia alba Harkn., 1899
•    Balsamia ambigua Petitb., 1966
•    Balsamia filamentosa Harkn., 1899
•    Balsamia fragiformis Tul. & C. Tul., 1851
•    Balsamia fusispora Schulzer, 1871
•    Balsamia magnata Harkn., 1899
•    Balsamia nigrescens Harkn., 1899
•    Balsamia platyspora Berk., 1844
•    Balsamia polysperma Vittad., 1831