Crea sito

AVVELENAMENTO DA PIANTE

 ESCAPE='HTML'

PIANTE VELENOSE

Un capitolo a parte meritano le piante “velenose”.
Per definizione una pianta può definirsi "velenosa" se contiene, in una qualsiasi sua parte, "principi attivi" in grado di arrecare un danno alla salute di chi ne viene, in qualsiasi modo, a contatto oppure se, consumata a scopo alimentare o fitoterapico, se ne fa un uso errato - dal punto di vista della quantità o della qualità - durante la sua preparazione. In poche parole, è l’uomo che determina il grado di pericolosità di una pianta e possono quindi rivelarsi tossiche anche le piante più comuni e più vicine a noi. Dal momento che esistono solo modi o usi corretti o scorretti di approcciarsi ad un loro eventuale utilizzo o contatto, il concetto che se ne trae è quello che non può delinearsi una netta distinzione tra “piante buone o utili” e “piante cattive o dannose”, in quanto ogni sostanza in esse contenuta, soprattutto se usata in una dose sbagliata, può rivelarsi tossica per l'uomo. Volendo parafrasare Paracelso, possiamo quindi affermare che " ... Ogni sostanza è veleno e nessuna è perfettamente innocua; soltanto la dose ne determina la velenosità ...".
Ancora, piante del tutto innocue per alcuni possono risultare pericolose per soggetti allergici o particolarmente sensibili, nei quali possono scatenare reazioni più o meno gravi.
L’urbanizzazione della popolazione mondiale ha in qualche modo tagliato i ponti con un mondo di esperienze che per generazioni ha contraddistinto la civiltà contadina. Quando ci si appropinqua all’uso o al contatto di piante poco conosciute è pertanto buona norma non farsi trascinare dall’impulsività o da colori invitanti (ma ingannevoli) o da criteri sbagliati (una bacca - come ad esempio nel caso dell’Actea - può essere non tossica per alcuni uccelli ma tossica per l’uomo).

  • Aconito napello-foglie/radici
  • Actea - bacche
  • Adonis vernalis
  • Aesculus hippocastanum
  • Ailanthus altissima
  • Amaryllis belladonna
  • Anemone coronaria
  • Anemone nemorosa
  • Anthurium Andraeanum Linden
  • Arum maculatum
  • Asclepias syriaca
  • Atropa belladonna
  • Bryonia dioica Jacq.
  • Buxus sempervirens
  • Ricina - semi
  • Robinia pseudoacacia-albero
  • Tamus communis