Crea sito

AMMONIO LITOTOMO

 ESCAPE='HTML'

AMMONIO LITOTOMO

Ammonio Litotomo (Ἀμμώνιος , Ammónios / Ammonius Lithotomus, chirurgo greco, III sec. a.C.).
Visse ad Alessandria d'Egitto sotto il regno di Tolomeo Filadelfo (283-247 a.C.) ed eccelse nell’ambito della chirurgia.
Secondo quanto scrive Curzio Sprengel in “Storia prammatica della medicina” (1840) – citando varie fonti - in Alessandria vi erano “chirurghi occupati unicamente in essa (intendi la litotomia), i quali perciò ottennero il nome di litotomi. Si eseguiva l’operazione col piccolo apparato descritto da Celso. Un certo Ammonio detto il litotomo per antonomasia vi aggiunse uno stromento, con cui tentava di rompere nella stessa vescica il calcolo quand’eccedeva. Favoriva molto l’applicazione dei caustici, e usava non di rado la sandaraca (in Galeno troviamo menzionata una preparazione che avrebbe utilizzato Ammonio composta da arsenico, sandarac, rame e calce viva).
Alcuni preparati medici utilizzati da un medico dello stesso nome si ritrovano in alcuni scritti dei medici bizantini Aezio di Amida (VI sec. d.C.) e Paolo di Egina (625 ? – 690 ?); non è però certo che essi appartengano tutti alla stessa persona.
Come ipotizzato anche da sir James Sands Elliott in “Outlines of Greek and Roman medicine” (1914, pag. 74), al tempo di Ammonio (viene indicato l’anno 287 a.C.) erano già state introdotte in Egitto - e particolarmente in Alessandria - alcune tecniche chirurgiche dall’India relative ad interventi all’occhio ma soprattutto di litotomia (all’epoca era praticata abitualmente anche l’uretrotomia). Il metodo però di frantumare i calcoli della vescica urinaria, anche e soprattutto quelli troppo grandi per essere asportati, fu messo a punto da Ammonio, al quale appunto per la sua tecnica fu attribuito il nome di “litotomo” (appunto “il tagliatore di pietre”, dal gr. λιϑοτομία / lithotomía, comp. di λίϑος / líthos ‘pietra’ e di un der. di témnō –taglio = τομία /tomia). Al riguardo, v. anche William Smith nel suo “Dictionary of Greek and Roman Biography and Mythology”(1870).
Ma lo stesso Elliott ci fornisce anche una descrizione di come venisse frantumato il calcolo della vescica urinaria prendendola da quella particolareggiata che ci da Celso nel suo “De Medicina” – Liber VII – Proemium (De chirurgica, et qui in ea claruerint, et qualis esse chirurgus debeat, et quid hoc in libro describatur) richiamandosi anche al chirurgo Ammonio (Hammonius Alexandrini): “...[1] Tertiam esse medicinae partem, quae MANU curet, et vulgo notum et a me propositum est. Ea non quidem medicamenta atque victus rationem omittit, sed manu tamen plurimum praestat, estque eius effectus inter omnes medicinae partes evidentissimus. Siquidem in morbis, cum multum fortuna conferat, eademque saepe salutaria, saepe vana sint, potest dubitari, secunda valetudo medicinae an corporis an *** beneficio contigerit. [2] In is quoque, in quibus medicamentis maxime nitimur, quamvis profectus evidentior est, tamen sanitatem et per haec frustra quaeri et sine his reddi saepe manifestum est: sicut in oculis quoque deprehendi potest, qui a medicis diu vexati sine his interdum sanescunt. At in ea parte, quae manu curat, evidens omnem profectum, ut aliquid ab aliis adiuvetur, hinc tamen plurimum trahere. Haec autem pars cum sit vetustissima, magis tamen ab illo parente omnis medicinae Hippocrate quam a prioribus exculta est. [3] Deinde posteaquam diducta ab aliis habere professores suos coepit, in Aegypto quoque Philoxeno maxime increvit auctore, qui pluribus voluminibus hanc partem diligentissime conprehendit. Gorgias quoque et Sostratus et Heron et Apollonii duo et Hammonius Alexandrini multique alii celebres viri singuli quaedam reperierunt. /Ac/ Romae quoque non mediocres professores, maximeque nuper T/r/yphon pater et Euelpistus et, ut scriptis eius intellegi potest, horum eruditissimus Meges quibusdam in melius mutatis aliquantum ei disciplinae adiecerunt.
... [3a] At calculus harenosus et ante manifestus est, quoniam e/o/ urina quoque redditur harenosa, et in ipsa curatione, quoniam inter subiectos digitos neque aeque renititur et insuper dila/bi/tur. Item molles calculos et ex pluribus minutisque sed inter se parum adstrictis compositos indicat urina trahens quasdam quasi squamula/s/. Hos omnes leniter permutatis subinde digitorum vicibus sic oportet adducere, ne vesicam laedant neve intus aliquae dissipatae reliquiae maneant, quae postmodo curationi difficultatem faciant. [3b] /Quic/quid autem ex his in conspectum venit, vel digitis vel unco eximendum est. Ac si plures calculi sunt, singuli protrahi debent, sic tamen /ut,/ si quis exiguus supererit, potius relinquatur. Siquidem in vesica difficulter invenitur, inventusque celeriter effugit. Ita longa inquisitione vesica laeditur, excitatque inflammationes mortiferas, adeo ut quidam non secti, cum diu frustraque per digitos vesica esset agitata, decesserint. Quibus accedit etiam, quod exiguus calculus ad plagam urina postea promovetur et excidit. Si quando autem is [maior] non videtur nisi rupta cervice extrahi posse, findendus est: cui/u/s repertor Hammonius ob id λιθο/τό/μος cognominatus est. Id hoc modo fit: uncus inicitur calculo sic, ut facile eum concussum quoque tene/a/t, ne is retro revolvatur; tum ferramentum adhibetur crassitudinis modicae, prima parte tenu/i/ sed retus/a/; quod admo/t/um calculo ex altera parte ictu eum findit, magna cura habita, ne aut ad ipsam vesicam ferramentum perveniat, aut calculi fractura ne quid incidat.”.
Essenzialmente, viene indicato il procedimento come segue: "Una sorta di uncino viene fissato sul calcolo, in modo da tenerlo fermo anche quando viene scosso, e non farlo spostare all'indietro. Si utilizza poi uno strumento di ferro, di spessore contenuto, con la punta sottile e smussata, con il quale si colpisce la "pietra" praticando una fenditura sulla sua superficie per poterla poi rompere. Occorre fare molta attenzione affinché lo strumento non entri in contatto con la vescica e che nessun frammento vi cada quando la pietra si rompe".

 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'

Noi, tramite Celso, sappiamo come venisse eseguita la litotomia prima e durante il suo tempo; dal che l’operazione prese da allora il nome di “Metodo Celsiano” (v. al riguardo John William Severin Gouley,  “Diseases of the urinary apparatus: phlegmasic affections” (1892). Celso, il primo che abbia parlato di litotomia (Libro VII, cap. 26 n. 4), parlando dei calcoli delle donne, dice che, in esse, “ubi parvulus calculus est” (piccoli calcoli) “scalpellus supervacuus est, quia is urina in cervicem compellitur, qua et brevior, quam in maribus, et laxior est. Ergo et per se saepe excidit, et si in urinae itinere, quod est angustius inhaeret, eodem tamen unco sine ulla noxa educitur” (cioè usando l’uncino che anticamente si usava nel piccolo apparecchio). “At in majoribus calcoli necessaria eadem curatio est” (ossia il taglio col su citato piccolo apparecchio). Celso accenna anche ad uno strumento inventato da Megete Sidonio per estrarli. Lo stesso Celso precisa che, laddove i calcoli per le loro dimensioni non riescano ad uscire naturalmente, c’è il pericolo della gangrena alla vescica che anche qui può portare alla morte.
In realtà, però - come volle precisare anche Giuseppe Bresciani De Borsa nel suo “Saggi di Chirurgia teorico-pratica (pagg. 313 e segg., Verona, 1843) - la tecnica più antica di estrazione delle pietre dal “serbatoio delle urine” risaliva appunto agli Egizi. E, continua il Bresciani, gli stessi Sprenghel, Bronfield e Clossio ritenevano che lo stesso Ammonio – e successivamente Megete (Meges) a Roma - avesse operato col metodo del “piccolo apparecchio”. L’operazione (del piccolo apparecchio) doveva – secondo l’autore – prendere il nome da Antillo, il quale fu il primo a parlarne e non da Celso.
Al riguardo, tra altri [come riportato da Appiano Buonafede ne “Della istoria e della indole di ogni filosofia” (1837)] Daniel Leclerc (1652-1728) precisò (nella sua “Histoire de la médecine” – par.II, lib.I, c.10) che “...a questo proposito insegna (intendi qui Celso) che i nostri Litotomi, che non taglian le pietre, ma la vescica, debbono nominarsi Cistotomi”.

 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'
 ESCAPE='HTML'