Crea sito

ALBRIGHT FULLER (12 gennaio 1900 - 8 dicembre 1969)

FULLER ALBRIGHT

Albright Fuller (Fuller era il cognome da nubile della madre) - (medico ed endocrinologo statunitense, Buffalo, Stato di New York, 12 gennaio 1900, Massachusetts General Hospital di Boston, 8 dicembre 1969).
Conseguì la laurea in medicina all’Harvard College nel 1924. Successivamente si specializzò in medicina interna presso il Johns Hopkins Hospital di Baltimora e di Vienna dedicandosi agli studi sul metabolismo e l’avvelenamento da piombo con Joseph C. Aub (1890-1973).
Nel 1927 lavorò come assistente presso la Johns Hopkins e poi si trasferì a Berlino, dove – insieme con Hermann Zondek (1887-1979) – compì studi sull’ipofisi.
Nei primi anni trenta sviluppò un gruppo di ricerca sull'endocrinologia.presso il Massachusetts General Hospital di Boston.
Nel 1933 sposò Claire Birge, dalla quale ebbe due figli.
Nel 1937 sviluppò il morbo di Parkinson nonostante il quale continuò il suo lavoro. Nel luglio 1956 tentò un estremo trattamento chirurgico che si risolse però con una emorragia intracranica.
Morì presso il Massachusetts General Hospital di Boston tredici anni più tardi dopo essere scivolato nell’incoscienza.
Noto per gli studi sul metabolismo del calcio.
Nelle sue 118 pubblicazioni descrisse la displasia fibrosa poliostotica (successivamente chiamata sindrome di McCune-Albright-Sternberg), i diversi tipi di ipertiroidismo, la malattia delle paratiroidi, la condizione clinica caratterizzata dall'eccesso di ormoni glucocorticoidi nel circolo ematico (per la quale nel 1943 coniò il termine “sindrome di Cushing”), l'acidosi tubulare renale, i disturbi osteoporotici dopo la menopausa, le alterazioni degli ormoni sessuali. Ha partecipato alla applicazione clinica iniziale della terapia con steroidi di cui studiò gli effetti collaterali.
Con particolari processi per la determinazione degli ormoni follicolo-stimolante riuscì a distinguere la disgenesia gonadica (vedi sindrome di Morgagni-Turner-Albright) da altre forme di amenorrea primaria nonché la sindrome di Klinefelter da altre forme di alterata struttura e morfologia delle gonadi.