Crea sito

Aerenchima

AERENCHIMA

Etimologia : dal greco  ἀήρ, ἀέρος , aér, aéros  “aria (bassa che respiriamo)” / latino aer-aeris / + dal greco εγ , en “in” + χέω , cheo “versare” = εγχέω , encheo “infondere, spandere” / da cui enchima [parte del termine parenchima, παρέγχυμα -ατος, der. di παρεγχέω, coniato da Erasistrato (IV-III secolo a.C.) come termine anatomico: "ciò che le vene versano dentro il fegato, i polmoni, ecc. formandone i tessuti"] /.
Tessuto di natura parenchimatica (detto anche parenchima aerifero) caratterizzato da un sistema di ampi spazi intercellulari, spesso disposti secondo un elegante schema geometrico per meglio favorire il passaggio dei gas. Tale tipo di tessuti, dotati di ampie lacune, è tipico delle parti sommerse delle piante acquatiche o di palude (Ninfee) ma si può sviluppare anche in alcuni organi di piante sommerse come risposta a stati di asfissia.
E’ localizzato prevalentemente nel picciolo, nella lamina fogliare, nelle radici e nel fusto.