Crea sito

ABERCROMBIE John (10 ottobre 1780 – 14 novembre 1844)

ABERCROMBIE John

John Abercrombie (medico e filosofo scozzese, Aberdeen, 10 ottobre 1780 – Edimburgo, 14 novembre 1844).
Si laureò a Edimburgo nel 1803 dove divenne membro del Royal College of Surgeons.
Nel 1834 gli venne assegnato il dottorato di Medicina presso l'Università di Oxford e la vice presidenza della Royal Society di Edimburgo.
Esercitò come medico presso il St George's Hospital a Londra e nel 1836 fu Rettore del Marischal College (ora Università di Aberdeen).
Dopo un attacco di paralisi subìto nel 1841, nel 1844 fu trovato morto nella sua stanza (il referto dell’autopsia fu : rottura arteria coronarica con emopericardio).
Agli inizi della professione esercitò come medico generico ma successivamente la sua fama crebbe e le sue qualità emergono dai suoi importanti studi sull’ulcera gastrica e sul sistema nervoso.
Nel 1816 ha iniziato a pubblicare articoli nella Edinburgh Medical and Surgical Journal, che ha costituito la base delle sue opere più note. Fu suo nel 1828 il primo libro di testo di neuropatologia sulle malattie del cervello e del midollo spinale (Pathological and Practical Researches on Diseases of the Brain and Spinal Cord) e lui fu il primo a trattare le neuropatie come entità separate.
I suoi scritti, oltre che di medicina, trattano anche di filosofia morale (“Inquiries concerning the Intellectual Powers of Man and the Investigation of Truth” del 1830 e “The Philosophy of the Moral Feelings” del 1833).
E’ ricordata la sua nobile attività filantropica ad Edimburgo dove assistette i poveri durante l’esercizio della sua professione medica.
Le sue numerose e istruttive osservazioni mediche sono frutto dell’esperienza privata in quanto egli – al di là di ogni teoria - fu un tenace assertore della medicina empirica.